Qatar – Quel blocco punitivo? “Ce ne siamo andati”

di Ben Hubbard*

Libera traduzione da: The New York Times, Dec. 19, 2018

Per avere sentore di come il Qatar si sia adattato al blocco imposto dai suoi vicini, non si deve andare oltre la drogheria Al Meera in un centro commerciale di fronte a una moschea, in una zona residenziale della capitale. Gli scaffali in cui una volta erano rari i prodotti locali ora contengono latte del Qatar, tessuti del Qatar e cetrioli del Qatar.

“Questo è il Qatar. Questo è il Qatar. Questo è tutto il Qatar”, ha detto un supervisore, indicando detersivo per lavatrice, detersivo per piatti e disinfettante.

Produrre tali prodotti in patria potrebbe essere un business normale per molti Paesi, ma per il Qatar è stato uno dei molti cambiamenti a scopo difensivo fatti per sopravvivere all’assalto politico ed economico dei suoi vicini.

Diciotto mesi dopo che l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein e l’Egitto hanno imposto un blocco di terra e di mare per condurre il Qatar all’obbedienza, questa minuscola striscia di sabbia ricca di gas che si protende nel Golfo Persico si rifiuta ancora di capitolare. Nel frattempo, si è adattato, riorganizzando la sua economia e le relazioni estere in modi che potrebbero rimodellare la struttura strategica del Golfo Persico.

Il Qatar ha rinforzato le sue forze armate, perseguito legami più profondi con i vicini come l’Iran e rilanciato il comportamento anticonformista che ha fatto irritare i suoi vicini arabi in primo luogo, come se volessero coprire affannosamente i loro scandali sulla rete satellitare Al Jazeera.

“Abbiamo continuato, siamo andati avanti con la nostra economia, siamo andati avanti con la nostra vita”, ha detto il Ministro degli Esteri Moḥammed bin ʿAbd-ur-Raḥmān ath-Thānī [nella foto sotto, N.d.T.] questo fine settimana al Forum di Dōḥa, una conferenza internazionale nella capitale del Qatar. Il Qatar ha ancora espresso la speranza di riconciliazione, ha detto, ma il blocco ha causato “una ferita molto profonda tra la gente” che sarà difficile da guarire.

Related image

Molti Paesi sarebbero crollati sotto il tipo di restrizioni imposte al Qatar dai suoi vicini più grandi e potenti, che lo hanno accusato di finanziare il terrorismo, di interferire nei loro affari interni e di troppa vicinanza all’Iran. Sono stati soprattutto irritati dal sostegno del Qatar a una serie di attivisti di tutto il mondo arabo, compresi gli islamisti politici che altri monarchi del Golfo considerano una minaccia al loro governo.

I leader del Qatar negano le accuse di ingerenza e di finanziare il terrorismo e affermano che ciò che ha realmente irritato i loro vicini sia stata l’indipendenza del Paese, il suo rifiuto di far fronte comune con i leader sauditi e degli Emirati che hanno avuto per lungo tempo il controllo della regione.

La vasta ricchezza del Paese ha attenuato il colpo del blocco. Il Qatar si è immerso profondamente nei suoi fondi di riserva da 340 miliardi di dollari per stabilire nuovi partner commerciali, costruire industrie nazionali e, in alcuni casi, crearne di nuove da zero.

Questo mese il Qatar ha annunciato che stava lasciando l’OPEC, il cartello petrolifero dominato dai Sauditi. E, sebbene rimanga membro del Consiglio di Cooperazione del Golfo, l’organismo formato per promuovere l’unità tra gli Stati del Golfo Arabo, il Qatar si aspetta poco da questo. L’Emiro del Qatar Tamīm bin Ḥamad ath-Thānī [nella foto d’apertura, N.d.T.] ha rifiutato di partecipare al suo summit in Arabia Saudita questo mese, inviando invece un giovane ufficiale. Discutere dei modi per porre fine al blocco non era all’ordine del giorno.

“Sembra che i Qatarini, la gente così come il governo, abbiano chiuso soltanto un po’ la porta, cercando di tornare a tutti i costi nel CCG”, ha detto Andreas Krieg, un assistente sulla sicurezza al King College di Londra. “Vogliono risolverlo, ma la soglia per trovare una soluzione alla crisi è molto bassa”.

Il Qatar vorrebbe progredire su alcune questioni, come essere in grado di utilizzare lo spazio aereo dei suoi vicini e qualche allentamento delle restrizioni di viaggio per le famiglie separate dalla crisi, ha detto.

“Nient’altro può irritare o fare più male”, ha detto. “Non provano il dolore che pensavano avrebbero provato”.

In un incontro con i redattori del New York Times il mese scorso, il Ministro degli Esteri Thānī ha detto che il Qatar non sta più impiegando le sue riserve per adattarsi alla nuova realtà.

“Siamo oltre il blocco”, ha detto, aggiungendo che, paradossalmente, ha aiutato il Qatar spingendolo ad aprire nuovi mercati.

Gli economisti, tuttavia, sostengono che il blocco abbia indebolito l’economia del Qatar, dal momento che il governo ha impiegato le sue riserve per il trasporto aereo delle forniture e per stabilizzare le banche. I redditi da turismo e i prezzi degli immobili sono diminuiti, dicono, e i prezzi al consumo sono aumentati, tagliando i bilanci dei lavoratori stranieri che costituiscono l’88% dei 2,4 milioni di persone del Paese.

Il Forum di Dōḥa ha indicato la nuova direzione del Qatar. Il governo ha coinvolto nell’evento centinaia di uomini d’affari, ricercatori, giornalisti e funzionari provenienti da Asia, Africa, Europa e America Latina. Il Presidente dell’Ecuador Lenín Moreno ha tenuto un discorso di apertura e Ḥasan ‘Alī Khaire, Primo Ministro della Somalia, ha parlato in un panel. Mentre le precedenti edizioni della conferenza hanno visto relatori provenienti dall’Arabia Saudita o dagli Emirati Arabi Uniti, questa volta ha svolto la sua lecture il Ministro degli Esteri dell’Iran Moḥammad Javad Zarif.

The Punishing Of Qatar, One Of The Financial Superpowers Of Arab World

Alla spavalderia del Qatar è da aggiungere il sentimento che le ferite autoinflitte dall’Arabia Saudita e dagli Emirati gli abbiano dato una mano. L’omicidio del dissidente saudita Jamāl Khāshuqjī da parte di agenti sauditi a Istanbul ha offuscato la reputazione del Regno a Washington e gli Emirati Arabi Uniti stanno ancora affrontando le conseguenze per la condanna di uno studente universitario britannico, Matthew Hedges, in un processo per spionaggio che funzionari britannici avevano detto non avere fondamento.

Il Ministro degli Esteri Thānī ha detto che l’uccisione di Khāshuqjī ha sollevato il velo sulla leadership “impulsiva” dell’Arabia Saudita.

“Il mondo sta iniziando a vedere ciò che il Qatar ha visto negli ultimi 18 mesi”, ha detto.

I nemici del Qatar hanno preso di mira Al Jazeera, chiedendo che il Qatar le togliesse le emissioni a causa della sua copertura spesso critica sui leader arabi e il suo trattamento solidale con dissidenti e islamisti politici. Ma anche questa richiesta non è stata accolta.

Al Jazeera continua come al solito”, ha detto in un’intervista ʿAbdullāh an-Najjar, un dirigente del canale.

Il canale è stato messo fuori legge e bloccato sulle piattaforme digitali nei Paesi autori del blocco, ha detto. Ma è ancora ampiamente visto in tutto il mondo arabo, anche in Paesi dove è vietato, dagli spettatori con VPN [Rete di Telecomunicazioni Privata, ad esempio Internet, N.d.T.].

“Al potere diciamo la verità”, ha detto Najjar. “Questo è il motivo per cui non piacciamo alla maggior parte dei governi mediorientali”.

La principale preoccupazione del Qatar per la rottura è la sicurezza, che ha portato a maggiori investimenti nel settore militare. Il Qatar ha recentemente esteso il servizio militare obbligatorio per gli uomini da tre o quattro mesi a un anno e ha iniziato a consentire il servizio volontario per le donne. Ha acquistato aerei da combattimento di prima qualità dagli Stati Uniti e sta espandendo al-Udeid, la più grande base militare americana del Medio Oriente, che il Qatar ospita.

Per molti Qatarini, i colpi più grandi sono stati sociali e psicologici, in quanto hanno fatto i conti con i loro vicini più prossimi che li etichettano come nemici e conducono una campagna di propaganda contro di loro.

“Il danno maggiore è stato per i legami sociali”, ha detto Hizam al-Qahtani, uno studente di giurisprudenza del Qatar seduto con tre amici in una steakhouse nello sfarzoso distretto di Pearl-Qatar. Tutti e quattro hanno detto di avere parenti dall’altra parte del blocco. Alcuni parenti hanno interrotto tutte le comunicazioni di base per paura di essere accusati di slealtà da parte dei loro governi. Altri hanno tagliato tutti i contatti solo per essere sicuri.

Qahtani ha detto che suo zio, un cittadino saudita, è morto recentemente in Arabia Saudita e che nessuno dei suoi fratelli, che sono Qatarini, è stato in grado di partecipare al funerale.

“È stato seppellito lì senza la presenza della sua famiglia”, ha detto Qahtani.

I suoi amici si sono lamentati di non potersi più recare facilmente alla Mecca, in Arabia Saudita, per visite religiose o a Dubai per divertimento. Uno di loro ha affermato di essersi iscritto a un programma estivo di un’università degli Emirati, ma di aver perso il pagamento di oltre 4.000 dollari quando è iniziato il blocco.

Hanno detto che anche se la crisi si concludesse, la diffidenza rimarrebbe.

“Anche se si risolvesse, i cittadini del Qatar non dimenticherebbero il tradimento subito e i feroci attacchi dei media”, ha detto Abdulkarim al-Qahtani, anch’egli studente di giurisprudenza. “Non possiamo dimenticare”.

 

* Ben Hubbard è un corrispondente dal Medio Oriente per il New York Times. Interlocutore arabo per più di un decennio in Medio Oriente, ha coperto colpi di stato, guerre civili, proteste, gruppi jihādisti, pesce avariato in cucina, religione e cultura pop da più di una dozzina di Paesi, tra cui Siria, Iraq, Libano, Arabia Saudita, Turchia, Egitto e Yemen.

Prima di diventare giornalista, ha studiato storia a Chicago, Arabo al Cairo e giornalismo a Berkeley ed è stato volontario dei Peace Corps [l’organizzazione di volontariato internazionale creata dal governo USA, N.d.T.] in Togo, Africa occidentale. Nativo del Colorado, vive a Beirut con la moglie, una clown.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    January 2019
    Rabi'ul Akhir - Jamadil Awal 1440
    S M T W T F S
    1
    24
    2
    25
    3
    26
    4
    27
    5
    28
    6
    29
    7
    1
    8
    2
    9
    3
    10
    4
    11
    5
    12
    6
    13
    7
    14
    8
    15
    9
    16
    10
    17
    11
    18
    12
    19
    13
    20
    14
    21
    15
    22
    16
    23
    17
    24
    18
    25
    19
    26
    20
    27
    21
    28
    22
    29
    23
    30
    24
    31
    25