Repubblica Islamica dell’Iran – La conferenza internazionale di Varsavia mostra tensioni USA-UE

Khāmene’i dice che negoziati con gli Stati Uniti “non porteranno altro che danni materiali e spirituali”

Warsaw conference

Elaborazione da fonti: Egypt Independent, February 13, 2019, 5:10 pm; Shi Yinglun, in Xinhua, 2019-02-15, 07:09:54; Nicole Gaouette, in CNN, February 14, 2019, 0020 GMT (0820 HKT)

“Riguardo agli Stati Uniti, la risoluzione di qualsiasi problema non è immaginabile e negoziati con loro non porteranno altro che danni materiali e spirituali”, ha detto mercoledì in una nota la Guida Suprema della Rivoluzione Islamica, l’Āyatollāh Sayyed ‘Alī Khāmene’i, poco prima che iniziasse l’incontro a guida americana sul Medio Oriente, a cui erano invitati Israele e gli Stati arabi, ma non l’Iran. Durante il vertice di Varsavia, che si è concluso ieri, Stati Uniti e Unione Europea hanno espresso opinioni diverse sulla questione dell’Iran e non hanno raggiunto alcun accordo specifico. La conferenza internazionale, organizzata congiuntamente dalla Polonia e dagli Stati Uniti, era inizialmente volta a concentrarsi interamente sull’Iran. Tuttavia, in seguito gli Stati Uniti l’hanno impostata sull’intero Medio Oriente per aumentarne la partecipazione.

La Guida Suprema ha continuato a descrivere qualsiasi negoziato come un “errore imperdonabile.” Ha anche detto che partecipare a negoziati sarebbe come “andare in ginocchio di fronte al nemico e baciare gli artigli del lupo”. I commenti del Rahbar ‘Alī Khāmene’i facevano parte di una dichiarazione di sette pagine letta parola per parola alla televisione di stato iraniana IRIB e caldamente annunciata in precedenza. Sono arrivate anche due giorni dopo che l’Iran ha celebrato il 40° anniversario della Rivoluzione Islamica del 1979, tra crescenti tensioni Tehrān-Washington.

Il tono è molto lontano dal 2015, quando Khāmene’i aveva approvato i colloqui tra l’Iran e gli Stati Uniti che hanno portato all’accordo nucleare tra la Repubblica Islamica dell’Iran e le potenze mondiali. L’accordo ha visto l’Iran limitare il suo arricchimento di uranio in cambio della revoca delle sanzioni economiche.

Quell’accordo era nato con l’assenso dell’Amministrazione dell’ex Presidente Barack Obama. Il Presidente Trump, che ha promosso la campagna per strappare l’accordo, ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo lo scorso maggio e ha reimposto sanzioni. Gli altri Paesi firmatari dell’accordo, tra cui grandi potenze europee come Germania, Francia e Gran Bretagna, cercano da allora di mantenerlo vivo. Le Nazioni Unite dicono che l’Iran ha mantenuto la sua parte dell’accordo, anche se funzionari iraniani hanno sempre più minacciato di riprendere un maggiore arricchimento dell’uranio.

Mercoledì il Presidente iraniano Ḥasan Ruhani aveva detto che l’Iran rimarrà fermo di fronte alle pressioni delle sanzioni USA. Washington sta prendendo di mira la nazione iraniana con una “guerra economica, di propaganda e psicologica”, ha detto Ruhani a Press TV. Tuttavia, gli Iraniani difenderanno la loro dignità e indipendenza e non si “arrenderanno al nemico”, ha detto. Lo stesso giorno il Ministro degli Esteri iraniano Moḥammad Javad Zarif [nella foto sotto con l’Alto Rappresentante dell’Unione Europea per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza Federica Mogherini] aveva detto che l’incontro anti-Iran nella capitale polacca Varsavia era “destinato a fallire”, ha riferito l’agenzia di stampa semi-ufficiale ISNA. “Questo è un altro tentativo da parte degli Stati Uniti di perseguire le sue politiche nei confronti dell’Iran che non è stato sviscerato correttamente”, aveva detto Zarif.

Related image

Fonte: Unione Europea, 2017 (ritagliata)

In mezzo alle nuove tensioni, l’economia già indebolita dell’Iran è stata ulteriormente sfidata. Ci sono state anche sporadiche proteste nel Paese, incidenti applauditi da Trump, in linea con l’approccio massimalista di Washington verso Tehrān.

Tuttavia, alcuni hanno suggerito che i leader iraniani si incontrino con Trump in un summit, proprio come avvenuto per il Leader Supremo della Repubblica Popolare Democratica di Corea, Kim Jŏng-ŭn. Amīr Mūsavī, un ex diplomatico iraniano, ha affermato che la settimana scorsa Trump ha inviato un messaggio al Presidente Ḥasan Ruhani, chiedendo colloqui diretti. Mūsavī, parlando con il canale televisivo satellitare pan-arabista libanese AlMayadeen, ha detto che Trump è pronto a recarsi a Tehrān e ha inviato diversi messaggi attraverso intermediari in Oman. Da Washington non c’è stata alcuna conferma di tale richiesta.

Il vertice di Varsavia ha inteso affrontare un’ampia gamma di sfide alla sicurezza. Il meeting ha attirato rappresentanti da più di 50 Paesi secondo il Dipartimento di Stato, che ha elencato una serie di argomenti che potrebbero essere applicati in generale al Medio Oriente e in particolare all’Iran. I partecipanti sono stati chiamati a discutere delle “crisi regionali e dei loro effetti sui civili in Medio Oriente, lo sviluppo e la proliferazione dei missili, la sicurezza informatica e le minacce emergenti per il settore energetico e la lotta all’estremismo e alla finanza illecita”. Altre questioni sul tavolo includevano la Siria, lo Yemen, le sfide umanitarie e gli sforzi per risolvere il conflitto in corso tra Israele e i Palestinesi.

La conferenza si è focalizzata sull’Iran, diventando fonte di tensione tra Stati Uniti e i suoi alleati, e, stando a quanto riferito, ha causato attriti anche all’interno dell’Amministrazione. Donald Trump afferma di voler far pressione su Tehrān per cambiare il suo comportamento nella regione, non per cambiare regime. Ma, al di fuori della conferenza, mercoledì Rudolph Giuliani, avvocato personale del Presidente Donald Trump, ha partecipato a Varsavia a una manifestazione dedicata al rovesciamento del regime in Iran [foto sotto]. “C’è qualcosa in merito alla pace e alla stabilità in Medio Oriente”, ha detto Giuliani alla folla, “e cioè che abbiamo bisogno di un Iran stabile e decente che non fomenti enormi problemi”.

Live Reports: MEK's Free Iran Rally Outside the Warsaw Summit

L’aggressivo atteggiamento degli Stati Uniti e la decisione di Washington di abbandonare il patto nucleare con l’Iran hanno frustrato gli alleati europei, creando tensioni nell’alleanza transatlantica. L’Unione Europea ha posizioni diverse sulla questione iraniana. Gli Europei puntano al rispetto dell’accordo nucleare da parte dell’Iran e stanno respingendo gli sforzi degli Stati Uniti per mettere al muro Tehrān, puntando a istituire un meccanismo economico speciale per permettere all’Iran di continuare gli scambi di merci consentiti dall’accordo internazionale.

“L’Unione Europea crede nel carattere pacifico del programma nucleare iraniano, invita a mantenere il Piano d’Azione Congiunto Globale, JCPOA. Gli Stati Uniti hanno abbandonato questo accordo e hanno imposto sanzioni”, ha detto il Ministro degli Esteri polacco Jacek Krzysztof Czaputowicz [nella foto sotto con il Segretario di Stato USA Mike Pompeo]. “L’accordo nucleare con l’Iran gioca un ruolo positivo nel lungo termine”, ha detto il conservatore Czaputowicz al termine della conferenza.

Image result for Iran Warsaw conference USA EU

Federica Mogherini, Alto Rappresentante dell’Unione Europea per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza, e i Ministri degli Esteri di Francia e Germania Jean-Yves Le Drian e Heiko Josef Maas non hanno partecipato alla conferenza e hanno invece inviato personale di grado inferiore. Ma un alto funzionario dell’Amministrazione, che ha informato i giornalisti in merito alla riunione di Varsavia, ha dichiarato: “Non siamo delusi dall’affluenza”. Un diplomatico europeo ha detto che “all’inizio si parlava dell’Iran, ora è confuso” e ha sottolineato che il meeting di Varsavia è arrivato dieci giorni dopo un incontro della coalizione anti-IS composta da 79 membri, in cui si sarebbe potuto facilmente discutere di questioni relative al Medio Oriente.

Prima di ampliare l’ordine del giorno, gli Stati Uniti avevano detto agli alleati che la riunione si sarebbe concentrata sull’Iran, una bestia nera per il Consigliere per la Sicurezza Nazionale John Bolton e il Segretario di Stato Mike Pompeo, entrambi in passato sostenitori del cambio di regime a Tehrān.

Pompeo ha biasimato la situazione instabile della regione a causa dell’«influenza destabilizzante» dell’Iran. Ieri ha detto che la pace e la stabilità in Medio Oriente non possono essere raggiunte “senza confrontarsi con l’Iran”. Nelle sue osservazioni conclusive, Pompeo ha affermato che “sono necessarie più sanzioni e pressioni sull’Iran”. Ha anche esortato gli altri Paesi “ad opporsi a sovvenzionare Ḥasan Ruhani”.

La questione iraniana sta anche causando attriti all’interno del governo degli Stati Uniti, ha detto un alto funzionario militare. L’Esercito sta cercando di evitare un conflitto aperto con l’Iran e fa affidamento, invece, sulla pressione economica e diplomatica, il che corrisponde all’attuale approccio dell’Amministrazione. Tuttavia, il funzionario ha detto che alcuni comandanti militari del Pentagono ritengono che Bolton sia più stridente e abbia una “propensione” all’azione nel Golfo. In un messaggio video della Casa Bianca di lunedì, mentre l’Iran celebrava il 40° anniversario della sua Rivoluzione, Bolton ha risposto alle minacce iraniane dicendo all’Āyatollāh Khāmene’i: “Non credo che avrete molti più anniversari di cui fruire”.

Il funzionario militare ha detto che, mentre l’Iran potrebbe possedere un potenziale minaccioso, è stato finora “cauto” nelle sue azioni, cercando accuratamente di evitare il conflitto aperto con gli Stati Uniti.

Il Vice Ammiraglio James Malloy, Comandante del Comando Centrale delle Forze Navali degli Stati Uniti, ha detto mercoledì a un piccolo gruppo di giornalisti in Bahrein che l’Iran è in possesso di progrediti e pericolosi sistemi di armi che gli conferiscono la capacità di minacciare, se lo volesse, alcune delle vie navigabili più importanti del mondo. “Hanno una capacità crescente sui missili da crociera, hanno una capacità crescente sui missili balistici, hanno una capacità crescente sui sistemi automatici di superficie, tutte cose che noi consideriamo offensive e destabilizzanti per loro natura”, ha detto Malloy.

Un alto funzionario dell’Amministrazione USA, informando i giornalisti a Washington sulla riunione di Varsavia, ha detto: “Ovviamente, l’Iran è un argomento chiave” e le discussioni vertono sulla sua influenza in Medio Oriente, “cosa possiamo fare per aiutare l’Iran a essere più disponibile” e come respingere collettivamente il suo comportamento malvagio nella regione.

Mercoledì il Primo Ministro israeliano Binyamin Netanyahu [nella foto sopra con il Ministro degli Esteri dello Yemen, Khaled al-Yamani] aveva messo le cose in chiaro dal suo punto di vista, dichiarando che l’incontro di Varsavia è importante perché offre ai Paesi arabi e a Israele la possibilità di incontrarsi apertamente “per promuovere l’interesse comune della guerra con l’Iran”. L’ufficio del Primo Ministro israeliano ha successivamente ammorbidito la dichiarazione nel senso che deve intendersi come interesse a “combattere l’Iran”, ma non c’è dubbio che Tehrān è stata un punto centrale della riunione tra ministri, anche perché presentava un elenco di punti all’ordine del giorno che includeva la Siria e lo Yemen.

Azita Raji, la diplomatica di origine iraniana che era stata nominata Ambasciatore degli Stati Uniti in Svezia dall’Amministrazione Obama, ha dichiarato: “Non è ancora chiaro cosa gli Stati Uniti si aspettino di raggiungere durante l’incontro di Varsavia: rafforzare l’opposizione europea a Tehrān creando una coalizione euro-americana per combattere l’influenza iraniana? O la pace in Medio Oriente come è ora in programma? … In entrambi i casi un ordine del giorno così ambizioso è destinato a fallire a causa della mancanza di partecipanti europei di alto livello, una sicura indicazione che la fiducia da parte dei nostri alleati transatlantici è scarsa”.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    September 2019
    Muharram 1441
    S M T W T F S
    1
    1
    2
    2
    3
    3
    4
    4
    5
    5
    6
    6
    7
    7
    8
    8
    9
    9
    10
    10
    11
    11
    12
    12
    13
    13
    14
    14
    15
    15
    16
    16
    17
    17
    18
    18
    19
    19
    20
    20
    21
    21
    22
    22
    23
    23
    24
    24
    25
    25
    26
    26
    27
    27
    28
    28
    29
    29
    30
    1