Siria – Erdoğan incontra Putin in Russia

“L’operazione Sorgente di Pace e questo incontro creeranno opportunità molto importanti”, ha detto il Presidente turco

di Kareem Fahim and Sarah Dadouch*

Libera traduzione da: The Washington Post, Oct. 22, 2019, 4:37 p.m.

Il Presidente Recep Tayyip Erdoğan ha incontrato martedì il Presidente russo Vladimir Putin per discutere dell’offensiva turca in Siria, poche ore prima che scadesse un cessate il fuoco di cinque giorni tra le milizie curde siriane e il governo di Erdoğan.

La Turchia ha minacciato di riavviare la sua offensiva militare se i combattenti curdi non si ritirassero completamente entro martedì sera da un’area predeterminata lungo il confine settentrionale della Siria con la Turchia. Se il ritiro fosse completato, Ankara ha accettato di fermare definitivamente la sua offensiva, che mira a creare una vasta zona-cuscinetto per la Turchia lungo gran parte del suo confine con la Siria.

L’incontro di Erdoğan con Putin, che è il più potente sostenitore del governo siriano, si prevedeva incentrato sulle spinose conseguenze dell’operazione militare turca e sulla rapida evoluzione della mappa di controllo siriana, mentre le truppe USA si ritirano e le fazioni in competizione si affrettano a colmare il vuoto.

“Questi sono giorni molto critici nella regione”, ha detto Erdoğan dopo essere stato accolto da Putin nella città di Sochi, sul Mar Nero. “L’operazione Sorgente di Pace e questo incontro creeranno opportunità molto importanti”, ha aggiunto riferendosi al nome che la Turchia ha dato alla sua operazione militare [Barış Pınarı Harekâtı, N.d.T.].

Il cessate il fuoco ha mostrato segnali di problemi anche mentre l’incontro in Russia era iniziato. Le milizie a guida curda, note come Forze Democratiche Siriane [HSD, che sono la forza di difesa ufficiale della Federazione Democratica della Siria del Nord non riconosciuta dal governo di Siria o da qualsiasi Stato o organizzazione internazionale, N.d.T.], hanno dichiarato di aver completato solo parzialmente il loro ritiro da un’area che si estende per circa 70 miglia lungo il confine con la Turchia e 20 miglia in profondità nel territorio siriano.

Mervan Qamishlo, un portavoce HSD, ha denunciato quello che ha chiamato attacchi in corso da parte della Turchia e ritardo delle forze alleate e ha detto che le forze a guida curda si sono ritirate solo dalla città siriana di Raʾs al-ʿAyn.

“Sembra che la Turchia non sia seria riguardo all’accordo”, ha detto in un messaggio di martedì mattina. “Fino ad ora, non vi è alcun ritiro da altre aree”.

Poco prima di partire per la Russia martedì, Erdoğan ha affermato che tra i 700 e gli 800 combattenti curdi si erano ritirati come previsto nell’accordo. “Pare che i restanti 1.200, fino a 1.300, continuino ad andare via rapidamente”, ha detto, citando informazioni del Ministro della Difesa turco [l’indipendente Hulusi Akar nella foto sopra, N.d.T.].

“Naturalmente li stiamo seguendo. Stanno partendo tutti e questo processo non finirà prima che partano”, ha aggiunto Erdoğan.

Uno degli altri compiti difficili di Putin è mediare un accordo tra Erdoğan e il Presidente siriano Baššar al-Asad, che sono stati avversari durante la guerra civile in Siria durante otto anni. La Russia ha usato il suo potere militare per aiutare Asad a respingere la ribellione siriana e sta cercando di assicurarsi che il suo governo riacquisti il controllo dell’intero Paese.

“L’Esercito russo non può autorizzare le forze turche a rimanere o lasciare il territorio siriano. Solo il governo legittimo della Repubblica Araba di Siria può farlo”, ha detto ai giornalisti in una conferenza-stampa a Sochi [il turcologo, N.d.T.] Dmitrij Peskov, portavoce di Putin.

Il desiderio di Erdoğan di una “zona sicura”, che si estenda in gran parte della Siria settentrionale, complica tale piano. Asad, durante una visita martedì alle sue truppe nella provincia di Idlib, nel nord della Siria, ha definito Erdoğan “un ladro” che ha rubato la terra siriana.

Il ruolo di Putin come mediatore del potere centrale siriano si è rafforzato dopo che l’Amministrazione Trump aveva annunciato che stava ritirando dal nord le sue rimanenti truppe. L’annuncio – poco dopo che Erdoğan aveva parlato con Trump all’inizio di questo mese – ha aperto la strada all’offensiva turca contro le HSD, i principali partner militari degli Stati Uniti contro il gruppo militante dello Stato Islamico.

“Erdoğan è ben consapevole che gli Stati Uniti sono un fattore esterno per la regione e per il conflitto, mentre la Russia è ora un fattore interno”, ha detto al quotidiano Vedomosti [Notizie, quotidiano economico russo, N.d.T.] Fëdor Luk’yanov, un analista russo di affari internazionali che è stato consigliere del Cremlino. “La Russia controlla questi processi e molto dipende da Mosca …. Ciò che la Turchia vuole ottenere in Siria è impossibile senza accordi con Mosca. Non ci può essere nessuna azione militare seria che Mosca contrasti”.

Un grosso convoglio di veicoli militari USA ha lasciato la Siria lunedì e ha attraversato il confine iraqeno. Il convoglio è stato ostacolato in alcuni punti dai Curdi che accusano gli Stati Uniti di tradimento e hanno scagliato pietre e verdure contro i veicoli.

Martedì le Forze armate iraqene hanno affermato che le forze USA appena arrivate dovrebbero ritirarsi dal Paese. “Non c’è nessun accordo perché queste forze rimangano in Iraq”, si legge in un comunicato militare.

Mark Thomas Esper, Segretario alla Difesa USA, ha affermato che le truppe in arrivo non rimarranno “all’infinito” in Iraq e che l’obiettivo è di riportarle a casa. Martedì, durante una visita a una base aerea in Arabia Saudita, ha detto che i dettagli sarebbero stati elaborati durante le discussioni con i funzionari iraqeni.

 

* Kareem Fahim è capo ufficio stampa di Istanbul e corrispondente in Medio Oriente per il Washington Post. In precedenza ha trascorso 11 anni al New York Times, scrivendo sul mondo arabo come corrispondente dal Cairo, tra gli altri incarichi. Ha anche lavorato come reporter al Village Voice.

Sarah Dadouch è una corrispondente in Medio Oriente con sede a Beirut per il Washington Post. In precedenza è stata corrispondente di Reuters da Beirut, Riyāḍ e Istanbul.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    November 2019
    Rabi'ul Awal - Rabi'ul Akhir 1441
    S M T W T F S
    1
    3
    2
    4
    3
    5
    4
    6
    5
    7
    6
    8
    7
    9
    8
    10
    9
    11
    10
    12
    11
    13
    12
    14
    13
    15
    14
    16
    15
    17
    16
    18
    17
    19
    18
    20
    19
    21
    20
    22
    21
    23
    22
    24
    23
    25
    24
    26
    25
    27
    26
    28
    27
    29
    28
    1
    29
    2
    30
    3