Palestina – Ḥamdallāh a capo di un Governo ad interim fino al 10 agosto

Ḥamās chiede una revisione del sistema politico

Elaborazione da fonte: Ma’an News Agency, 25/06/2013, 09:22

Un membro del Comitato Centrale di al-Fataḥ ha detto domenica scorsa che Rāmī Ḥamdallāh resterà a capo di un governo ad interim dell’Autorità Palestinese per le prossime cinque settimane.

Jamāl Muhaisen ha detto che il governo di transizione proseguirà fino al 10 agosto, data entro cui si spera che possa essere costituito un governo di unità che comprenda Fataḥ e gli islamisti di Ḥamās. In caso contrario, la “leadership cercherà alternative” ha detto senza fornire ulteriori dettagli.

Muhaisen ha negato le voci che il Comitato Centrale di Fataḥ avesse richiesto la carica di Primo Ministro per uno dei suoi membri, insistendo sul fatto che il Presidente Maḥmud ‘Abbās sia favorevole ad un governo tecnico presieduto da Ḥamdallāh.

Domenica il Presidente ‘Abbās aveva accettato le dimissioni di Ḥamdallāh dopo poco più di due settimane di lavoro. È la seconda volta in 10 settimane che un Primo Ministro dell’Autorità Palestinese presenta le dimissioni per una disputa sulla divisione delle responsabilità all’interno del governo e ‘Abbās ora ha 35 giorni di tempo per trovare un sostituto.

Fonti del suo stesso ufficio hanno detto che Ḥamdallāh, nominato Primo Ministro il 2 giugno e insediato quattro giorni dopo, era irritato per la decisione del Presidente di nominare i due Vicepresidenti. Durante i suoi colloqui con Abū Mazen venerdì scorso, Ḥamdallāh aveva chiarito di volere poteri chiari e definiti in base alla legge, per sé come Primo Ministro e anche per i suoi Vice, perché la sua autorità non fosse inficiata.

Ziyād Abū ʿAmr e Moḥammed Muṣṭafā avevano prestato giuramento come Vice Primi Ministri il 6 giugno, insediandosi in una funzione creata per la prima volta in un governo palestinese. Muṣṭafā, che dirige il Fondo d’Investimento Palestinese ed era stato lui stesso considerato candidato premier dopo le dimissioni di Salām Fayyāḍ nel mese di aprile, ricopriva il ruolo di consigliere economico.

Ḥasan Khreishe, Vice Presidente del Consiglio Legislativo Palestinese, ha detto che le dimissioni di Ḥamdallāh hanno evidenziato un grave problema all’interno del sistema politico. “C’è una grave crisi all’interno del regime politico palestinese e questo dimostra quanto è grande” ha detto. “Ḥamdallāh è stato coraggioso a chiedere i suoi diritti ai sensi della Legge Fondamentale e ha rassegnato le dimissioni dopo che ha scoperto che non ha l’autorità, perché ha un Vice per le questioni politiche e uno per le questioni economiche; che cosa gli resta?”. “Non è importante chi verrà dopo. Chiunque arrivi dopo Ḥamdallāh non risolverà la crisi. Non vi è alcuna istituzione che controlli ciò che fa la Presidenza” ha detto.

Una reazione simile è venuta da Ḥamās, con il portavoce Fawzi Barhum (nella foto), che ha chiesto una revisione del sistema politico. “Questo riflette la profondità della vera crisi delle istituzioni dell’Autorità Palestinese come conseguenza dei numerosi centri e lotte di potere” ha detto.

“Queste dimissioni dovrebbero tracciare una linea sotto questa fase di deterioramento nelle istituzioni dell’Autorità Palestinese e segnare una fase di ricostruzione in base ai valori nazionali e democratici”. “Questo non sarà raggiunto fino alla piena attuazione dell’accordo del Cairo, compresa la formazione di un governo di consenso nazionale” ha concluso.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Categories

Hijri Calendar

    May 2019
    Sha'ban - Ramadhan 1440
    S M T W T F S
    1
    26
    2
    27
    3
    28
    4
    29
    5
    30
    6
    1
    7
    2
    8
    3
    9
    4
    10
    5
    11
    6
    12
    7
    13
    8
    14
    9
    15
    10
    16
    11
    17
    12
    18
    13
    19
    14
    20
    15
    21
    16
    22
    17
    23
    18
    24
    19
    25
    20
    26
    21
    27
    22
    28
    23
    29
    24
    30
    25
    31
    26