Siria-Lega degli Stati Arabi – Il Presidente Asad riceve un’accoglienza calorosa mentre viene accettato di nuovo nell’organizzazione

“Opportunità storica” per rifare il Medio Oriente

Il 32° Vertice della Lega Araba a Jeddah, Arabia Saudita

Elaborazione da fonti: Al Jazeera, 19 May 2023; Raffi Berg and David Gritten, in BBC News, May 19th, 2023; Hamda Mustafa, in Syria Times, May 20, 2023

Dopo più di un decennio di isolamento, Baššar al-Asad, il Presidente della Siria dilaniata dalla guerra, è stato accolto di nuovo nella Lega degli Stati Arabi.

Venerdì Asad ha partecipato a Jeddah al 32° vertice dell’organizzazione regionale per la prima volta dalla sospensione del suo Paese nel 2011. L’adesione della Siria alla Lega Araba era stata revocata a seguito dello scoppio della guerra in Siria, che ha fatto precipitare il Paese in una guerra che da allora ha provocato quasi mezzo milione di morti e dislocato altri 23 milioni di persone. Circa 6,8 milioni di persone sono sfollate interne, mentre altri 6 milioni sono rifugiati o richiedenti asilo all’estero.

Durante il suo discorso, il Presidente Asad ha affermato che il vertice ha rappresentato una “opportunità storica” per affrontare le crisi in tutta la regione. “Spero che segni l’inizio di una nuova fase di azione araba per la solidarietà tra di noi, per la pace nella nostra regione, lo sviluppo e la prosperità, invece della guerra e della distruzione”, ha detto ai delegati, affermando che la Siria apparterrà sempre al mondo arabo. Tuttavia, ha chiesto la non interferenza negli affari interni degli Stati arabi. “È importante lasciare gli affari interni alle persone del Paese, perché sono in grado di gestire al meglio i propri affari”, ha affermato.

Secondo molti analisti, la riammissione della Siria nella Lega Araba a 22 membri è un segnale forte che l’isolamento di Asad sta finendo, riflettendo, con toni diversi da quelli occidentali, un importante cambiamento nel modo in cui gli attori regionali vedono la realtà della sopravvivenza del suo governo. Alcuni Stati arabi avevano spinto per porre fine all’isolamento di Asad e hanno accolto con favore la decisione, mentre altri si erano opposti a una piena normalizzazione senza una soluzione politica del conflitto siriano.

C’è stato un crescente riavvicinamento tra Stati arabi e Siria, che ha subito un’accelerazione dopo il devastante terremoto che ha colpito Turchia e Siria nord-occidentale a febbraio. Sulla scia del disastro, potenze un tempo ostili hanno inviato aiuti umanitari alle aree controllate dal governo siriano.

L’Arabia Saudita è stato in passato un sostenitore chiave dei gruppi armati di opposizione che cercavano di rovesciare il Presidente Asad durante la guerra in Siria. La potenza petrolifera un tempo pesantemente influenzata dagli Stati Uniti ha assunto la guida diplomatica nel mondo arabo nell’ultimo anno. La Cina ha mediato a marzo scorso un accordo a sorpresa che ha visto il Regno Saudita ristabilire le relazioni diplomatiche con il suo rivale regionale di lunga data, la Repubblica Islamica dell’Iran, che assieme alla Russia ha aiutato le forze di Asad a riprendere il controllo delle più grandi città siriane. Il potenziale ristabilimento dei legami tra Riyāḍ e Damasco segnerebbe lo sviluppo più significativo finora nelle attività degli Stati arabi per normalizzare i legami con Asad.

Con chiaro riferimento al Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, che ha sostenuto i ribelli siriani e inviato forze turche in aree del nord della Siria, Asad ha registrato il “pericolo del pensiero espansionista ottomano”, descrivendolo come influenzato dai Fratelli Musulmani – un gruppo visto come nemico da Damasco e da molti altri Stati arabi. Intanto, nella Siria settentrionale controllata dai ribelli centinaia di persone protestavano contro la sua partecipazione all’evento. A ʾAʿzāz, una città della Siria nord-occidentale vicina ad Aleppo, i manifestanti cantavano “il popolo vuole la caduta del regime”, mentre centinaia di persone scendevano in piazza per protestare. Ampie parti del Paese sono infatti ancora in mano a ribelli, jihādisti e miliziani a guida curda sostenuti dagli Stati Uniti.

Ibrahim Fraihat, professore di Risoluzione dei Conflitti Internazionali presso il Dōḥa Institute for Graduate Studies, ha affermato che la menzione di Asad all’«identità araba» è stata significativa. “Ha enfatizzato … l’identità araba della Siria, collegandola alla più ampia regione araba, il che sottolinea che la Siria e il regime di Asad fanno parte qui del gruppo più ampio e dell’intera regione”, ha detto Fraihat ad Al Jazeera. Anche il ritorno e l’accoglienza del “regime siriano” sono stati un tema dominante del vertice, ha affermato Fraihat. “Tutti ripetono … lo stesso messaggio, che riflette un’ampia accettazione tra la maggior parte dei leader arabi per il ritorno del regime di Asad”, ha detto.

Hashem Ahelbarra, per conto di Al Jazeera, ha affermato che il discorso di Asad è stato un “momento decisivo”. “È la fine di un’era e l’inizio di una nuova”, ha detto, aggiungendo che mentre molti Paesi arabi si sono schierati con l’opposizione siriana, fornendo all’opposizione una significativa assistenza militare e politica, ora è il “contrario”. Le nazioni arabe stanno “riabilitando” Asad, ha affermato Ahelbarra.

Mercoledì scorso, in una riunione dei Ministri degli Esteri dei 22 Stati membri, il Segretario Generale della Lega Araba, l’egiziano Aḥmad Abū l-Ġaiṭ (foto sopra), ha dichiarato di sperare che “la riconquista del seggio da parte della Siria sia un precursore della fine del suo conflitto”.

A Jeddah, il Principe ereditario saudita Muḥammad bin Salmān (MBS), che è il leader de facto del Regno, ha abbracciato Asad prima che la loro foto ufficiale fosse scattata per l’inizio dell’incontro. MBS ha detto di sperare che “il ritorno della Siria nella Lega Araba porti alla fine della sua crisi”. Mentre i leader entravano nella sala principale del vertice, Asad ha scambiato i saluti, tra gli altri, con il Presidente egiziano ʿAbd al-Fattāḥ as-Sīsī.

Tra i leader del Golfo presenti al vertice, c’era l’Emiro del Qatar Tamīm bin Ḥamad ath-Thānī. Secondo una dichiarazione dell’Amiri Diwan del Qatar (l’organo sovrano dell’Emirato) distribuita ai media mentre Asad stava parlando, Shaykh Tamīm ha lasciato Jeddah dopo aver guidato la delegazione del suo Paese e non ha pronunciato il suo discorso. Gli Stati del Golfo hanno cercato di rimanere neutrali nel conflitto in Ucraina, nonostante le pressioni occidentali sui produttori di petrolio del Golfo per aiutare a isolare la Russia, un altro membro dell’OPEC+ (l’organizzazione allargata ad altri produttori non-OPEC).

In una conferenza stampa a Dōḥa, Moḥammed bin ʿAbd ar-Raḥmān bin Jassim ath-Thānī, Ministro degli Esteri del Qatar, ha dichiarato di aver abbandonato la sua opposizione solo perché non voleva “deviare dal consenso arabo”.

Nel discorso di apertura del vertice, il Primo Ministro algerino Aiman bin ʿAbd ar-Raḥmān ha detto: “Vorrei dare a gran voce il benvenuto alla Siria al suo posto tra i suoi fratelli”.

Intanto, gli Stati Uniti hanno affermato di “non credere che la Siria meriti la riammissione”. “La nostra posizione è chiara: non normalizzeremo le relazioni con il regime di Asad e certamente non sosteniamo che anche altri lo facciano”, ha detto ai giornalisti l’indiano-americano Vedant Patel, neo-portavoce ad interim del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

Yuri Zenin, ricercatore senior presso l’Accademia delle Relazioni Internazionali del Ministero degli Affari Esteri russo, ha affermato che la partecipazione del Presidente Baššar al-Asad al vertice arabo di Jeddah ha lasciato una profonda impressione su osservatori e analisti e ha costituito un evento importante nella storia di questa organizzazione araba.

Da parte sua, Boris Dolgov, ricercatore senior presso il Dipartimento di Studi Arabi e Islamici dell’Istituto di Studi Orientali dell’Accademia Russa delle Scienze, ha affermato che il ritorno della Siria nella Lega Araba è di grande importanza non solo per i Paesi arabi, ma anche per il mondo intero, poiché questo evento significa il fallimento dei piani degli Stati Uniti e di Israele.

Al vertice ha partecipato di persona anche il Presidente ucraino Volodimir Zelenskij, che vuole rafforzare il sostegno alla battaglia di Kiev contro la Russia. Un funzionario della Lega Araba ha dichiarato all’agenzia di stampa France-Presse che l’invito a Zelenskij è giunto dall’Arabia Saudita, non dalla Lega Araba. Nessun commento immediato da parte di Riyāḍ. Ma, secondo quanto riferito da un funzionario saudita, al vertice avrebbe partecipato anche un rappresentante dell’Ambasciata russa.

La visita a sorpresa di Zelenskij è la prima in Medio Oriente dal febbraio 2022, offrendo al leader ucraino l’opportunità di rivolgersi ai leader della regione, che sono stati molto meno uniti nel loro sostegno a Kiev rispetto agli alleati occidentali. La Siria è l’unica nazione della Lega Araba ad aver apertamente sostenuto la guerra della Russia. All’inizio di quest’anno, un funzionario saudita aveva detto ai giornalisti che Riyāḍ è aperta a contribuire alla mediazione per porre fine al conflitto, in particolare “su importanti questioni minori che alla fine possono aiutare cumulativamente ad avere una soluzione politica dell’intera questione”.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    February 2024
    Rajab - Sha'ban 1445
    S M T W T F S
    1
    21
    2
    22
    3
    23
    4
    24
    5
    25
    6
    26
    7
    27
    8
    28
    9
    29
    10
    30
    11
    1
    12
    2
    13
    3
    14
    4
    15
    5
    16
    6
    17
    7
    18
    8
    19
    9
    20
    10
    21
    11
    22
    12
    23
    13
    24
    14
    25
    15
    26
    16
    27
    17
    28
    18
    29
    19