Turchia-Regno di Arabia Saudita – Gli effetti deIla visita del Presidente turco Erdoğan a Re Salmān bin ʿAbd al-ʿAzīz

Anwar Qarqāsh, Consigliere diplomatico del Presidente degli Emirati Arabi Uniti, saluta la visita come un passo positivo per la regione

Elaborazione da fonti: Saeed Abdulrazek, in Asharq Al-Awsat, 1 May 2022, 05:30; The National, Apr 30, 2022; Gulf News, April 29, 2022, 18:19

Giovedì scorso, su invito del Re saudita, il Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan è giunto in Arabia Saudita per una visita di due giorni, la prima ad alto livello dopo cinque anni. Ha incontrato Re Salmān bin ʿAbd al-ʿAzīz, Custode delle Due Sacre Moschee, in una cerimonia ufficiale nel Palazzo Reale As-Salam a Jeddah, ha affermato la Presidenza turca in una nota. Nella città sul Mar Rosso, la seconda dell’Arabia Saudita, alcune strade erano fiancheggiate da bandiere turche e saudite. La visita arriva mentre la Turchia è alle prese con le ricadute economiche della guerra tra Ucraina e Russia sul condiviso Mar Nero.

Anche il Principe ereditario Muḥammad bin Salmān [foto sotto], Vice Primo Ministro e Ministro della Difesa, ha partecipato alla cerimonia prima di avere un incontro faccia a faccia con Erdoğan, ha detto su Twitter l’Ufficio Comunicazione di Ankara. Le immagini pubblicate dai media statali turchi hanno mostrato incontri separati con Re Salmān e il Principe Muḥammad.

What is the "1938 agreement" that the Saudi crown prince warned of

Venerdì il Presidente turco si è recato alla Mecca per eseguire il pellegrinaggio di ‘Umra.

La visita segna il culmine di una corsa durata mesi per ricucire i legami dopo diversi anni di incomprensioni tra Turchia e Arabia Saudita su diverse questioni. “Dobbiamo intraprendere un nuovo capitolo con i Paesi con cui condividiamo idee e convinzioni simili. È un periodo in cui si fa amicizia, non si fanno nemici”, ha affermato Erdoğan. Ha espresso fiducia che la sua visita nel Regno possa aprire la strada a un nuovo capitolo nelle relazioni tra Riyāḍ e Ankara. “Abbiamo espresso chiaramente il nostro desiderio comune di sviluppare relazioni bilaterali sulla base della fiducia reciproca”, ha spiegato. Parlando con i giornalisti prima di partire per Jeddah, aveva affermato che la visita è “la manifestazione della nostra volontà comune” di migliorare i legami e rafforzare le relazioni politiche, militari e culturali.

A consuntivo, Erdoğan ha affermato che i colloqui in Arabia Saudita hanno riguardato tutti gli aspetti delle relazioni bilaterali con la Turchia, di avere personalmente scambiato opinioni con funzionari sauditi su questioni regionali e internazionali e di aver discusso i passi comuni da intraprendere per intensificare i legami. Ai giornalisti ha detto di aver discusso dell’importanza di sviluppare relazioni commerciali e di superare gli ostacoli doganali. Ha sottolineato la necessità di aumentare gli investimenti e sostenere nuovi progetti, aggiungendo che la Turchia sostiene la candidatura dell’Arabia Saudita per ospitare Expo 2030. “Con gli sforzi comuni, credo che porteremo i nostri legami anche oltre il punto in cui erano in passato”, ha detto.

Il Presidente ha affermato che sarebbe reciprocamente vantaggioso rafforzare la cooperazione in settori quali la salute, l’energia, la sicurezza alimentare, l’industria della difesa e la finanza. Per quanto riguarda il settore della difesa, mentre ha ribadito il sostegno della Turchia alla sicurezza e stabilità del Regno e del Golfo, ha detto di avere espresso alla leadership saudita le proposte turche orientate verso la produzione anziché il consumo. Ha affermato che la produzione potrebbe aver luogo in Turchia o in Arabia Saudita e persino in un Paese terzo. “La Turchia ha la tecnologia e l’Arabia Saudita ha il capitale”, ha osservato. “Dobbiamo muoverci verso la produzione e speriamo che anche il mondo islamico sia produttivo e aperto a nuovi mercati”, ha proseguito.

Un alto funzionario turco ha dichiarato: “Le basi sono pronte in modo che ancora una volta possiamo agire all’unisono su commercio, investimenti e questioni regionali”. Gli interessi economici sono “uno dei principali fattori trainanti” della visita di Erdoğan, ha affermato Dina Esfandiary, consulente senior per il Medio Oriente dell’International Crisis Group.

Un diplomatico occidentale ha commentato che Erdoğan “sta in parte cercando accordi e finanziamenti in Arabia Saudita e una linea di scambio per forse 10-20 miliardi di dollari sarebbe qualcosa di utile”. L’analista politico saudita Ali Shihabi ha detto che l’arrivo di Erdoğan è visto come una vittoria dai funzionari sauditi desiderosi di voltare pagina dopo i tesi rapporti del passato. “Erdoğan è stato isolato e ha pagato un alto prezzo economico in enormi perdite economiche derivanti da un boicottaggio economico e dei viaggi, motivo per cui è lui a venire in Arabia Saudita”, ha affermato Shihabi. Entrambi i Paesi ne trarranno vantaggio, ha aggiunto, poiché Erdoğan “ha bisogno dei flussi commerciali e turistici dall’Arabia Saudita e l’Arabia Saudita preferirebbe averlo” dalla sua parte “su una varietà di questioni regionali – e potrebbe essere aperta ad acquistare armi dalla Turchia”.

Le visite di Erdoğan in Arabia Saudita e, precedentemente, negli Emirati Arabi Uniti sono state accolte con soddisfazione anche ad Abu Dhabi. Anwar Qarqāsh, Consigliere diplomatico del Presidente EAU Shaykh Khalīfa Āl Nahyān e già Ministro degli Affari Esteri fino a febbraio dello scorso anno, ha affermato sabato che rappresentano un “passo positivo” per la regione. Dopo la visita del Presidente turco in Arabia Saudita, Qarqāsh ha affermato che la regione beneficerà di un approccio di “comunicazione e riavvicinamento”. “Le visite del Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan negli Emirati Arabi Uniti e nella sorella Arabia Saudita e l’adozione dell’approccio di comunicazione e riavvicinamento sono un passo positivo a beneficio dell’intera regione”, ha twittato.

Negli Emirati, a febbraio Erdoğan aveva fatto il suo primo viaggio ufficiale dopo dieci anni, incontrando i leader, tra cui Shaykh Muḥammad bin Rāshid ʾĀl Maktūm, Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e sovrano di Dubai, e Shaykh Moḥamed bin Zāyed Āl Nahyān, Vice Comandante Supremo delle Forze Armate EAU e Principe ereditario dell’Emirato di Abu Dhabi. Il Presidente turco aveva anche visitato il padiglione turco presso il sito di Expo 2020 Dubai, mentre i funzionari di entrambe le parti avevano finalizzato accordi per migliorare il commercio e la cooperazione.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    July 2022
    Zul Hijja1443 - Muharram 1444
    S M T W T F S
    1
    2
    2
    3
    3
    4
    4
    5
    5
    6
    6
    7
    7
    8
    8
    9
    9
    10
    10
    11
    11
    12
    12
    13
    13
    14
    14
    15
    15
    16
    16
    17
    17
    18
    18
    19
    19
    20
    20
    21
    21
    22
    22
    23
    23
    24
    24
    25
    25
    26
    26
    27
    27
    28
    28
    29
    29
    30
    30
    1
    31
    2