Repubblica Popolare Cinese – Gli Stati Uniti ancora una volta isolati mentre i leader mondiali aprono il vertice sulla Via della Seta

Il Presidente russo Vladimir Putin e il Primo Ministro italiano Giuseppe Conte tra i principali personaggi intervenuti

Libera traduzione da: PressTV, Fri Apr 26, 2019, 10:50AM

Quasi 40 leader mondiali e decine di funzionari della finanza si sono riuniti a Pechino per costruire una nuova piattaforma per il commercio internazionale e contrastare l’unilateralismo e le politiche protezionistiche degli Stati Uniti.

Denominata Iniziativa Belt and Road (BRI), mira a reinventare l’antica Via della Seta per collegare l’Asia all’Europa e all’Africa attraverso ingenti investimenti in progetti marittimi, stradali e ferroviari.

Circa 5.000 delegati stanno partecipando al forum di tre giorni, assieme, tra i personaggi, al Presidente russo Vladimir Putin e al Primo Ministro italiano Giuseppe Conte [nella foto sotto con il Presidente Xi, N.d.T.], il cui Paese è diventato il primo membro del G7 a impegnarsi nella BRI.

President Xi & PM Conte

Gli Stati Uniti non hanno inviato alcun funzionario, respingendo la BRI come “progetto vanitoso” e rimproverando Roma per aver partecipato al programma.

Tuttavia, i tradizionali alleati USA, come Regno Unito, Francia, Germania e Spagna, hanno inviato ministri al summit, tra notizie di frustrazione europea per le pratiche commerciali di Washington.

Il Ministro delle Finanze britannico Philip Hammond oggi ha detto al Vertice che il suo Paese è impegnato a contribuire alla realizzazione delle potenzialità della BRI, offrendo la competenza britannica nel finanziamento dei progetti.

“L’Iniziativa Belt and Road ha un enorme potenziale per diffondere prosperità e sviluppo sostenibile, toccando potenzialmente, come fa, il 70 per cento della popolazione mondiale, un progetto di ambizione epica”, ha detto.

Il Ministro dell’Economia tedesco Peter Altmaier ha dichiarato che i principali Paesi dell’Unione Europea vogliono firmare come gruppo un memorandum d’intesa sulla BRI.

Il Presidente Putin ha chiesto una risposta globale contro protezionismo, sanzioni unilaterali e “guerre commerciali”, criticando velatamente gli Stati Uniti.

“Il sorgere del protezionismo nella sua forma più pericolosa al momento viene spesso usato illegittimamente nella veste di restrizioni unilaterali per aggirare il Consiglio di Sicurezza dell’ONU o, peggio ancora, nella veste di guerre commerciali”, ha detto.

“Pensiamo che solo quando saremo uniti potremo contrastare sfide così acute in un rallentamento economico globale e divari tra Paesi in termini di benessere e tecnologia”, ha aggiunto Putin.

Al leader russo, che in un discorso alla cerimonia il Presidente cinese Xi Jinping ha indicato come “il mio amico più vicino”, è stata conferita una laurea ad honorem dall’università del Premier cinese.

La BRI offre di portare infrastrutture moderne tanto necessarie ai Paesi in via di sviluppo e la spesa della Cina ha aumentato la sua presenza in tutto il mondo.

A diagram of China's plan for the 'New Silk Road'

Pechino non ha detto esattamente quanto denaro sarà necessario in totale, ma alcune stime indipendenti suggeriscono che raggiungerà svariate migliaia di miliardi di dollari.

Gli Stati Uniti temono che la Cina aspiri a sostituirli al centro dell’ordine mondiale e la decisione dell’Italia e del Lussemburgo di partecipare alla BRI ha fatto suonare campanelli d’allarme a Washington, che vede l’influenza di Pechino estendersi fino al centro dell’Unione Europea.

Per i leader USA la BRI è simile al Piano Marshall, che ha stabilito la supremazia americana attraverso un progetto economico per ricostruire l’Europa nel secondo dopoguerra. Sono allarmati, tanto più che la BRI è più di 10 volte la dimensione del Piano Marshall.

L’Occidente è preoccupato che l’espansione della BRI porterà alla nascita di modelli alternativi di governo che sfideranno il liberalismo occidentale in tutto il mondo.

Nel suo intervento in apertura del forum, il Presidente Xi ha sottolineato che il suo progetto di infrastruttura globale “non è un club esclusivo”, inviando una frecciata agli Stati Uniti.

Ha invitato i Paesi partecipanti all’iniziativa a promuovere un partenariato globale per la connettività per realizzare sviluppo e prosperità comuni.

“Dobbiamo promuovere la liberalizzazione e la facilitazione del commercio e degli investimenti, dire ‘no’ al protezionismo e rendere la globalizzazione economica più aperta, inclusiva, equilibrata e vantaggiosa per tutti”, ha affermato.

Altmaier ha detto di essere stato incoraggiato dall’impegno del presidente Xi a perseguire il libero commercio, il multilateralismo e la sostenibilità.

“Prenderemo questa promessa sul serio” e daremo suggerimenti su come raggiungere questi obiettivi sia in Asia sia in Europa, ha detto.

La Cina è un partner e un concorrente allo stesso tempo e l’Unione Europea deve definire i suoi interessi, ha detto Altmaier.

“E per questo abbiamo bisogno di una strategia industriale. Per questo abbiamo bisogno della nostra strategia di connettività”, ha aggiunto.

L’Amministrazione Trump ha avviato una guerra commerciale con la Cina l’anno scorso, quando per la prima volta ha imposto tariffe insolitamente pesanti sulle importazioni dal Paese asiatico.

Washington ha a lungo criticato l’enorme surplus commerciale della Cina con gli Stati Uniti e ha chiesto a Pechino di ridurlo.

Gli Stati Uniti chiedono anche ampi cambiamenti alle pratiche cinesi, che la Casa Bianca ha etichettato come ingiuste, compreso il presunto furto di tecnologia e proprietà intellettuale degli Stati Uniti.

Washington accusa inoltre Pechino di creare una miriade di barriere al lavoro delle compagnie straniere nel mercato cinese. La Cina respinge le accuse.

Pechino ha offerto di aumentare i suoi acquisti di prodotti USA, ma è ampiamente previsto che non risponda alle richieste di cambiamenti di vasta portata alle sue politiche industriali.

Ma il disaccordo tra le due principali potenze economiche si è approfondito, con entrambe le parti che impongono dazi doganali sulle rispettive merci e che hanno portato a una guerra commerciale che ha scosso l’economia mondiale.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    September 2019
    Muharram 1441
    S M T W T F S
    1
    1
    2
    2
    3
    3
    4
    4
    5
    5
    6
    6
    7
    7
    8
    8
    9
    9
    10
    10
    11
    11
    12
    12
    13
    13
    14
    14
    15
    15
    16
    16
    17
    17
    18
    18
    19
    19
    20
    20
    21
    21
    22
    22
    23
    23
    24
    24
    25
    25
    26
    26
    27
    27
    28
    28
    29
    29
    30
    1