Repubblica Islamica dell’Iran-Israele – La Russia come cuscinetto

di Maxim A. Suchkov*

Sergej Lawrow

Libera traduzione da: Al-Monitor, April 29, 2018

Mentre la situazione di stallo tra Iran e Israele rischia di sfuggire di mano, la Russia è evidentemente alla ricerca di un modus vivendi tra i due nemici regionali.

La località russa di Sochi, sul Mar Nero, ha ospitato il 25 e 26 aprile il 9° Incontro Internazionale degli Alti Rappresentanti per i Problemi della Sicurezza. L’evento, organizzato dal Consiglio di Sicurezza Russo, ha riunito i responsabili dei Consigli di Sicurezza, gli assistenti presidenziali e i responsabili dei servizi di intelligence di 118 Paesi. L’incontro sta diventando sempre più popolare tra i funzionari internazionali di sicurezza di alto livello: il primo anno alla conferenza hanno partecipato 43 nazioni; l’anno scorso 95 stati hanno inviato delegati.

Mosca sostiene che ci sarebbero stati più Paesi rappresentati, se non fosse per la pressione che gli Stati Uniti avrebbero esercitato sui propri alleati per non partecipare. Parlando ai delegati, il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov [nella foto in alto, N.d.T.] ha dichiarato: “Le rinnovate dottrine americane [di politica estera e militari] sono penetrate da idee di scontro … Abbiamo bisogno di nuove tragedie, provocazioni e perdite senza senso per far prevalere il buon senso?”

A dominare l’agenda di quest’anno sono state le discussioni sulla lotta al terrorismo internazionale, compreso il taglio delle fonti di finanziamento, la sicurezza informatica e la situazione nel Medio Oriente allargato. Durante la conferenza di due giorni il Segretario del Consiglio di Sicurezza Russo Nikolaj Patrushev ha tenuto 40 incontri bilaterali. Tuttavia, i due incontri separati con i rappresentanti di Iran e Israele hanno costituito la maggior parte delle notizie.

Il giorno prima dell’inizio della conferenza Patrushev ha incontrato il Segretario del Supremo Consiglio per la Sicurezza Nazionale dell’Iran, il Vice Ammiraglio ‘Alī Shamkhani. Più tardi, Patrushev si è seduto con Eytan Ben-David, Vice Capo del Consiglio di Sicurezza Nazionale di Israele [recentemente nominato Capo del Consiglio e Consigliere della Sicurezza Nazionale f.f., N.d.T.].

Gli incontri hanno portato a ipotizzare che Mosca abbia organizzato un incontro tra funzionari israeliani e iraniani. Alcune indiscrezioni riferiscono anche che la Russia guardi ad un suo maggiore ruolo di mediazione nello stallo in Siria tra Iran e Israele. Il 25 aprile una fonte informata del Consiglio di Sicurezza Russo ha respinto con forza ogni asserzione sulle agenzie di stampa iraniane. Due diplomatici russi contattati da Al-Monitor hanno rifiutato di commentare la situazione.

Tale reazione deriva dagli avvertimenti della Russia circa i colloqui sui canali riservati – qualora siano stati effettivamente sostenuti – perché abbiano successo. Devono rimanere confidenziali perché una discussione pubblica su tali sforzi potrebbe ritorcersi sul piano nazionale sia in Israele sia in Iran.

Negli ultimi mesi ci sono state molte dichiarazioni secondo cui la Russia sta mettendo seriamente in discussione se continuare la sua azione di equilibrio tra Iran e Israele. La natura stessa del crescente scontro sul campo siriano tra i due acerrimi nemici è complicata. È difficile verificare se nelle discussioni con Tehrān Mosca stia sollevando la questione di Ḥizb Allāh e di altre presenze di milizie sciite vicino al confine israeliano. Tuttavia, la logica del comportamento della Russia nella regione deriva in ultima analisi dai tentativi di comprendere e riconoscere la legittimità delle motivazioni di alcuni attori – anche quando non li condivida politicamente o li trovi in contrasto con i propri interessi. A giudicare da questo approccio, Mosca potrebbe trovare la presenza di Ḥizb Allāh comprensibile dal punto di vista dell’Iran. Allo stesso tempo, la Russia si rende certamente conto che questa presenza è utilizzata come una costante irritante per Israele ed è quindi un fattore di escalation che non può essere ignorato se il Cremlino si propone alla fine la stabilizzazione della Siria a lungo termine.

Vladimir Putin with Bashar-al-Assad in 2005

La Russia sta attraversando un momento difficile nel suo ruolo di intermediario per negoziatori così duri come gli Israeliani e gli Iraniani. Per ora, tuttavia, sia l’Iran sia Israele hanno bisogno della Russia come “airbag” tra di loro. Un tale stato non può – e probabilmente non potrà – durare troppo a lungo, ma finora ha fornito a Mosca il tempo necessario per elaborare uno status quo di moderazione: l’Iran deve frenare le azioni provocatorie di Ḥizb Allāh e Israele deve frenare le sue assertive risposte e raid aerei preventivi.

Quindi, ascoltiamo il “tira-e-molla” di notizie sulla Russia che probabilmente fornisce sistemi di difesa aerea S-300 alla Siria – che il Ministro della Difesa israeliano Avigdor Lieberman [nella foto sotto, N.d.t.] ha minacciato di distruggere se venissero utilizzati contro Israele. Aleksander Shein, Ambasciatore uscente della Russia in Israele, ha detto che “non può immaginare un simile scenario”.

“Abbiamo coordinamento e aggiornamenti reciproci in merito alla Siria: i Ministeri della Difesa dei due Paesi stanno cooperando”, ha affermato.

“La Russia tiene costantemente conto delle preoccupazioni e degli interessi di Israele sulla salvaguardia della sicurezza nazionale … Siamo, ovviamente, preoccupati dello stato [delle] relazioni bilaterali tra Israele e Iran, alla luce delle reciproche minacce e rifiuti. Ora dobbiamo anche preoccuparci della presenza dell’Iran in Siria. Potrebbe portare ad un peggioramento della situazione e ad una conflagrazione in tutto il Medio Oriente”, ha aggiunto Shein.

Nella sua ultima intervista con Al-Monitor, il Ministro degli Esteri iraniano Moḥammad Javad Zarif [nella foto sotto, N.d.t.] ha alluso alle speranze di Tehrān sulla trattativa russa con Israele: “Credo che l’aggressione israeliana sia stata respinta e sarà respinta e penso che sia meglio per tutti consigliare loro di fermare l’aggressione contro gli altri”. Ma il Ministro non ha indicato ciò che l’Iran potrebbe essere disposto a fare.

Image result for iran israel russia

Raggiungere un compromesso tra i due pesi massimi regionali può essere un ruolo onorifico e, se Mosca potrà far fronte a tutte le difficoltà associate, renderà indispensabile la sua presenza in Siria. I decisori russi stanno accuratamente puntualizzando che Israeliani e Iraniani stanno sopravvalutando l’influenza che Mosca ha sulle rispettive parti. Eppure la stessa Russia ha fatto molto per consolidare la propria immagine di nuovo mediatore di potere nella regione e ora deve soddisfare queste aspettative. In effetti, è difficile pensare a qualsiasi altra potenza orientata in modo univoco a tagliare questo nodo gordiano. La Russia è preoccupata di trovare una formula globale per evitare che le parti si sentano in pericolo. La spinta diplomatica è alimentata dalla convinzione che le alternative alla trattativa con l’Iran siano scenari basati sulla forza come quelli discussi a Washington e a Gerusalemme, i quali potrebbero essenzialmente comportare l’esordio di una nuova dimensione della guerra siriana e probabilmente scatenare una guerra regionale su larga scala.

 

Maxim A. Suchkov, Ph.D., è redattore per la copertura di Russia e Medio Oriente di Al-Monitor. È un esperto non residente presso il Russian International Affairs Council (RIAC) e il Valdai Discussion Club. Precedentemente è stato ricercatore Fulbright alla Georgetown University (2010-11) e alla New York University (2015). Su Twitter: @MSuchkov_ALM; e-mail: msuchkov@al-monitor.com.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Categories

Hijri Calendar

    November 2018
    Safar - Rabi'ul Awal 1440
    S M T W T F S
    1
    22
    2
    23
    3
    24
    4
    25
    5
    26
    6
    27
    7
    28
    8
    29
    9
    1
    10
    2
    11
    3
    12
    4
    13
    5
    14
    6
    15
    7
    16
    8
    17
    9
    18
    10
    19
    11
    20
    12
    21
    13
    22
    14
    23
    15
    24
    16
    25
    17
    26
    18
    27
    19
    28
    20
    29
    21
    30
    22