Nigeria – Rieletto il Presidente Muḥammadu Buhari, ma l’avversario rifiuta i risultati

La Commissione Elettorale indice elezioni suppletive il 9 marzo nelle aree in cui non si sono potute tenere il 23 febbraio

Elaborazione da fonti: February 27, 2019, 06:18 GMT (1418 HKT); Omeiza Ajayi, in Vanguard, March 1, 2019, 2:00 PM

Il Presidente della Nigeria Muḥammadu Buhari, 76 anni, è stato dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali, secondo la Commissione Elettorale Nazionale Indipendente (INEC).

Buhari, Musulmano dell’Emirato di Daura (centro spirituale dell’etnia hausa nello Stato settentrionale di Katsina), è Presidente della Nigeria dal 2015 dopo aver sconfitto il predecessore Goodluck Jonathan. Sabato scorso ha sconfitto Atiku Abubakar, 72 anni, il suo principale avversario, con un margine di quasi 4 milioni di voti nei risultati annunciati dalla Commissione Elettorale ad Abuja, capitale della Nigeria. Secondo la Commissione, che martedì ha terminato i conteggi dei risultati Stato per Stato, nelle elezioni del 23 febbraio Buhari, che appartiene al partito federalista All Progressives Congress (APC), ha ricevuto 15.191.847 voti (il 56%) contro gli 11.262.978 (il 41%) di Abubakar, del Partito Democratico Popolare (PDP) di orientamento conservatore che aveva dominato la scena politica dalla fine del regime militare nel 1999 fino al 2015. Buhari ha vinto in 19 dei 36 Stati e Abubakar ha preso il sopravvento in 17 Stati e nella capitale Abuja.

“La nuova Amministrazione intensificherà i suoi sforzi in materia di sicurezza, nella ristrutturazione dell’economia e nella lotta alla corruzione”, ha detto l’ex Generale Buhari dopo l’annuncio ufficiale della sua vittoria.

Electoral map of the 2019 presidential campaign. Buhari won in 19 states, while Atiku won in 18 states (including the Federal Capital Territory)

Stunning Details as Nigeria Falls Into the Grip of Party Primaries (2): Making Sense of Gov. Kashim Shettima

Abubakar (foto sotto) ha respinto i risultati delle elezioni, definendo il processo elettorale “militarizzato” e un “cattivo servizio” alla democrazia nigeriana. “Se avessi perso in un’elezione libera ed equa, avrei chiamato il vincitore in pochi secondi essendo consapevole della sua vittoria, per offrire non solo le mie congratulazioni, ma i miei servigi per aiutare ad unire la Nigeria, che è un ponte tra Nord e Sud”, ha detto Abubakar. Ha aggiunto: “Con questo, respingo il risultato delle elezioni fasulle del 23 febbraio 2019 e lo sfiderò in tribunale”.

Related image

Abubakar, che è stato Vice Presidente dal 1999 al 2007, si è candidato a Presidente quattro volte. La sua candidatura è stata offuscata da accuse di corruzione derivanti dal suo mandato, accuse che ha costantemente negato.

La Commissione Elettorale ha dichiarato di voler indire nuove elezioni nelle aree in cui non si sono potute tenere sabato scorso a causa di violenze o altre infrazioni. Le elezioni suppletive si terranno il 9 marzo assieme a quelle per i Governatori e le Assemblee degli Stati.

Sebbene siano stati eseguiti rinvii sia nelle elezioni presidenziali sia nella maggior parte dei seggi dell’Assemblea Nazionale, il prof. Maḥmud Yakubu, Presidente dell’INEC, aveva dichiarato durante la raccolta dei risultati presidenziali che i dati provenienti dalle aree in cui le elezioni non si erano potute tenere non erano abbastanza rilevanti da determinare una nuova competizione elettorale presidenziale.

La decisione è stata una conseguenza dell’incontro di giovedì ad Abuja tra la Commissione e i suoi Commissari Elettorali Locali (REC) per riesaminare le elezioni presidenziali e dell’Assemblea Nazionale tenute sabato scorso e fissare i preparativi per le elezioni dei Governatorati, delle Assemblee Statali e del Consiglio dell’Area del Territorio della Capitale Federale (FCT), previste per sabato 9 marzo.

L’avv. Festus Okoye, Commissario Nazionale dell’INEC e Presidente della Commissione per le Informazioni e Istruzioni agli elettori, ha detto in una dichiarazione che la riunione ha riconosciuto i ritardi nell’inizio delle elezioni in un certo numero di seggi elettorali, che hanno richiesto l’estensione della chiusura delle urne nelle aree interessate. “La Commissione è determinata a sanare le contestazioni individuate prima delle elezioni del 9 marzo”. Secondo Okoye, “l’incontro ha rilevato una serie di revoche in alcune aree a causa di violenze che hanno impedito alla Commissione di disporre personale e materiali per le elezioni. In un certo numero di sedi non è stato possibile concludere le elezioni a causa di interruzioni e deliberata non conformità all’uso del lettore di smart card SCR, in contrasto con i regolamenti e le linee guida dell’INEC per lo svolgimento delle elezioni”.

“Di conseguenza, la riunione ha deciso che saranno tenute elezioni suppletive il 9 marzo 2019 in tutte le aree in cui sabato le elezioni non hanno avuto luogo e / o dove non è stato possibile effettuare rinvii, in concomitanza con le elezioni dei Governatorati e delle Assemblee Statali. La riunione ha anche valutato il ruolo delle agenzie di sicurezza in occasione delle elezioni. Pur riconoscendo la loro professionalità nel dispiegamento di personale e materiali elettorali in modo sicuro e tempestivo, la condotta di alcuni membri delle agenzie di sicurezza in alcuni Stati è motivo di grave preoccupazione per la Commissione. La questione sarà ulteriormente discussa direttamente con l’Ispettore Generale della Polizia nell’ambito del Comitato Consultivo Inter-Agenzie per la Sicurezza Elettorale (ICCES)”.

Nonostante le violenze, osservatori statunitensi di due organizzazioni no-profit con sede a Washington, il conservatore Istituto Repubblicano Internazionale (IRI) (di cui è stato Presidente il sen. John McCain III) e il progressista Istituto Nazionale Democratico per gli Affari Internazionali (NDI) di Madeleine Korbel Albright, hanno affermato che, sebbene le morti siano tragiche, dovrebbero essere collocate in un contesto più ampio. “Non vogliamo enfatizzare eccessivamente le morti”, ha detto lunedì alla CNN John Tomaszewski dell’IRI. “Comprendiamo la relazione contestuale: qui la violenza accade tutti i giorni, non solo il giorno delle elezioni”.

Aisha and Muhammadu Buhari

Il Presidente Buhari (sopra con la moglie `Ā’isha) deve ora affrontare l’arduo compito di rilanciare un’economia in ribasso, che è stata colpita dal crollo globale del prezzo del petrolio da 100 fino a 40$ al barile, lasciando consunta la principale fonte di entrate del Paese. Sebbene il Paese sia emerso dalla recessione e il PIL sia leggermente cresciuto, secondo The Brookings Institution 91 milioni di Nigeriani ora vivono in povertà, il più alto numero di poveri nel mondo, superando l’India e raggiungendo il primo posto nel 2018.

Buhari dovrà anche mostrare al popolo nigeriano che si è cacciato alle spalle i suoi problemi di salute. Da maggio 2016 fino a metà 2017 Buhari si è recato nel Regno Unito per cure mediche; ciò ha indotto false notizie circa la sua morte a Londra e la menzogna, che era stato costretto a negare, di essere stato sostituito da un clone…!

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    May 2019
    Sha'ban - Ramadhan 1440
    S M T W T F S
    1
    26
    2
    27
    3
    28
    4
    29
    5
    30
    6
    1
    7
    2
    8
    3
    9
    4
    10
    5
    11
    6
    12
    7
    13
    8
    14
    9
    15
    10
    16
    11
    17
    12
    18
    13
    19
    14
    20
    15
    21
    16
    22
    17
    23
    18
    24
    19
    25
    20
    26
    21
    27
    22
    28
    23
    29
    24
    30
    25
    31
    26