Repubblica Islamica dell’Iran – Ḥasan Ruhani vince le elezioni presidenziali

I risultati finali mostrano che il Presidente in carica ha battuto di forza il rivale Ebrahim Raisi

Libera traduzione da: Al Jazeera, 20 May 2017

Secondo i risultati ufficiali, il Presidente riformista iraniano Ḥasan Ruhani [nella foto sopra, N.d.T.] ha decisamente vinto le elezioni presidenziali nel Paese, respingendo la sfida del rivale fondamentalista Ebrahim Raisi [Seyyed Ebrahim Raisos-Sadati, membro dell’Assemblea degli Esperti dell’Orientamento e già Procuratore Generale dell’Iran, N.d.T.].

Oggi il Ministro dell’Interno Abdolreza Rahmani Fazli ha detto che, alla fine dello scrutinio dei voti, Ruhani è stato rieletto con il 57%.

“Su circa 41,2 milioni di voti espressi, Ruhani ne ha ottenuti 23,5 … e ha vinto le elezioni”, ha detto Rahmani Fazli nei commenti trasmessi in diretta dalla TV statale.

Ha aggiunto che Raisi [nella foto sotto, N.d.T.], il più accreditato rivale di Ruhani, ha ottenuto 15,8 milioni di voti.

Ieri una grande affluenza aveva portato al prolungamento delle operazioni di voto di parecchie ore per affrontare le lunghe code.

426544_934

Impegni della campagna

L’elezione è stata vista da molti come un verdetto sulla politica di Ruhani di apertura dell’Iran al mondo e sui suoi sforzi per ricostruire la stagnante economia.

Ruhani era entrato in carica quattro anni fa sulla base della promessa di riduzione dell’isolamento internazionale dell’Iran.

Il voto di venerdì è stato il primo dalla negoziazione dell’accordo storico con le potenze mondiali nel 2015 per frenare il programma nucleare del Paese in cambio di un alleggerimento delle sanzioni.

Nel corso della campagna Ruhani ha cercato di definire il voto come scelta tra maggiori libertà civili e “estremismo”, criticando il continuo arresto di leader e attivisti riformisti.

Raisi, da parte sua, ha accusato Ruhani di cattiva gestione dell’economia e si è presentato come difensore dei poveri e chiedendo una linea molto più dura con l’Occidente.

Il commentatore politico Mostafa Khoshcheshm ha dichiarato che, contrariamente alla campagna elettorale del 2013, quando Ruhani aveva parlato di rimozione delle sanzioni e di miglioramento dell’economia, questa volta il suo messaggio è stato diverso.

“Ha fatto ricorso ad altri slogan della campagna, come la libertà sociale e politica, e ha innalzato gli obiettivi per raccogliere il sostegno pubblico, soprattutto nelle grandi città”, ha detto Khoshcheshm ad Al Jazeera.

“Se ha ottenuto questo risultato, è dovuto alle grandi città e alla classe media che vi vive – hanno votato per lui e lo hanno eletto Presidente e si aspettano che realizzi le sue promesse”.

Gli ostacoli futuri

È probabile che la rielezione di Ruhani tuteli l’accordo del 2015, in base al quale la maggior parte delle sanzioni internazionali debba essere eliminata in cambio di un freno al programma nucleare iraniano.

Ruhani ha promesso di adoperarsi per far rimuovere le rimanenti sanzioni non nucleari, ma i critici sostengono che sarà difficile con Donald Trump Presidente degli Stati Uniti – Trump l’ha più volte descritto come “uno dei peggiori accordi mai firmati”, anche se questa settimana la sua Amministrazione ha di nuovo autorizzato la rinuncia alle sanzioni.

Anche Ruhani dovrà affrontare le stesse restrizioni che nel suo primo mandato gli hanno impedito di compiere notevoli cambiamenti sociali.

Il Leader Supremo Āyatollāh ‘Alī Khāmene’i ha potere di veto su tutte le politiche e il controllo finale delle forze di sicurezza, mentre Ruhani non è stato in grado di ottenere la rimozione degli arresti domiciliari per i leader riformisti.

Jonah Hull, che scrive per Al Jazeera da Tehrān, la capitale iraniana, ha affermato che Ruhani, durante una “campagna elettorale sempre più aspra, ha isolato molte importanti istituzioni statali dell’Iran che avrebbero potuto non essere in condizione di collaborare con lui nel futuro”.

Lentezza del cambiamento

Mentre l’accordo nucleare era in prima linea nelle elezioni, la campagna è stata dominata dai temi della povertà e della disoccupazione.

Ruhani ha ridotto l’inflazione, che all’inizio del suo mandato nel 2013 era del 40% circa, ma i prezzi sono ancora in crescita di oltre il 7% l’anno.

Le vendite di petrolio hanno recuperato terreno da quando l’accordo nucleare è entrato in vigore a gennaio 2016, ma la crescita nella rimanente economia è stata limitata, lasciando la disoccupazione complessiva al 12,5% – quasi il 30% per i giovani – e molti altri sono sotto-occupati o lottano per cavarsela.

“Ruhani ottiene ora il suo secondo mandato e sarà in grado di continuare il lavoro che ha iniziato nel suo primo mandato di quattro anni, cercando di riformare l’Iran”, ha detto Hull.

“E soprattutto andando oltre l’accordo nucleare, cercando di portare progressi economici molto maggiori per soddisfare le persone che sono estremamente deluse dal lento ritmo del cambiamento dopo la firma dell’accordo”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Categories

Hijri Calendar

    April 2019
    Rajab - Sha'ban 1440
    S M T W T F S
    1
    26
    2
    27
    3
    28
    4
    29
    5
    30
    6
    1
    7
    2
    8
    3
    9
    4
    10
    5
    11
    6
    12
    7
    13
    8
    14
    9
    15
    10
    16
    11
    17
    12
    18
    13
    19
    14
    20
    15
    21
    16
    22
    17
    23
    18
    24
    19
    25
    20
    26
    21
    27
    22
    28
    23
    29
    24
    30
    25