Libia – La visita ufficiale di Sarraj a Sochi come gesto da parte di Mosca verso il riconoscimento della sua legittimità

La vicenda rivela fazioni russe rivali sulla politica libica

di Kirill Semёnov*

Libera traduzione da: Al-Monitor, October 28, 2019

A seguito della visita in Russia di Fāyiz as-Sarraj [foto sopra, N.d.T.], leader del Governo di Accordo Nazionale in Libia, Mosca e Tripoli hanno in programma di firmare un contratto per la spedizione di 1 milione di tonnellate di grano russo. Sarraj è venuto a Sochi per il vertice Russia-Africa.

Lev Dengov, Capo del Gruppo di Contatto Russo per la Risoluzione dei Conflitti in Libia, ha poi detto al quotidiano Kommersant che l’accordo della durata di un anno potrebbe essere firmato entro un mese. Presumibilmente potrebbe essere attuato entro la fine di quest’anno.

Sarraj e funzionari russi hanno anche discusso di altri settori di cooperazione, tra cui progetti di costruzione di centrali elettriche.

La visita del Primo Ministro del Governo di Accordo Nazionale a Sochi dovrebbe essere considerata come gesto da parte di Mosca verso il riconoscimento della sua legittimità come leader. Tuttavia, in Russia sono anche arrivati alcuni rappresentanti del “governo ad interim” pro-Khalīfa Ḥaftar insediato nella parte orientale della Libia, sebbene il livello di questa squadra – guidata dal Ministro degli Esteri Abdel Hadi Hwej – fosse significativamente più basso. Una fonte a conoscenza della situazione, che ha parlato con Al-Monitor in condizione di anonimato, ha detto che la parte russa si era opposta alla presenza al forum di leader di strutture diverse da quelle del Governo di Accordo Nazionale; quindi, non hanno partecipato né Ḥaftar [foto sotto, N.d.T.], Comandante dell’Esercito Nazionale Libico [fazione politica fedele al Consiglio dei Deputati insediato a Tobruk, N.d.T.] né ‘Abdullāh ath-Thani, Capo del “governo ad interim”.

La prima fase della campagna militare di Tripoli da parte dell’Esercito Nazionale Libico aveva ricevuto il sostegno diplomatico di Mosca, poiché ci si aspettava che Ḥaftar avesse successo in tempi relativamente brevi – una prospettiva che Emirati Arabi Uniti e Egitto, i principali sostenitori dell’Esercito Nazionale Libico, avevano presentato ai Russi come inevitabile. Tuttavia, quando l’incapacità di Ḥaftar di prendere il controllo su Tripoli è diventata evidente, la maggior parte della comunità della Libia occidentale ha protestato contro la sua dittatura militare e l’Esercito Nazionale Libico ha perso un certo numero di capisaldi strategici intorno alla capitale, la Russia ha iniziato a prendere le distanze dal sostegno diretto all’Esercito Nazionale Libico.

La visita di Sarraj a Sochi è stata in grado di compensare in qualche modo le visite segrete di Ḥaftar a Mosca. È interessante notare che il Capo del Governo di Accordo Nazionale era stato invitato ufficialmente, in contrasto con i viaggi di Ḥaftar tenuti segreti. Così, si può concludere che la fazione in Russia che promuove l’equilibrio nelle relazioni con Tripoli e Tobruk ed è disposta a sviluppare contatti con il Governo di Accordo Nazionale – con Ramzan Kadyrov, il Capo della Repubblica Cecena, come leader più importante della fazione – è riuscita a portare avanti la sua agenda. Allo stesso tempo, alcuni influenti attori dell’élite russa stanno ancora cercando di convincere il Cremlino a fare affidamento su Ḥaftar e ad arrivare fino a rompere tutti i contatti con il Governo di Accordo Nazionale, adottando così la stessa strategia dell’Egitto e degli Emirati Arabi Uniti.

Jalel Harchaoui, un ricercatore che studia la sicurezza e la politica libica [presso l’Istituto Olandese di Relazioni Internazionali Clingendael, N.d.T.], ha detto che le élite russe hanno disaccordi sul conflitto in Libia “perché questa dinamica non ha equivalenti in Ucraina o in Siria”.

Ad esempio, alcuni funzionari militari e della sicurezza, magnati dell’industria degli armamenti e imprenditori coinvolti nelle attività di compagnie militari private sono interessati all’espansione del supporto militare russo a Ḥaftar, in quanto ciò potrebbe portare a nuovi accordi per compagnie militari private russe, società di trasporto e fornitori di armi prima dell’inizio del processo di pace. Questa politica potrebbe eventualmente permettere la creazione di basi militari nella nazione nordafricana, molto simili a quelle stabilite dagli Emirati Arabi Uniti. In effetti, la Libia è già diventata un importante punto d’appoggio per le strutture di difesa e sicurezza russe come base di transito che facilita una presenza militare a sud del Sahara e in Venezuela.

Pertanto, al fine di minare le relazioni tra Mosca e Tripoli, i gruppi d’interesse russi a sostegno di Ḥaftar hanno lanciato una campagna mediatica per cercare di sabotare la visita del leader del Governo di Accordo Nazionale a Sochi.

Un fattore che ha scavato un solco tra il Governo di Accordo Nazionale e Mosca sono stati i mercenari russi che hanno presumibilmente preso parte ai combattimenti dell’Esercito Nazionale Libico contro Sarraj vicino a Tripoli.

Emadeddin Badi [foto a lato, N.d.T.], uno studioso esterno del Middle East Institute, ha detto ad Al-Monitor che “l’impegno diretto dei Russi in prima linea è sopravvenuto solo di recente, dopo la morte di Kani” [il 13 settembre scorso sul fronte di Ain Zara, a sud di Tripoli, N.d.T.]. Mohsen al-Kani era a capo del gruppo armato Kaniyat, che combatteva per le forze libiche orientali.

Badi ha detto che i Russi sono stati determinanti nella spinta dell’Esercito Nazionale Libico del 21 settembre su Yarmouk [sempre a sud di Tripoli, N.d.T.] “e sono stati individuati lì. Le capacità di cecchino di coloro che sono stati mobilitati quel giorno superano di gran lunga quelle dei ranghi [dell’Esercito Nazionale Libico]. Anche questo non esclude che Wagner abbia avuto un ruolo di consulenza prima di tale data”, ha detto. Wagner è una società militare privata russa.

Va considerato, tuttavia, che Sarraj è stato probabilmente informato della presenza di compagnie militari private russe in aree sotto il controllo dell’Esercito Nazionale Libico. La portata delle loro attività in Libia e Siria è sostanzialmente diversa. In Siria le compagnie militari private hanno spesso agito come formazioni di assalto di terra all’interno del contingente di truppe russe – un ruolo non tradizionale per tali strutture.

In Libia non svolgono queste funzioni in quanto la Russia non vi ha una reale presenza militare. Così, alcune compagnie militari private sono arrivate in Libia sotto contratto per specifici compiti – per esempio, il Gruppo RSB [Rossijskie Sistemy Bezopasnosti, Sistemi di Sicurezza Russi, N.d.T.] era responsabile della rimozione delle mine. C’erano altre azioni segrete, ma tradizionali, di compagnie militari private, come garantire la sicurezza di impianti petroliferi, la protezione di alti funzionari governativi e la formazione del personale.

Inoltre, gli specialisti russi riparano le armi e l’equipaggiamento danneggiati delle truppe dell’Esercito Nazionale Libico; aeromobili da trasporto appartenenti a società semi-legali consegnano merci per questa struttura. Sebbene Tripoli preferisca generalmente ignorare queste azioni, Sarraj avrebbe visto il momento in cui i mercenari russi scendevano sul campo di battaglia assieme a Ḥaftar, quando veniva attraversata una “sottile linea rossa”. Tuttavia, quando fu pubblicata la prova, il leader del Governo di Accordo Nazionale ha evitato di fare dichiarazioni aspre e certamente non ha preso nemmeno in considerazione la rottura dei contatti con Mosca; al contrario, ha scelto di visitare Sochi.

È possibile che la semplice apparizione di compagnie militari private in prima linea nei pressi di Tripoli avrebbe dovuto sabotare il dialogo tra la Russia e il Governo di Accordo Nazionale. Molto probabilmente le azioni dei mercenari sono diventate la questione principale discussa durante gli incontri privati di Sarraj con i rappresentanti russi nell’ambito del forum.

I dibattiti sulle azioni delle compagnie militari private russe nella battaglia per Tripoli sono stati accompagnati da una campagna mediatica volta a diffamare il Governo di Accordo Nazionale, lanciata da alcuni media come FAN News e ONG come il Fondo per la Protezione dei Valori Nazionali – entrambe parte dell’impero commerciale di Evgenij Prigozhin, il proprietario della PMC Wagner, noto anche come Gruppo Wagner [ma l’interessato nega qualsiasi legame con i suddetti soggetti, N.d.T.].

Ad esempio, alcune pubblicazioni hanno apertamente definito il Governo di Accordo Nazionale “una struttura terroristica”, mentre Sarraj è stato etichettato “un capo banda” e le relazioni tra Mosca e questa “banda di terroristi” sono state considerate inaccettabili.

Questa iniziativa ha trovato supporto tra alcuni esperti politici russi e membri della Duma di Stato. Secondo questi media, un altro motivo per interdire Sarraj dal vertice di Sochi era il fatto che a maggio le strutture di sicurezza del Governo di Accordo Nazionale avevano arrestato due funzionari della Fondazione per la Protezione dei Valori Nazionali, mantenendoli in cattività fino ad oggi, come precedentemente riportato da Al-Monitor.

La controversia sulla detenzione è stata discussa durante i negoziati di Sarraj a Sochi. In seguito, ha detto Dengov ai giornalisti, tutte le questioni che coinvolgono i due cittadini russi arrestati saranno risolti secondo la legge libica. “Stiamo monitorando attentamente la situazione”, ha detto Dengov [foto sotto, N.d.T.].

Quindi, i tentativi di distruggere i rapporti tra Mosca e Tripoli compiuti dai gruppi di pressione pro-Ḥaftar all’interno della Russia non hanno ancora avuto successo. Detto questo, dovremmo aspettarci ulteriori manovre di questo tipo.

Una fonte nei circoli diplomatici russi che ha parlato con Al-Monitor in condizioni di anonimato ha detto che funzionari russi che rappresentano gli interessi del “governo ad interim” pro-Ḥaftar hanno cercato di collocare nell’agenda del forum di Sochi interviste e conferenze stampa con funzionari della Libia orientale. Durante queste vicende, secondo quanto riferito, i funzionari avrebbero parlato del trasferimento di jihādisti russi dalla regione siriana di Idlib attraverso la Turchia a Tripoli, dove avrebbero presumibilmente aderito alle forze del Governo di Accordo Nazionale. Il Cremlino trova questa questione molto delicata, con lo stesso Presidente Vladimir Putin [foto sopra, N.d.T.] che l’ha menzionata in qualche occasione.

Tuttavia, la partecipazione di cittadini russi alla battaglia di Tripoli, in particolare all’interno di qualsivoglia struttura terroristica, non è ancora dimostrata; ma se la prova venisse pubblicata, la parte russa potrebbe inasprire il suo approccio verso il Governo di Accordo Nazionale. Quindi, è del tutto possibile che alcune organizzazioni non governative russe che hanno accesso a Tripoli, nonostante le loro azioni diffamatorie nei confronti del Governo di Accordo Nazionale, utilizzino quest’opportunità per trovare o fabbricare prove della presenza di jihādisti con cittadinanza russa tra le forze che proteggono la capitale. Tali circostanze potrebbero spianare la strada alle compagnie militari private russe per svolgere un ruolo più importante nelle campagne dell’Esercito Nazionale Libico.

 

* Kirill Semёnov è un analista indipendente con una lunga esperienza di studio professionale su questioni politiche e militari in Medio Oriente e una forte attenzione ai conflitti in Siria, Yemen e Libia. È anche un esperto esterno del Consiglio Russo per gli Affari Internazionali.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    November 2019
    Rabi'ul Awal - Rabi'ul Akhir 1441
    S M T W T F S
    1
    3
    2
    4
    3
    5
    4
    6
    5
    7
    6
    8
    7
    9
    8
    10
    9
    11
    10
    12
    11
    13
    12
    14
    13
    15
    14
    16
    15
    17
    16
    18
    17
    19
    18
    20
    19
    21
    20
    22
    21
    23
    22
    24
    23
    25
    24
    26
    25
    27
    26
    28
    27
    29
    28
    1
    29
    2
    30
    3