Repubblica Islamica dell’Iran – Accordo sul nucleare: otto domande su cosa contiene

Ashton-Iran

Libera traduzione da: Peter Grier, The Christian Science Monitor staff writer / November 25, 2013

Gli Stati Uniti e le potenze mondiali alleate hanno raggiunto un accordo per bloccare temporaneamente il programma nucleare iraniano. In cambio l’Iran otterrà da 6 a 7 miliardi di dollari per alleviare l’impatto delle sanzioni economiche internazionali.

Secondo la Casa Bianca, l’accordo rappresenta un primo passo. Le trattative, volte a un accordo finale e intese ad assicurare che il programma iraniano sia pacifico, continueranno nei prossimi sei mesi. “Se l’Iran non è in grado di dissipare le nostre preoccupazioni, siamo pronti ad aumentare le sanzioni e le pressioni” dice una scheda informativa della Casa Bianca.

Qui di seguito una spiegazione degli elementi principali dell’accordo:

Che cosa ha promesso di fare l’Iran?

Nell’accordo l’Iran si è impegnato a una serie di azioni destinate a rendere meno pericolosa la sua scorta di materiale fissile e a ridurre velocemente la sua capacità di produrre nuovo materiale pericoloso. Ad esempio, Tehrān ha promesso di fermare l’arricchimento dell’uranio sopra il livello del 5 per cento. Disconnetterà anche i collegamenti nella catena di macchine che permettono di produrre tale uranio arricchito.

Perché l’arricchimento dell’uranio rappresenta un così grosso problema?

L’uranio non è materiale naturalmente esplosivo. Il 99 % del minerale naturale di uranio è in forma atomica (o “isotopo”) U-238, relativamente poco eccitabile. Ma l’altro 1 % è rappresentato dall’isotopo U-235, che può essere scisso per rilasciare quantità sorprendenti di energia. L’arricchimento è un processo che aumenta la percentuale di U-235 nel minerale naturale, trasformandolo in materiale fissile, utile per i reattori – o bombe.

L’uranio deve essere arricchito a circa il 3,5 % per l’utilizzo nelle centrali nucleari. L’arricchimento al 20 % circa rende il materiale utile per trattamenti medici e reattori per la ricerca. L’arricchimento al 90 % o più è il livello di purezza necessario per l’arma atomica.

Come limiterà l’Iran le macchine per l’arricchimento?

Per arricchire l’uranio, la materia prima è trasformata in un gas. Questo gas viene poi roteato in lunghi tubi verticali ad altissime velocità. Il più pesante isotopo U-238 viene scagliato verso l’esterno di queste centrifughe, mentre il più leggero U-235 rimane più vicino all’asse, dove può essere raccolto. Il gas viene quindi pompato attraverso un’altra centrifuga e un’altra ancora. Queste sono collegate tra loro in lunghe schiere, una sorta di catena di montaggio che alla fine produce uranio arricchito.

Al momento l’Iran ha circa 11.000 centrifughe utilizzabili. In base al nuovo accordo l’Iran promette che non aumenterà questo numero. Tehrān dice anche che lascerà inutilizzate molte delle macchine nei suoi impianti per l’arricchimento di Fordow e Natanz e non installerà o utilizzerà alcuna centrifuga IR-2 di prossima generazione. I piani iraniani di IR-2 hanno a lungo preoccupato gli analisti americani, perché le macchine più recenti sono basate su modelli europei molto più efficienti e aumenterebbero notevolmente la capacità di arricchimento di Tehrān.

Cosa succede all’uranio arricchito di cui l’Iran dispone già?

Diversi aspetti dell’accordo sull’uranio sono destinati ad aumentare la quantità di tempo necessario all’Iran per cercare di produrre armi nucleari.

Gli iraniani hanno già uno stock di circa 200 kg di uranio arricchito al 20 %. Dicono che questo riguarda reattori sperimentali, tuttavia questo ha preoccupato a lungo gli Stati Uniti. Come parte del nuovo accordo, l’Iran dichiara di voler diluire questa scorta sotto il livello del 5 % di arricchimento o convertirla in una forma che non può essere arricchita ulteriormente. Inoltre, l’Iran afferma che non aumenterà la dimensione delle proprie riserve di uranio arricchito al 3,5 % – almeno non durante l’arco di tempo di sei mesi dell’accordo iniziale.

L’Iran chiuderà le strutture?

La dispersa serie dei siti nucleari iraniani, tra cui un sito segreto vicino alla città di Qom rivelato nel 2009, è stata anche a lungo un problema per l’intelligence degli Stati Uniti. L’Iran non ha di per sé promesso di chiudere alcuno di questi impianti. Ma ha convenuto che non andrà avanti con i lavori su un reattore nucleare ad acqua pesante in costruzione ad Arak. Tale impianto rappresenta una particolare preoccupazione per gli altri, perché il suo combustibile esaurito conterrà plutonio, utilizzato nel nucleo delle armi nucleari sofisticate. Se Arak fosse operativo, l’Iran teoricamente avrebbe due modi per produrre materiale fissile per la bomba.

Secondo la Casa Bianca, l’Iran afferma che non sarà messo in esercizio, né alimenterà Arak o vi costruirà un impianto di ritrattamento.

Come saprà il mondo che l’Iran terrà fede all’accordo?

Nell’accordo c’è anche una parte riguardante i controlli. L’Iran ha accettato di consentire agli ispettori dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica l’accesso giornaliero ai grandi siti di Natanz e Fordow. Tehrān fornirà alle Nazioni Unite anche i programmi a lungo cercati della progettazione del reattore di Arak.

Che cosa ottiene l’Iran?

In una parola, il denaro. Gli Stati Uniti e i loro alleati dicono che permetteranno all’Iran di raccogliere circa 4,2 miliardi di dollari dalla vendita di petrolio iraniano e circa 1,5 miliardi dall’esportazione di oro e di altri articoli di valore.

Ma, secondo la Casa Bianca, quasi tutte le sanzioni economiche contro l’Iran rimarranno in vigore. Con queste sanzioni le vendite di petrolio iraniano sono state ridotte dai circa 2,5 milioni di barili al giorno all’inizio del 2012 a 1 milione di barili al giorno attuali, portando le mancate entrate durante tale intervallo di tempo a 80 miliardi di dollari.

È un buon accordo?

Questa è la domanda centrale, non è vero? Gli Stati Uniti e i loro alleati dicono che questo è un primo passo necessario, che limita per la prima volta il programma nucleare iraniano, lo blocca per il momento e può stabilire al più presto la fiducia tra diplomazie che potrebbe portare a un accordo più completo.

Alcuni esperti esterni concordano. L’analista strategico Anthony Cordesman del Centro per gli Studi Strategici e Internazionali dice che l’Iran deve ancora tener fede ai termini dell’accordo e che la conclusione non è scontata. Ma l’accordo “è quasi certamente il migliore possibile che gli Stati Uniti e i loro alleati potrebbero negoziare, che offre all’Iran un nuovo percorso per il progresso e lo sviluppo e che offre alla regione una nuova speranza per evitare nuovi conflitti e il rischio di una massiccia corsa alle armi”.

Israele e Arabia Saudita sono fermamente contrari a questo accordo, comunque. Entrambe le nazioni vedono un Iran nuclearizzato come una possibile minaccia alla propria esistenza. Anche la prima reazione tra alcuni membri chiave del Congresso non è stata positiva. Per esempio, il senatore democratico di New York, Charles Schumer, ha detto che solleciterà nuove sanzioni contro l’Iran quando il Congresso riprenderà i lavori dopo la pausa della Festa del Ringraziamento.

Per i critici l’accordo rappresenta al più una pausa in un programma nucleare che sta procedendo ad un ritmo vertiginoso da anni. Inoltre, secondo Michael Doran, ricercatore senior in Politica Estera presso la Brookings Institution, l’accordo può costituire un pericoloso precedente. Gli Stati Uniti hanno pagato l’Iran per un po’ di progresso. Quando questo accordo scadrà, l’Iran potrebbe tornare a chiedere di prorogarlo, e così via.

“A mio parere, non ci sarà mai un accordo definitivo. Quello che l’Amministrazione ha appena avviato è, piuttosto, un processo lungo e costoso, con cui l’Occidente paga l’Iran per non dar corso al nucleare ” scrive Doran.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Categories

Hijri Calendar

    August 2020
    Zul Hijja1441 - Muharram 1442
    S M T W T F S
    1
    11
    2
    12
    3
    13
    4
    14
    5
    15
    6
    16
    7
    17
    8
    18
    9
    19
    10
    20
    11
    21
    12
    22
    13
    23
    14
    24
    15
    25
    16
    26
    17
    27
    18
    28
    19
    29
    20
    1
    21
    2
    22
    3
    23
    4
    24
    5
    25
    6
    26
    7
    27
    8
    28
    9
    29
    10
    30
    11
    31
    12