Turchia-USA – Le riunioni del “Meccanismo Strategico” e il percorso da seguire

di James Franklin Jeffrey, Presidente del Programma Medio Oriente presso il Wilson Center*

Libera traduzione da: Wilson Center, January 20, 2023

Si sono conclusi il 18 gennaio gli incontri ad alto livello tra il Segretario di Stato USA e il Ministro degli Esteri turco. Il “Meccanismo Strategico” ha coperto una serie di controversie in sospeso, ma ha anche sottolineato l’essenziale comprensione di Washington sull’importanza della Turchia per la sicurezza internazionale.

Gli incontri tra Stati Uniti e Turchia sotto l’egida del “Meccanismo Strategico” congiunto si sono svolti a livello di sottogabinetto e si sono poi conclusi tra il Segretario di Stato Antony Blinken e il Ministro degli Esteri Mevlüt Çavuşoğlu il 18 gennaio. Gli incontri hanno sottolineato sia la crescente consapevolezza nell’Amministrazione sul ruolo critico che la Turchia svolge in gran parte dell’Eurasia sia la volontà di entrambe le parti di dare il meglio su questioni ancora in sospeso, come le vendite di F-16, la Siria e la condizionalità turca sull’adesione alla NATO di Svezia e Finlandia.

Ma l’ostentazione e le circostanze, tra cui una lunga conferenza stampa congiunta con il Segretario e il Ministro e i toni sereni del comunicato congiunto e dei commenti della stampa, suggeriscono che Washington stia applicando alla Turchia il suo saggio ma politicamente contestabile principio enunciato nella Strategia di Sicurezza Nazionale di ottobre: “collaboreremo con qualsiasi nazione che condivida la nostra convinzione fondamentale che l’ordine basato sulle regole debba rimanere la base per la pace e la prosperità globali”.

Gli Stati Uniti sembrano capire, finalmente, che nonostante il sistema democratico seriamente viziato e il considerevole impegno con Mosca, a conti fatti, la Turchia è dalla parte dell’Occidente. A partire dal conflitto ucraino, i suoi contributi alla sicurezza occidentale (nonostante le sue mancanze) sono unici e il danno che potrebbe arrecare a tale sicurezza se cambiasse politica sarebbe immenso. In breve, è il pensiero della realpolitik.

Ciò detto, gli incontri di Washington non hanno risolto nessuna delle questioni in sospeso nel rapporto bilaterale, ma solo chiarito le posizioni e, a porte chiuse, esplorato le vie da percorrere. Un inventario di questi problemi illustra gli ostacoli rimanenti.

Vendite di F-16 e adesione alla NATO

Entrambi i Paesi si sono sforzati di sottolineare che non esiste alcun legame tra le vendite di F-16 e l’adesione alla NATO di Svezia e Finlandia, il che è un forte segnale che in realtà esiste, certamente agli occhi del Congresso degli Stati Uniti. Il legislatore ha una significativa capacità di ostacolare la massiccia vendita di F-16 da 20 miliardi di dollari alla Turchia, nonostante i suoi vantaggi per un alleato della NATO e per le aziende della difesa USA.

L’Amministrazione è stata in grado di bloccare un linguaggio legislativo che avrebbe condizionato la vendita e ha già fatto l’annuncio informale al Congresso, ma sa di dover affrontare una forte opposizione, a cominciare dal potente Presidente della Commissione per le Relazioni Estere del Senato Bob Menendez. Menendez, date le sue opinioni di lunga data, non è probabile che si pieghi mai sulle vendite alla Turchia. Tuttavia, un numero sufficiente di membri del Congresso sarebbe probabilmente d’accordo sulla vendita, ma solo se fosse sicuro che la Turchia ratificherà l’adesione alla NATO di Svezia e Finlandia.

Entrambi questi Stati hanno fatto molto per placare le preoccupazioni turche sulla sicurezza, principalmente legate al fatto che la Svezia ha chiuso un occhio su elementi dell’organizzazione terroristica curda anti-turca PKK. Nei loro momenti più generosi, i funzionari turchi lo hanno riconosciuto, ma gli Scandinavi sono impegnati in ulteriori azioni non ancora intraprese. Ancora più importante, ci sono controversie tra Helsinki e in particolare Stoccolma da un lato e Ankara dall’altro sulle clausole del memorandum che i tre hanno firmato per chiarire le preoccupazioni di sicurezza turche, in particolare sulla questione sempre delicata dell’estradizione di quei Turchi che, con una definizione molto ampia, sono considerati terroristi.

Un compromesso è possibile ma improbabile prima che le elezioni turche si concludano il 15 maggio, date le azioni ancora in sospeso di Svezia e Finlandia e la probabile conclusione di Erdoğan che “cedere” su questo tema non sia una chiave elettorale. D’altra parte, se l’opposizione ottenesse la maggioranza in Parlamento in seguito a quelle elezioni (è più probabile che Erdoğan perda le elezioni presidenziali simultanee ma separate), potrebbe rifiutarsi di benedire l’adesione. Questo è senza dubbio il più grande grattacapo bilaterale.

Siria

Il conflitto in Siria è al secondo posto tra le controversie e, come per l’adesione alla NATO, ruota in gran parte intorno alle preoccupazioni turche sulla minaccia del PKK. Ankara e gli Stati Uniti hanno molti interessi comuni in Siria, dal negare il controllo di Asad dell’intero Paese, ai rifugiati, alla lotta allo Stato Islamico (IS). Ma le loro divergenze sulle Forze Democratiche Siriane (SDF), propaggine del PKK che ha combattuto brillantemente per otto anni a fianco degli Stati Uniti contro lo Stato Islamico, rischiano ripetutamente una rottura.

Più di recente Ankara ha minacciato una nuova azione militare contro elementi del PKK, comprese le SDF. Se un tale attacco si verificasse nel nord-est, dove si trovano le truppe USA, potrebbe devastare le SDF, indebolire la lotta contro l’ancora potente Stato Islamico e persino costringere quelle truppe a lasciare la Siria. L’opposizione del regime USA, russo e di Asad a qualsiasi nuova incursione sembra aver prevenuto l’azione turca, almeno per ora, ma, su sollecitazione russa, la Turchia sta perseguendo un riavvicinamento al suo nemico di lunga data, il Presidente siriano Baššar al-Asad.

Gli Stati Uniti sono pubblicamente contrari a qualsiasi mossa del genere, ma certamente meno rispetto a un’incursione militare, in parte perché la politica USA su Asad e Siria in generale è difficile da accertare e in parte perché non è chiaro, al di là di un possibile incontro Erdoğan-Asad, come il riavvicinamento cambierebbe le dinamiche siriane di fondo, orribilmente complicate. Ad esempio, sia Ankara sia Damasco non hanno indicato alcun cambiamento alle loro contraddittorie “richieste” siriane. Per i Turchi, “ritorno volontario, dignitoso e sicuro” dei quasi 4 milioni di rifugiati siriani nel suo territorio, azione congiunta contro elementi del PKK e alcuni progressi politici nell’ambito della Risoluzione 2254 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del 2015 a beneficio dell’opposizione siriana, alleata della Turchia. Per il regime di Asad, sono il ritiro turco dal significativo territorio siriano che i Turchi occupano e il disaccoppiamento dall’opposizione siriana. Gli infruttuosi sforzi giordani ed emiratini dal 2018 per trovare un terreno comune con Asad sono una lezione sia per Ankara sia per Washington.

Il resto

Tra le altre preoccupazioni, le relazioni con la Grecia si sono recentemente deteriorate a causa della condanna della vendita degli F-16 espressa dal Primo Ministro greco Mitsotakis davanti al Congresso degli Stati Uniti, oltre a varie questioni relative all’Egeo, dalla militarizzazione delle isole greche al largo della costa turca, al mare territoriale, alle rivendicazioni aeree e al controllo generale dello spazio aereo. In termini giuridici e storici, la Turchia ha ragione su quasi tutte le questioni controverse, ma Ankara ha segnato un “autogol” con il linguaggio intemperante del Presidente Erdoğan (missili che cadono su Atene, isole da invadere) e, di fatto, contrario alle discutibili affermazioni greche di sorvoli turchi sul legittimo territorio greco.

Poi c’è la sgradevole situazione dei diritti umani in Turchia. L’Amministrazione, come notato sopra, sta cercando di far finta di nulla, ma il senatore Menendez continua a sollevarla e l’atteggiamento conflittuale del Dipartimento di Stato si è manifestato il 18 gennaio nella lunga e laboriosa esposizione da parte del suo portavoce sui nei della Turchia a questo proposito. La questione controversa sono i vasti rapporti economici e diplomatici e a lungo termine della Turchia con Mosca, in particolare quelli energetici e diplomatici.

Per quanto insolito per la politica estera USA, Washington ha evidentemente fatto una valutazione a sangue freddo di vantaggi e svantaggi, con la Turchia che ne è uscita positivamente. L’Amministrazione comprende che Ankara è dalla parte della NATO nel sostenere l’Ucraina contro l’attacco russo e che le azioni della Turchia qui, compreso il blocco dei rinforzi navali russi, la prevenzione dei voli da e verso la Siria e la Russia e l’armamento degli Ucraini, sono state significative.

È apprezzato anche il ruolo della Turchia come “intermediario” tra Kiev e Mosca, che la scorsa primavera ha quasi portato a una svolta diplomatica nel conflitto, e la sua facilitazione dei vari accordi di esportazione di grano fondamentali per la solidarietà internazionale nei confronti dell’Ucraina. Washington ha anche aggiunto i contributi della Turchia su molte attuali questioni critiche per la sicurezza al di là dell’Ucraina, tra cui il recente abbattimento del leader dello Stato Islamico in Siria, i ruoli chiave che svolge nella deterrenza nucleare della NATO e nelle operazioni del sistema antimissile iraniano, storicamente in Bosnia, Kosovo e Afghanistan e sulle operazioni anti-IS attraverso l’uso vitale della base aerea di İncirlik e molte altre azioni. Gli USA riconoscono di aver bisogno che la Turchia stia dalla loro parte.

La Turchia, guardando a una Russia aggressiva e forse presto a un rivale con armi nucleari in Iran, sa che non può sorvegliare il suo vicinato senza gli Stati Uniti e la NATO (né senza gli Stati Arabi e Israele, con i quali Erdoğan ha di recente notevolmente migliorato le relazioni). Infine, dopo anni di arringhe a Washington sulle relazioni commerciali minime, Ankara sta godendo di un boom delle esportazioni verso gli USA e di un aumento delle importazioni di GNL americano, riducendo la sua dipendenza dal gas russo e iraniano.

Prognosi

Sia il Presidente turco sia quello americano, più con la testa che con il cuore, capiscono l’importanza della relazione bilaterale e probabilmente prenderanno decisioni difficili e regoleranno l’opposizione burocratica e parlamentare per risolvere questo pacchetto di grattacapi per il bene superiore. Ma il percorso rimane rischioso.

Non esiste altra relazione bilaterale con gli Stati Uniti così appesantita da questioni periferiche. A Washington c’è un senso di sfiducia e incomprensione nei confronti della Turchia, con le famigerate lobby anti-turche che, anche nei momenti migliori, chiedono la scomunica. Ad Ankara [c’è] la sensazione tra gran parte della popolazione di ripetuti tradimenti sia da parte degli Stati Uniti che dell’UE negli ultimi vent’anni, ma alimentata dalla tossica retorica anti-occidentale, spesso dal Presidente Erdoğan e dai suoi alleati.

Questi problemi sistematici, assieme all’agenda specifica, non solo possono essere affrontati, ma, data l’importanza della Turchia e la gravità delle sfide che tutti noi affrontiamo collettivamente, devono esserlo. Ciò, tuttavia, richiederà maggiori sforzi come quelli visti questa settimana, un impegno sostenuto a livello presidenziale e una dose di buona fortuna.

 

* L’Ambasciatore James Franklin Jeffrey è entrato a far parte del Wilson Center nel dicembre 2020 in qualità di Presidente del Programma per il Medio Oriente. È stato Rappresentante Speciale del Segretario per l’Impegno in Siria e Inviato Speciale della Coalizione Globale per sconfiggere l’ISIS fino all’8 novembre 2020. È un diplomatico americano di alto livello con esperienza in questioni politiche, di sicurezza ed energetiche in Medio Oriente, Turchia, Germania e Balcani.

Ha ricoperto incarichi di rilievo a Washington, D.C., e all’estero, tra cui quello di Vice Consigliere per la Sicurezza Nazionale (2007-2008); Ambasciatore degli Stati Uniti in Iraq (2010–2012), in Turchia (2008–2010) e in Albania (2002-2004). Nel 2010 è stato nominato Ambasciatore di carriera, il grado più alto del Servizio Esteri degli Stati Uniti. Dal 1969 al 1976 è stato ufficiale di fanteria dell’Esercito degli Stati Uniti, con servizio in Germania e Vietnam.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    January 2023
    Jamadil Akhir - Rajab 1444
    S M T W T F S
    1
    9
    2
    10
    3
    11
    4
    12
    5
    13
    6
    14
    7
    15
    8
    16
    9
    17
    10
    18
    11
    19
    12
    20
    13
    21
    14
    22
    15
    23
    16
    24
    17
    25
    18
    26
    19
    27
    20
    28
    21
    29
    22
    30
    23
    1
    24
    2
    25
    3
    26
    4
    27
    5
    28
    6
    29
    7
    30
    8
    31
    9