Yemen – Il Programma Alimentare Mondiale: “catastrofica” la designazione USA degli Ḥūthi come terroristi

Le zone controllate dagli Ḥūthi sono quelle in verde (Autore: TheMapLurker)

di Margaret Besheer

Libera traduzione da: Voice of America, January 14, 2021, 03:28 PM

Giovedì scorso il Capo [Direttore Esecutivo, N.d.T.] del Programma Alimentare Mondiale ha fatto appello all’Amministrazione Trump perché revochi la sua decisione di designare un gruppo ribelle yemenita come entità terroristica, dicendo che di conseguenza milioni di persone precipiterebbero nella carestia nel Paese dilaniato dalla guerra, perché le importazioni di cibo sarebbero ridotte.

“Stiamo lottando ora senza la designazione; con la designazione, sarà catastrofico”, ha detto il Capo del PAM David Beasley, un Americano che è stato nominato alle Nazioni Unite dal Presidente Donald Trump. “Sarà letteralmente una condanna a morte per centinaia di migliaia, se non milioni di persone innocenti nello Yemen”.

Il logo calligrafico del movimento Ḥūthi recita: “Oh voi che credete, siate sostenitori di Dio”

Nella tarda serata di domenica scorsa il Segretario di Stato USA Mike Pompeo aveva annunciato che intendeva designare il gruppo ribelle degli Ḥūthi sostenuto dall’Iran come “Organizzazione Terroristica Straniera” (FTO), uno strumento utilizzato per interrompere il sostegno finanziario alle reti terroristiche.

Pompeo ha affermato che la designazione, che avrà effetto dal 19 gennaio, l’ultimo giorno intero dell’Amministrazione Trump, ha lo scopo di ritenere gli Ḥūthi responsabili degli attacchi transfrontalieri che ha effettuato, nonché “di promuovere gli sforzi per raggiungere uno Yemen pacifico, sovrano e unito, libero dalle interferenze iraniane e in pace con i suoi vicini”.

Lo Yemen importa il 90% dei suoi alimenti, quasi tutto tramite canali commerciali. Fornitori, banchieri, spedizionieri e altri che temono di entrare in conflitto con le normative USA potrebbero smettere di fare affari con gli importatori yemeniti. L’ONU afferma che le agenzie umanitarie non possono sostituire il sistema di importazione commerciale – su cui fanno affidamento circa 17 milioni di Yemeniti per le scorte alimentari – e se le importazioni si prosciugano o i prezzi salgono alle stelle, milioni moriranno di fame.

“Questa designazione deve essere rivista, deve essere rivalutata e, francamente, deve essere annullata”, ha detto Beasley durante una riunione virtuale del Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

Mark Lowcock, Capo [Sottosegretario Generale, N.d.T.] per gli aiuti umanitari [e coordinatore dei soccorsi di emergenza, N.d.T.] dell’ONU, ha detto che la più urgente priorità in Yemen in questo momento è quello di scongiurare una carestia di massa.

“Ogni decisione che il mondo prende in questo momento deve tenerne conto”, ha detto Lowcock.

Il capo del PAM Beasley ha detto che 16 milioni di Yemeniti sono attualmente in crisi alimentare, inclusi 50.000 che sono già in condizioni di carestia. Altri cinque milioni sono solo un passo dietro di loro. Ha detto che la sua Agenzia sta lottando per tenere il passo finanziariamente e che dovrà tagliare ulteriormente le razioni.

Ha detto che dei 13 milioni di persone che il PAM [il suo logo a lato, N.d.T.] sta nutrendo, 9 milioni hanno già dimezzato le loro razioni a causa della carenza di finanziamenti, e che dal 1° febbraio, senza più soldi, dovranno ridurle di nuovo al 25%.

“Cosa pensate che succederà a quei cinque milioni di persone che già ora si trovano nella classificazione di emergenza? Stanno per precipitare in condizioni di carestia”, ha avvertito.

Il Segretario Pompeo ha promesso deroghe e permessi per ridurre l’impatto sulle attività umanitarie, ma le agenzie umanitarie, a pochi giorni dall’entrata in vigore della designazione, hanno detto di attendere dettagli su come dovrebbe funzionare.

“Crediamo che questo passo sia la mossa giusta per inviare il segnale giusto se vogliamo che il processo politico vada avanti”, ha detto il Vice Ambasciatore USA all’ONU Richard Mills al Consiglio della FTO, pur ribadendo l’importanza del lavoro umanitario in futuro.

I membri del Consiglio di Sicurezza hanno espresso preoccupazione che la mossa degli Stati Uniti abbia un impatto sia sugli sforzi umanitari che su quelli politici, e molti hanno esortato Washington a mitigare tali conseguenze.

Martin Griffiths, inviato politico delle Nazioni Unite, ha anche affermato che la designazione potrebbe avere un “effetto agghiacciante” sui suoi sforzi per riunire le parti.

“Speriamo tutti di avere assoluta chiarezza su deroghe di vasta portata per poter svolgere i nostri compiti”, ha detto.

La designazione degli Stati Uniti è stata fatta con il pieno sostegno del governo dello Yemen, che da più di cinque anni combatte i tentativi degli Ḥūthi di prendere il potere.

“Crediamo che se la implementassimo, questa designazione porterebbe al prosciugamento delle fonti di finanziamento degli Ḥūthi e farebbe pressioni reali sul gruppo”, ha detto Aḥmed bin Mubārak, nuovo Ministro degli Esteri dello Yemen durante un incontro virtuale dalla capitale temporanea Aden.

Ha aggiunto che le preoccupazioni umanitarie dovrebbero essere affrontate e alleviate, ma che sugli Ḥūthi deve essere esercitata ogni tipo di pressione per spingerli alla pace.

Alcuni analisti affermano che l’Amministrazione entrante di Biden potrebbe non essere in grado di annullare facilmente la designazione, anche se lo desiderasse.

“La decisione legherà le mani dell’Amministrazione entrante in quanto, cosa non facile, dovrà cercare di invertire la decisione o di giustificare davanti al Congresso perché voglia trattare con gli Ḥūthi nonostante la designazione”, ha detto Nabeel Khoury, membro anziano del think-tank Atlantic Council [specificamente, presso l’Atlantic Council’s Rafik Hariri Center for the Middle East, N.d.T.], dopo l’annuncio degli Stati Uniti. “Inoltre, la decisione passa nelle mani dei sostenitori della linea dura all’interno dell’organizzazione Ḥūthi e rende difficile per la loro leadership impegnarsi in colloqui di pace”.

Più di cinque anni di guerra tra il governo del Presidente ‘Abd Rabbuh Manṣūr Hādī, sostenuto dall’Arabia Saudita, e i ribelli Ḥūthi, sostenuti dall’Iran, hanno spinto il Paese più povero del Medio Oriente sull’orlo del baratro.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    May 2021
    Ramadhan - Shawwal 1442
    S M T W T F S
    1
    19
    2
    20
    3
    21
    4
    22
    5
    23
    6
    24
    7
    25
    8
    26
    9
    27
    10
    28
    11
    29
    12
    30
    13
    1
    14
    2
    15
    3
    16
    4
    17
    5
    18
    6
    19
    7
    20
    8
    21
    9
    22
    10
    23
    11
    24
    12
    25
    13
    26
    14
    27
    15
    28
    16
    29
    17
    30
    18
    31
    19