Nigeria – Il Presidente eletto Muḥammadu Buhari: “Lasciamo alle nostre spalle lo Stato a partito unico”

L’intero processo elettorale è un segno che la democrazia si sta rafforzando in Nigeria e potrebbe essere un tonico per altri Paesi africani.

I principali giornali nigeriani accolgono la vittoria elettorale del musulmano Muḥammadu Buhari, ritenuto incorruttibile, ma sono più divisi sull’eredità del Presidente sconfitto Goodluck Jonathan

Elaborazione da fonte: BBC News, 1 April 2015

Il vincitore delle elezioni presidenziali in Nigeria, Muḥammadu Buhari (nella foto in alto), ha salutato la sua vittoria come un voto per il cambiamento e la prova che la Nazione ha abbracciato la democrazia. In un discorso di mercoledì, l’ex governante militare tra il 1984 e il 1985 (a sua volta deposto da un colpo di stato) ha descritto la sua vittoria come “storica”. Ha detto che il voto ha rivendicato la fede del popolo nella democrazia.

Buhari, che appartiene all’All Progressives Congress (APC) (in basso il suo logo), ha anche elogiato il Presidente uscente Goodluck Jonathan come “un degno avversario” che ha ceduto pacificamente il potere e ha detto che gli tende “la mano dell’ amicizia”.

Il Gen. Buhari, Musulmano dell’Emirato di Daura (centro spirituale dell’etnia hausa nello Stato settentrionale di Katsina) che ha dato il suo sostegno alla Sharī’a nel nord, ha battuto Jonathan, che invece è della regione meridionale del Delta del Niger, con 15,4 milioni di voti contro 12,9 milioni. Questo è un momento di grande significato nella storia turbolenta della Nigeria, perché mai prima d’ora un presidente in carica era stato sconfitto in un’elezione. I Nigeriani possono cominciare a ritenere che sia possibile rimuovere i politici attraverso le urne.

Gli osservatori hanno generalmente lodato le elezioni, anche se ci sono state flebili accuse di frode. Dall’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1960 ci sono stati numerosi colpi di stato e, anche se il voto del 2011 aveva rappresentato un miglioramento, la maggior parte delle elezioni erano state truccate o addirittura annullate dai militari.

The Premium Times, come molti giornali, richiama “la storica vittoria elettorale” del Gen. Buhari e il titolo principale del giornale di Lagos Guardian dice “Buhari eletto trionfalmente”.

I giornali privati in lingua inglese dominano la scena della stampa nigeriana, soprattutto quelli pubblicati nella capitale Abuja e nel centro commerciale Lagos.

Uche Igwe, opinionista della pubblicazione di massa Punch, dice che aveva previsto la caduta del Presidente Jonathan due anni fa, quando gli era ormai chiaro che lo “spavaldo partito di governo della Nigeria non sarebbe durato a lungo”. Mentre Ayo Oyoze Baje, della stessa testata, critica i problemi tecnici che hanno caratterizzato il voto in alcune parti del Paese e chiede alle autorità elettorali di “desistere da sperimentare nuove tecnologie nel corso di un’elezione nazionale di questa portata”.

The Leadership concorda invece con Igwe: “Dicevamo da almeno tre anni che il governo del Presidente Goodluck Jonathan … era posseduto da una combinazione mortale di incompetenza, corruzione e spirito di corpo, che hanno reso la Nigeria non solo uno zimbello, ma qualcosa di peggio: un Paese in via di estinzione”.

The Nation saluta il “cambio che i Nigeriani desideravano ardentemente” e attribuisce la sconfitta del Presidente Jonathan alla sua cattiva gestione della corruzione nell’industria petrolifera. Si domanda come egli “si aspettasse che i Nigeriani potessero attendere pazientemente per altri quattro anni prima che potessero essere assunte azioni decisive per fermare la frana progressiva delle entrate”.

Altri giornali sono più generosi con la sconfitta del Presidente Jonathan.

Vanguard porge le sue congratulazioni al Gen. Buhari, dicendo che questo successo lo eleva al rango di “statista internazionale” e aggiunge che i Nigeriani stessi meritano il riconoscimento per essere “determinati a salvare il loro Paese”.

This Day loda il Presidente Jonathan “per aver dato alla Nigeria l’eredità di elezioni libere e corrette”. Saluta la “difficile vittoria conquistata dopo quattro tentativi di giungere alla Presidenza” del Gen. Buhari e lo invita ad essere “magnanimo nella vittoria” verso i sostenitori di Jonathan, in particolare tra le comunità delle minoranze.

Presso la sede dell’APC Buhari ha detto ai suoi sostenitori: “Abbiamo dimostrato al mondo che abbiamo abbracciato la democrazia…Voi Nigeriani avete vinto. Il popolo ha dimostrato il suo amore per questa nazione e la sua fede nella democrazia”.

_82047164_nigeria_election_results_declared_624Buhari ha guadagnato molto del suo consenso al nord (vedi cartina a lato), in particolare nel nord-est, che ha sofferto sei anni d’insurrezione di Boko Haram. Infatti, nello Stato maggiormente colpito, il Borno, ha conquistato il 94% dei voti. Molti avevano accusato Jonathan di non prendere sul serio Boko Haram e hanno pensato che il Gen. Buhari fosse nella posizione migliore per sconfiggere i miliziani. Proprio per dare all’esercito il tempo sufficiente per riconquistare il territorio a Boko Haram, l’elezione era stata ritardata di sei settimane.

289200_239242819459433_833227043_oDa parte sua, il Presidente uscente Jonathan (nella foto a lato) aveva dichiarato martedì scorso: “Avevo promesso al Paese elezioni libere e corrette. Ho mantenuto la mia parola”. Il leader uscente ha esortato i suoi sostenitori a mantenere la calma: “L’ambizione di nessuno vale il sangue di qualsiasi Nigeriano. L’unità, la stabilità e il progresso del nostro amato Paese è più importante di qualsiasi altra cosa”. Ha detto di aver inviato i suoi “migliori auguri” a Buhari e ha esortato “coloro che possano sentirsi danneggiati a seguire un giusto procedimento … nella richiesta di risarcimento”. Tuttavia, gli analisti dicono che il margine della vittoria è tale da impedire qualsiasi contestazione legale che possa avere successo. Il suo portavoce Reuben Abati ha detto a BBC World News di non sapere quello che Jonathan farà dopo che consegnerà il potere il 29 maggio prossimo.

Muḥammadu Buhari, 72 anni, è sempre stato popolare tra i poveri del nord, conosciuti come i Talakawa (cioè i popolani nella lingua Hausa del nord). Ex governante militare della Nigeria, non è uno che molla. Sconfitto nelle ultime tre elezioni presidenziali, ha ottenuto una vittoria storica nell’elezione del 28 marzo scorso, diventando il primo candidato di opposizione a sconfiggerne uno in carica.

Buhari ha affrontato per la seconda volta alle urne il Presidente Goodluck Jonathan. Questa volta aveva il vantaggio di essere il candidato di un raggruppamento dell’opposizione unita, l’All Progressive CongressL’APC ha attirato importanti transfughi dal Partito Democratico Popolare (PDP) di Jonathan, che ha dominato la scena politica dalla fine del regime militare nel 1999.

Alcuni ritengono che il passato militare di Buhari e le sue credenziali di sostenitore della disciplina sono proprio quello di cui tutto il Paese ha bisogno per fare i conti con l’insurrezione nel nord.

Buhari ha precedentemente dovuto negare le accuse di avere un programma radicale islamista. Questo si è rivelato un problema per lui nelle elezioni del 2003, perché non è riuscito a ottenere molto consenso tra i Cristiani del sud, dove è stato visto con qualche sospetto. Ma, essendo sfuggito nel luglio 2014 a un attacco al suo convoglio a Kaduna, che recava tutte le caratteristiche di un tentato omicidio da parte di Boko Haram, aveva promesso, se eletto, di porre fine alla rivolta in pochi mesi. Tra l’altro, aveva accusato la debolezza del Presidente Jonathan per l’escalation e aveva rifiutato aperture verso la partecipazione a trattative con il gruppo militante radicale.

La sua dura presa di posizione come Comandante militare nel 1983 (quando alcune isole nigeriane furono annesse al Lago Tchad da soldati tchadiani) è ancora ricordata nel nord-est, ormai roccaforte dei miliziani, dopo che assediò la zona e respinse gli invasori.

Ha governato la Nigeria da gennaio 1984 ad agosto 1985, insediandosi dopo un colpo di stato militare nel dicembre 1983. È un periodo ricordato per una rigorosa campagna contro l’indisciplina e la corruzione, ma anche per le sue violazioni dei diritti umani. Per questo, il giudizio sui 20 mesi di Buhari come governante militare è variegato.

Circa 500 politici, funzionari e uomini d’affari furono incarcerati come parte di una campagna contro gli sprechi e la corruzione. Alcuni hanno interpretato questo come pesante repressione del regime militare. Ma altri lo ricordano come un tentativo encomiabile per combattere la corruzione endemica che ha impedito lo sviluppo della Nigeria.

Conserva una reputazione di rara onestà tra i politici della Nigeria, sia militari che civili, in gran parte a causa di questa campagna. Come parte della sua “Guerra Contro l’Indisciplina” ordinò ai Nigeriani di formare code ordinate alle fermate degli autobus, sotto gli occhi vigili di soldati armati di frusta. I dipendenti pubblici che erano in ritardo al lavoro erano pubblicamente umiliati. Introdusse anche un noto decreto per limitare la libertà di stampa, in base al quale furono incarcerati due giornalisti.

Tuttavia, i suoi tentativi di riequilibrare le finanze pubbliche frenando le importazioni portò alla perdita di molti posti di lavoro e alla chiusura di imprese. Nel quadro delle misure anti-corruzione ordinò inoltre la sostituzione della moneta – i colori delle banconote della naira (la valuta nazionale) furono cambiati – costringendo tutti i possessori di vecchie banconote a cambiarle presso le banche entro un periodo limitato. I prezzi aumentarono, mentre il tenore di vita scese, portando ad un colpo di palazzo da parte del Gen. Ibrāhīm Badamasi Babangida il 27 agosto 1985. Buhari fu imprigionato per 40 mesi. Babangida volle accelerare il ripristino di un governo civile, che Buhari non considerava come priorità.

Buhari ha continuato a difendere il suo colpo di stato del 31 dicembre 1983: “Spetta al popolo. Se si sceglie una corretta leadership, non ci sarà alcun bisogno di un regime militare”. “L’esercito giunse quando era assolutamente necessario e gli eletti avevano fatto fallire il Paese” disse nell’ottobre del 2005.

Quando l’ex Presidente cristiano Olusegun Obasanjo era un dittatore militare nella seconda metà degli anni ’70, Buhari deteneva la posizione-chiave di Ministro per gli Affari Petroliferi e le Risorse Naturali. Ma il rapporto tra ex colleghi si raffreddò quando il colpo di stato di Buhari depose il governo civile guidato da al-Ḥājji Shehu Usman Aliyu Shagari, che aveva vinto le elezioni organizzate proprio da Obasanjo. Questo ha portato a reiterare le domande circa l’impegno di Buhari per la democrazia.

I rapporti tra i due ex generali ora si possono scongelare, dopo quello che sembra essere un avallo per Buhari da parte di Obasanjo nella sua autobiografia recentemente pubblicata. Buhari “non sarebbe un buon manager economico” ha scritto il politico che aveva vinto due elezioni presidenziali per il PDP dopo il 1999, ma “sarà un leader pressoché inflessibile, forte, coraggioso e fermo”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Categories

Hijri Calendar

    August 2020
    Zul Hijja1441 - Muharram 1442
    S M T W T F S
    1
    11
    2
    12
    3
    13
    4
    14
    5
    15
    6
    16
    7
    17
    8
    18
    9
    19
    10
    20
    11
    21
    12
    22
    13
    23
    14
    24
    15
    25
    16
    26
    17
    27
    18
    28
    19
    29
    20
    1
    21
    2
    22
    3
    23
    4
    24
    5
    25
    6
    26
    7
    27
    8
    28
    9
    29
    10
    30
    11
    31
    12