Turchia – Restaurata la Chiesa di S. Stefano a Istanbul mentre il Paese si appassiona alla Bulgaria

L’eclettica Chiesa di Ferro nel cuore di Istanbul è stata rinnovata e riaperta come monumento alla determinazione della comunità bulgara a difendere la propria identità e come apertura al nuovo Presidente del Consiglio dell’UE

di Nazlan Ertan*

Libera traduzione da: Al-Monitor, January 29, 2018

Secondo la storia popolare, la Chiesa Sveti Stefan di Istanbul, una delle poche chiese in ferro rimaste nel mondo, deve la sua esistenza a un capriccio di `Abdü’l-Ḥamīd II. Alla fine del XIX secolo l’enigmatico Sultano ottomano era assolutamente determinato a tenere insieme il suo cadente Impero e profondamente sospettoso di qualsiasi movimento organizzato tra i gruppi di minoranza. Secondo il racconto, permise alla comunità ortodossa bulgara di ricostruire la sua chiesa bruciata – ma le diede solo un mese per terminare la costruzione. Un astuto architetto armeno, Hovsep Aznavur, ebbe l’idea di portare da Vienna pezzi prefabbricati di ghisa, riducendo al minimo i tempi di costruzione e affrontando la sfida del Sultano.

Come la maggior parte delle belle storie, questo non è altro che mito. Tuttavia, stimola interesse storico e turistico verso la Chiesa di Ferro, che ha riaperto all’inizio di questo mese dopo sette anni e mezzo di lavori di ristrutturazione. La tempistica è coincisa con l’assunzione da parte della Bulgaria della Presidenza di turno [del Consiglio, N.d.T.] dell’UE, un gesto rivolto sia alla Bulgaria sia all’Unione Europea.

“Istanbul ha dimostrato ancora una volta che è una città in cui religioni e culture diverse possono coesistere pacificamente”, ha detto il Presidente Recep Tayyip Erdoğan, al fianco del Primo Ministro bulgaro Bojko Borisov durante l’inaugurazione del 7 gennaio [nella foto sotto Borisov è a sinistra, mentre Erdoğan ha accanto a sé sulla destra İsak Haleva, Rabbino Capo di Turchia, e il Metropolita Neofit, Primate della Chiesa Ortodossa Bulgara, sulla sua sinistra il Primo Ministro turco Binali Yıldırım, N.d.T.]. La visita ha segnato un disgelo dopo lo stallo dello scorso anno, quando la Bulgaria aveva accusato la Turchia di interferire nelle sue elezioni.

La ristrutturazione, che è costata 4 milioni di dollari, è anche intesa a dissipare le critiche internazionali secondo cui il governo del Partito Giustizia e Sviluppo non stia proteggendo la cultura e il patrimonio delle minoranze non musulmane della Turchia.

“Il governo, impegnato a conservare il patrimonio ottomano, ha già contribuito alla ristrutturazione di numerosi monumenti non musulmani, tra cui la ristrutturazione di una chiesa greco-ortodossa ad Edirnekapı [la Porta di Edirne, N.d.T.] di Istanbul pochi mesi fa”, dice ad Al-Monitor Elçin Macar, professore del Dipartimento di Relazioni internazionali e Scienze Politiche dell’Yıldız Teknik Üniversitesi.

L’apertura sopravviene mentre il governo turco ha ripetuto le sue richieste di riaprire i negoziati con l’Unione Europea.

“Il simbolismo di questo giorno è [diretto] all’Europa: la Turchia è il più grande vicino dell’UE, con il più grande esercito in Europa”, ha detto Borisov a Istanbul, la sua prima tappa all’estero dopo che la Bulgaria ha assunto la Presidenza dell’UE.

Per la comunità ortodossa bulgara, la Chiesa Sveti Stefan, che ha 120 anni ed è meglio conosciuta come Chiesa di Ferro, rappresenta la sua determinazione a conquistare un luogo di culto proprio. La chiesa fu un passo importante per il ristabilimento dell’identità bulgara, deviando non solo dagli Ottomani ma anche dalla Chiesa Greco-Ortodossa. “È una chiesa che ha segnato il primo passo del movimento indipendentista bulgaro”, dice Macar. “È uno dei monumenti principali di Istanbul la cui storia riflette la lotta per l’identità nazionale dei Bulgari nell’Impero Ottomano”.

S.S. Bartolomeo I, Patriarca Ecumenico di Costantinopoli (a sinistra), con il Metropolita Neofit, Primate della Chiesa Ortodossa Bulgara (al centro)

L’idea di fondare questa chiesa nacque nel XIX secolo, quando i movimenti nazionalisti europei si diffusero nei Balcani, influenzando la Bulgaria, una delle nazioni che costituivano l’indebolito Impero. Gli Ottomani consideravano Bulgari e Greci come la stessa “nazione”, in quanto entrambi erano cristiano-ortodossi. Ciò andava benissimo alla Chiesa Greco-Ortodossa, poiché significava che il Patriarcato Greco-Ortodosso di Istanbul rappresentava ufficialmente i Bulgari negli affari sia governativi sia religiosi. Le cerimonie religiose in Bulgaro erano proibite. Poiché l’amministrazione delle scuole ortodosse era nelle mani dei Greci, l’ideologia ellenistica, che guardava dall’alto in basso i Bulgari, dominava i curricula.

Contando sull’atmosfera liberale introdotta dalla Tanẓīmāt (Riforma) nel 1839, la comunità bulgara, forte di 40.000 componenti, esortò uno dei suoi membri di spicco, il Principe [di Samo, N.d.T.] Stefan Bogoridi, a usare i suoi legami con il Palazzo Ottomano per ottenere una chiesa separata per la comunità. Non era un compito facile, perché un decreto del XV secolo proibiva di costruire nuove chiese e sinagoghe a Istanbul. Bogoridi chiese diplomaticamente il permesso di costruire una “casa del religioso”, dicendo che avrebbe donato alcuni dei suoi beni sul Corno d’Oro. La casa doveva essere a due passi dal Patriarcato, facendosi sottilmente beffa della dominazione greco-ortodossa che i Bulgari stavano cercando di minare.

Il Sultano Ottomano ‘Abdü’l-Mecīd, riformista ed eurofilo, accettò e addirittura chiuse un occhio quando il piano inferiore della “casa del religioso” fu trasformato in una chiesa chiamata Sveti (Santo) Stefan. La prima cerimonia in Bulgaro fu tenuta lo stesso anno. Venti anni dopo il Ministero del Commercio ottomano estese il permesso all’ingrandimento dell’edificio per farne una chiesa a tutti gli effetti. Seguì la costruzione di una scuola bulgara.

Ma quando 47 anni più tardi la chiesa di legno si incendiò e la comunità bulgara chiese il permesso di ricostruirla, l’atmosfera liberale della Tanẓīmāt era scomparsa. Sebbene i progetti della chiesa (disegnati da Aznavur, l’architetto di molti importanti edifici di Istanbul dell’epoca) fossero stati approvati a dicembre 1889, un mese dopo le autorità ottomane chiesero che fossero rivisti. Ci vollero sei mesi per approvare i nuovi progetti e poi passarono altri tre anni prima della cerimonia d’inaugurazione.

Perché Aznavur abbia deciso di usare per la chiesa la ghisa invece di pietra e legno, come era usuale, ispirò uno dei grandi miti architettonici di Costantinopoli, la città dei sette colli e delle settemila dicerie. Hasan Kuruyazıcı e Mete Tapan, autori di “Santo Stefano, la chiesa ortodossa bulgara di Istanbul”, pensano che questa scelta non ortodossa derivasse dalle cattive condizioni del suolo – la chiesa era stata costruita sopra una vecchia discarica e aveva bisogno di uno scheletro di ferro che fosse più leggero di una chiesa in pietra. Altri preferiscono la spiegazione romantica della “scadenza del Sultano” – un mito respinto sia da Tapan, un architetto, sia dal politologo Macar.

“Non c’è alcuna documentazione che dimostri tale scadenza. Inoltre, l’idea che si possa innalzare una chiesa in un mese o anche tre mesi è assurda”, dice ad Al-Monitor Tapan, attualmente professore all’İstanbul Arel Üniversitesi. Secondo il suo libro, una volta che le parti furono trasportate attraverso il Danubio e il Mar Nero, l’assemblaggio fu completato in sei mesi, tra dicembre 1895 e giugno 1896.

Il risultato è stato un edificio in ferro prefabbricato, con pareti esterne bianche e cupole dorate, piuttosto eclettico nella sua architettura. Le sue finestre assomigliavano a quelle delle chiese gotiche d’Europa. Alle colonne sono stati aggiunti teste di angeli, nastri e varie decorazioni floreali – tutti elementi più in stile barocco.

“È pseudo-gotica e pseudo-rinascimentale”, dice Tapan ad Al-Monitor. “È stata costruita in un momento in cui in Europa venivano sperimentati diversi stili architettonici e questa è una di quelle sperimentazioni, con vari elementi di stili architettonici combinati da Aznavur”.

Nonostante la progettazione architettonica attenta, le cattive condizioni del suolo iniziarono a creare problemi nelle fondamenta della chiesa e parte del ferro fu danneggiato dalla corrosione. Durante gli anni ’80, con la recente ristrutturazione, esperti provenienti dalla Bulgaria e dall’Austria vennero a vedere se potevano essere d’aiuto. Negli anni ’90 sono iniziati i lavori di restauro sulla facciata esterna. Infine, nel 2011 è iniziata una profonda ristrutturazione delle fondamenta, delle pareti e delle icone, che si è conclusa dopo sette anni e mezzo.

Nonostante l’ostentazione dell’apertura, la chiesa è destinata ad essere più un’attrazione turistica che un luogo di culto. Secondo Vasil Liaze, Presidente del Consiglio della Fondazione della Chiesa Ortodossa Bulgara, la maggior parte delle cerimonie religiose continueranno a svolgersi nella chiesa ortodossa bulgara a Şişli, nel centro di Istanbul, vicino al luogo in cui vive la comunità dei fedeli bulgari. Liaze stima il numero della comunità intorno a 1.000 persone. Macar trova questo numero ottimistico, stimandolo intorno a 300-400.

“Probabilmente terremo sei o sette cerimonie all’anno nella Chiesa di Ferro“, dice Liaze ad Al-Monitor.

 

Nazlan Ertan è redattrice culturale di Al-Monitor. È una blogger, giornalista e redattrice turca che ha lavorato ad Ankara, Parigi e Bruxelles per vari media turchi e internazionali, tra cui Hürriyet Daily News, CNN TürkBBC Türkçe. Ha lavorato come responsabile culturale e audiovisivo per la delegazione dell’Unione Europea in Turchia, come Direttore del Centro informazioni dell’UE ad Ankara e come Direttore della comunicazione, della cultura e dell’informazione presso il Ministero turco per gli Affari dell’Unione Europea.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Categories

Hijri Calendar

    June 2018
    Ramadhan - Shawwal 1439
    S M T W T F S
    1
    17
    2
    18
    3
    19
    4
    20
    5
    21
    6
    22
    7
    23
    8
    24
    9
    25
    10
    26
    11
    27
    12
    28
    13
    29
    14
    30
    15
    1
    16
    2
    17
    3
    18
    4
    19
    5
    20
    6
    21
    7
    22
    8
    23
    9
    24
    10
    25
    11
    26
    12
    27
    13
    28
    14
    29
    15
    30
    16