Libano – Sayyed Ḥasan Naṣrallāh mette in guardia contro i pericoli di un vuoto politico

Il Segretario Generale di Ḥizb Allāh afferma che parti sospette hanno sfruttato le proteste popolari

Elaborazione da fonti: Marwa Haidar, in Al Manar TV, October 25, 2019; Georgi Azar, in An-Nahar, 25 October 2019, 18:50

Sayyed Ḥasan Naṣrallāh (foto sopra), Segretario Generale di Ḥizb Allāh, ha esortato i sostenitori della resistenza a lasciare le proteste anti-governative per evitare attriti e cercare invece un dialogo, avvertendo dei pericoli di un vuoto politico che attanaglia il Paese. Ha parlato venerdì, poco dopo che i suoi sostenitori si erano scontrati con i manifestanti nel centro di Beirut, rifiutando il fatto che i contestatori lo equiparino ai politici corrotti.

In un discorso televisivo al popolo libanese sugli ultimi sviluppi locali, Naṣrallāh ha affermato che Ḥizb Allāh ha inizialmente accolto le proteste popolari, ma ha osservato che tali manifestazioni sono state sfruttate politicamente da potenze straniere e parti sospette interne al Libano. “Il Libano è entrato in una fase pericolosa, è probabile che il nostro Paese sarà politicamente preso di mira da potenze regionali e internazionali”, ha avvertito. “Abbiamo informazioni che un piano anti-resistenza sia in preparazione per il Libano”.

Mentre ha notato che il partito non sostiene le dimissioni del governo, ha anche sottolineato che Ḥizb Allāh non accetta di rovesciare la Presidenza. “Non accettiamo il rovesciamento della Presidenza, come non appoggiamo le dimissioni del governo”. In questo contesto, il Segretario Generale ha segnalato una richiesta del Presidente Michel Aoun (che è Cristiano-maronita e fondatore del Movimento Patriottico Libero, foto a lato) di incontrare rappresentanti delle proteste, accogliendo con favore l’apertura del Presidente al dialogo per consentire l’opportunità di esprimere una “chiara serie di richieste”.

Risultati delle proteste popolari

Naṣrallāh ha elencato i risultati delle proteste iniziate a livello nazionale il 17 ottobre, rilevando che i suoi maggiori successi sono stati il pacchetto di riforme e il bilancio 2020, i quali non prevedono tasse: “Uno dei risultati delle proteste è l’annuncio di un budget senza tasse, qualcosa di molto importante”, ha detto. Ha dunque salutato il pacchetto di riforme annunciato dal Primo Ministro Saʿd ad-Dīn al-Ḥarīrī (foto a lato) come “senza precedenti”, osservando che è stato respinto e frainteso da molti “in modo sospetto”. Ha promesso che il pacchetto di riforme sarà attuato nelle sue scadenze, sottolineando che Ḥizb Allāh non permetterà ritardi in tal senso.

Parlando ancora dei risultati raggiunti, Sayyed Naṣrallāh ha detto che “le proteste popolari indicano che le persone hanno riacquistato fiducia in se stessi e speranza di ottenere il cambiamento”. Ha affermato che le proteste a livello nazionale “hanno spianato la strada ai partiti politici per contrastare la corruzione”, rilevando che il pacchetto di riforme è il primo passo verso la lotta alla corruzione.

Tuttavia, nonostante le promesse governative di riforme, i manifestanti senza leader si sono arroccati, dicendo che i dirigenti in carica nel Paese sono corrotti e devono andarsene. Commentando le richieste di elezioni parlamentari anticipate, Naṣrallāh ha affermato che tale passo è complicato, sottolineando che è difficile che i partiti politici in Libano raggiungano un accordo sulla legge elettorale.

Parti sospette

Notando che il Libano sta assistendo a eventi critici, Naṣrallāh ha ricordato la posizione di Ḥizb Allāh all’inizio delle proteste popolari. “Abbiamo sottolineato che Ḥizb Allāh rispetta le proteste popolari”, ha detto, osservando che il partito non ha voluto prendere parte alle proteste, in modo che queste manifestazioni fossero lontane da affiliazioni politiche. Il movimento, iniziato più di otto giorni fa, deve ancora trovare unità e un programma tangibile da presentare all’attuale governo. Invece, è proseguito in modo decentralizzato, con i manifestanti di ogni estrazione sociale che hanno espresso il loro malcontento alla TV nazionale.

“Quello che è successo è stato molto buono, soprattutto nei primi giorni delle proteste, e deve essere preservato”, ha affermato Sayyed Naṣrallāh, osservando di avere messo in guardia contro la politicizzazione delle manifestazioni. “Nei primi giorni non abbiamo ritenuto sospette le proteste. Non credevamo che ci fosse una cospirazione dietro tali iniziative”, ha fatto rilevare. Ma ha anche detto che la scena è ora cambiata, osservando che “ciò che è iniziato spontaneamente è stato ampiamente sfruttato da partiti politici”.

“Alcune proteste sono state finanziate da Ambasciate e parti sospette”, ha continuato Naṣrallāh, riferendosi all’ampliamento delle sanzioni USA nel contesto della tensione tra Washington e Tehrān. Ha aggiunto che “le richieste sociali e di occupazione sono state dirottate per colpire la resistenza”. Ha accusato i rivali politici che criticano la linea politica del suo gruppo e stanno manipolando le proteste:”Diverse parti stanno sfruttando le proteste popolari per regolare i loro conti con Ḥizb Allāh e attuare programmi stranieri … Quello che era iniziato come espressione popolare di rabbia contro la corruzione e una crisi economica sempre più grave è guidato da alcuni gruppi politici che lo finanziano e che sono corrotti come quelli che sono contro i manifestanti”.

Vuoto e caos

Riaffermando che Ḥizb Allāh e i suoi alleati sono aperti al dialogo con i manifestanti, Sayyed Naṣrallāh ha sottolineato che qualsiasi soluzione all’attuale crisi dovrebbe evitare il vuoto politico. In questo contesto, ha invitato i manifestanti a scegliere i loro rappresentanti. “Scegliete una leadership che possa parlare a vostro nome. Se non potete farlo, allora lasciate che le persone nei luoghi delle proteste scelgano loro i rappresentanti per tenere colloqui con il Presidente Aoun”.

Il logo di Ḥizb Allāh

“Qualsiasi soluzione dovrebbe essere lontana dal vuoto nelle istituzioni e autorità politiche, poiché tale vuoto, alla luce delle difficili condizioni economiche, di occupazione e finanziarie, porterebbe al caos e al collasso”, ha detto Naṣrallāh. Ha anche espresso preoccupazione per il fatto che il piccolo Paese mediterraneo, che ospita oltre 18 confessioni religiose, possa tornare a una guerra civile, evocando il timore della guerra interna che è durata 15 anni e si è conclusa nel 1990.

“Dicono che Ḥizb Allāh abbia contribuito al vuoto politico prima dell’elezione del Presidente Aoun”, ha commentato Naṣrallāh, riferendosi alle osservazioni di esponenti di alcuni partiti politici in Libano. “Non è vero che abbiamo portato il Paese nel vuoto. Sì, abbiamo interrotto le elezioni presidenziali, ma il governo e il Parlamento funzionavano. Le strade non erano bloccate, così come le università e le scuole non erano chiuse”, si è difeso.

Le proteste di massa senza precedenti giungono nel mezzo di una profonda crisi economica in Libano. Le banche sono rimaste chiuse per tutta la settimana, scegliendo di attendere la stabilità prima di riprendere le operazioni.

Il blocco delle strade

Il Segretario Generale di Ḥizb Allāh ha affermato che il blocco delle strade è una delle forme civili di protesta. Tuttavia, ha segnalato la durata di queste iniziative, osservando che dopo nove giorni stanno causando danni alle persone e ostacolano la loro vita. Ha anche condannato le azioni aggressive messe in atto da manifestanti che appartengono ad alcuni partiti politici. I posti di blocco istituiti nelle strade da parte di sostenitori di partiti politici che chiedono alla gente i documenti d’identità ricordano la guerra civile, ha detto Sayyed Naṣrallāh. “Chiedo ai manifestanti di aprire le strade. Restate nei luoghi delle proteste, ma aprite le strade affinché le persone possano andare al lavoro, all’università e a scuola”.

Nel frattempo, Naṣrallāh ha negato in quanto prive di fondamento voci secondo cui ci siano inviti all’esercito libanese a scontrarsi con i manifestanti.

Sayyed Naṣrallāh ha anche risposto a coloro che dicono che Ḥizb Allāh “non sia nel campo dell’Imām Ḥuseyn (pace su di lui)” (cioè il 3° Imām Sciita Duodecimano martire a Kerbala) a causa delle sue riserve sulle proteste degli ultimi giorni. “A differenza delle attuali proteste, la rivoluzione dell’Imām Ḥuseyn aveva una leadership chiara e sincera”, ha detto. “Nei primi giorni delle proteste non abbiamo impedito alle persone di parteciparvi. Sabato scorso ho esortato i membri di Ḥizb Allāh (non i sostenitori) ad astenersi dal partecipare, poiché la loro partecipazione influenza l’identità sociale dei raduni”, ha affermato. “Oggi, e sulla base di nuovi dati di fatto e sospetti, invito le masse della resistenza a lasciare le strade e le sedi delle proteste”, ha concluso.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    November 2019
    Rabi'ul Awal - Rabi'ul Akhir 1441
    S M T W T F S
    1
    3
    2
    4
    3
    5
    4
    6
    5
    7
    6
    8
    7
    9
    8
    10
    9
    11
    10
    12
    11
    13
    12
    14
    13
    15
    14
    16
    15
    17
    16
    18
    17
    19
    18
    20
    19
    21
    20
    22
    21
    23
    22
    24
    23
    25
    24
    26
    25
    27
    26
    28
    27
    29
    28
    1
    29
    2
    30
    3