Kyrgyzstan – Japarov eletto Primo Ministro ad interim dopo nuovi scontri per il potere a Bishkek. Gli ʻUlāmāʼ invitano al dialogo

La crisi politica è scoppiata dopo l’annuncio dei risultati delle elezioni parlamentari. Il bilancio è di un morto e più di mille feriti

Sadyr Nurgozhoevich JaparovElaborazione da fonti: rfi, 10/10/2020, 17:17; France 24, 09/10/2020, 20:04; Anadolu Agency, 10.10.2020

Nel corso della crisi politica che scuote il Paese dell’Asia Centrale, Sadyr Nurgojoeviç Japarov [foto a lato], un caparbio nazionalista di 51 anni, è diventato Primo Ministro ad interim. La maggioranza dei parlamentari lo ha votato sabato durante una sessione straordinaria del Consiglio Supremo [il Parlamento unicamerale]. Japarov aveva detto nei giorni scorsi che i parlamentari lo avevano sostenuto nella sua rivendicazione al premierato in una votazione segreta avvenuta martedì in un hotel. Il Presidente social-democratico Sooronbay Şaripoviç Jéénbekov [foto sotto], per contro, aveva criticato in una dichiarazione le “ambizioni esorbitanti di alcuni politici”, ma non aveva citato alcun nome.

Poco prima dell’elezione di Japarov, il Comitato Statale per la Sicurezza Nazionale ha detto che Almazbek Şarşenoviç Atambayev, 64 anni, l’ex Presidente social-democratico che lunedì era stato liberato dal carcere dai sostenitori durante una notte di tumulto, è stato nuovamente arrestato assieme a una delle sue guardie del corpo e un altro complice, con l’accusa di aver organizzato disordini di massa. Il Comitato ha anche detto che sta attualmente “identificando e arrestando altri complici di questo crimine”. Kunduz Joldubayeva, la portavoce di Atambayev, ha confermato il suo arresto per telefono: “Hanno arrestato l’ex Presidente”, aggiungendo che “forze speciali hanno preso d’assalto il complesso (di Atambayev)” fuori Bishkek.

Venerdì mattina il Presidente, 62 anni, aveva dichiarato di essere pronto a dimettersi una volta formato un nuovo governo “e quando saremo tornati sulla via della legalità”. Un impegno che alcuni critici hanno descritto come una manovra tattica. Dopo la sua elezione, Japarov ha detto di aspettarsi che Jéénbekov onori la promessa di dimettersi una volta formato un governo. “L’ho incontrato qui alla residenza di Stato. Ha detto che dopo aver confermato il governo e le strutture del governo, si dimetterà”, ha detto Japarov a conferma, aggiungendo di non aver previsto modifiche immediate del governo, ma che in futuro nominerà giovani ministri.

Il Palazzo del Presidente della Repubblica a Bishkek

Se Jéénbekov si dimettesse, diventerebbe il terzo leader dell’ex Paese sovietico ad essere abbattuto da disordini politici dopo le rivolte che nel 2005 e nel 2010 hanno spodestato Presidenti autoritari.

Le controverse elezioni parlamentari di domenica scorsa hanno scatenato proteste in Kyrgyzstan che si sono trasformate in disordini violenti. Il processo elettorale, secondo i partiti dell’opposizione, non è stato equo e le consultazioni sono state falsate da massicce compravendite di voti a favore dei partiti vicini al Presidente. L’autorità elettorale, dopo aver reso noto che solo quattro partiti su 16 erano riusciti a varcare la soglia di sbarramento, ha effettivamente annullato i risultati delle elezioni.

Il Kyrgyzstan, un Paese povero con 6,5 milioni di abitanti, è noto per il suo sistema politico instabile e le alleanze tra intermediari del potere.

Nella prima mattina di venerdì i sostenitori di vari gruppi rivali si erano di nuovo radunati nella capitale. Nel pomeriggio si erano verificati scontri tra seguaci di politici rivali nel centro della capitale Bishkek, dove uno dei gruppi – un blocco di opposizione che rappresenta diversi partiti – stava tenendo una manifestazione. Almeno cinque persone sono rimaste ferite, tra cui un giovane attivista di primo piano, che il blocco ha proposto come nuovo Vice Primo Ministro del Paese. Tilek Toktagaziyev, 29 anni, ha subito un trauma cranico ed è stato ricoverato in ospedale dopo essere stato colpito da pietre, ha detto il Ministero della Salute all’AFP.

Martedì Kubatbek Ayılçiyeviç Boronov, il Primo Ministro kirghizo, e Dastan Jumabekov, il Presidente del Consiglio Supremo, avevano annunciato le dimissioni.

Venerdì il Presidente ha solo acconsentito alle dimissioni del governo in carica per calmare le tensioni. I funzionari elettorali hanno detto che una data per nuove elezioni sarebbe stata fissata prima del 6 novembre. Jéénbekov ha poi dichiarato lo stato d’emergenza di 12 giorni a Bishkek, che comprende controlli rigorosi sui movimenti dentro e fuori la capitale. Testimoni oculari hanno visto veicoli militari pesanti entrare in città venerdì sera.

Atambayev, prima di essere arrestato di nuovo, aveva affermato che durante gli scontri la sua auto era stata colpita da proiettili, episodio documentato in un video condiviso sui social media. Gli aggressori sono ritenuti fedeli a Japarov, che aveva rivendicato il ruolo di Primo Ministro dopo che centinaia di suoi sostenitori avevano invaso la capitale all’indomani del voto. La disputa tra i due gruppi è iniziata con scazzottate, ha detto un corrispondente dell’AFP che ha sentito gli spari, ma che non ha potuto verificare le affermazioni dell’ex Presidente.

Atambayev, la cui Presidenza è stata oscurata da accuse di corruzione e che prima della liberazione stava scontando una condanna a 11 anni per il suo ruolo nel rilascio illegale di un boss del crimine durante la sua Presidenza, rivolgendosi ai suoi sostenitori a Bishkek, aveva affermato di non essere interessato ad assumere una nuova carica politica. “Atambayev non ha bisogno di alcuna carica. Atambayev ha bisogno che la sua gente abbia un futuro”, aveva detto l’ex leader.

Una volta, Atambayev e Jéénbekov [foto sotto], entrambi fedeli alleati di Putin, erano amici, ma i due litigarono nel 2017, non molto tempo dopo che Jéénbekov vinse la corsa presidenziale con il sostegno proprio di Atambayev. Ömürbek Toqtoğuloviç Babanov, un ricco uomo d’affari cinquantenne diventato fondatore di un partito conservatore, contestò l’elezione di quell’anno contro entrambi. Ma venerdì è stato a fianco dell’ex Presidente e in opposizione a Japarov e Jéénbekov, cercando di rafforzare le proprie possibilità di guidare un nuovo governo. Anche Japarov era stato liberato dal carcere lunedì, dopo la condanna a 11 anni e mezzo per sequestro di persona. Un tribunale ha annullato il verdetto.

I disordini hanno allarmato Mosca, già preoccupata per la vicina alleata Bielorussia scossa dalle proteste post-elettorali e per lo scoppio della guerra nel Nagorno-Karabakh. Il portavoce del Cremlino Dmitrij Sergeevič Peskov ha detto giovedì che la Russia è “profondamente preoccupata” per la “situazione che assomiglia a disordine e caos”.

Tuttavia, il Generale Stanislav Vasil’evič Zas’, Segretario Generale dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO), un’alleanza difensiva guidata da Mosca, ha proposto che l’Organizzazione possa svolgere un “ruolo di mediazione”. “Abbiamo questa esperienza”, ha detto Zas’. La Russia è la potenza straniera dominante in Kyrgyzstan e in passato ha tentato di mediare le controversie.

L’Unione Internazionale degli ʻUlāmāʼ (IUMS) ha invitato le parti in causa a impegnarsi in un serio dialogo per raggiungere una composizione che protegga la sovranità del Paese.

In una dichiarazione nella veste di Segretario Generale dell’IUMS, Shaykh ‘Alī Mohieddīn al-Qaradaghi ha espresso la sua preoccupazione, invitando il governo, il popolo e l’opposizione del Kyrgyzstan a tenere manifestazioni pacifiche e a impegnarsi in un dialogo che “mantenga l’indipendenza e la sovranità del Kyrgyzstan e prevenga qualsiasi intervento esterno”.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    May 2021
    Ramadhan - Shawwal 1442
    S M T W T F S
    1
    19
    2
    20
    3
    21
    4
    22
    5
    23
    6
    24
    7
    25
    8
    26
    9
    27
    10
    28
    11
    29
    12
    30
    13
    1
    14
    2
    15
    3
    16
    4
    17
    5
    18
    6
    19
    7
    20
    8
    21
    9
    22
    10
    23
    11
    24
    12
    25
    13
    26
    14
    27
    15
    28
    16
    29
    17
    30
    18
    31
    19