Libano – Crisi Ḥarīrī: Tillerson mette in guardia contro la guerra per procura tra Arabia Saudita e Iran

Libera traduzione da: BBC News, 11 November 2017

Il Segretario di Stato USA Rex Tillerson [nella foto sopra, N.d.T.] ha diffidato altri Paesi dall’utilizzare il Libano per conflitti per procura a seguito della crisi scatenata dalle dimissioni del suo Primo Ministro Saʿd ad-Dīn al-Ḥarīrī.

L’Iran e il gruppo militante sciita Ḥizb Allāh, suo alleato libanese, sostengono che i Sauditi abbiano arrestato Ḥarīrī, costringendolo alle dimissioni.

Tillerson ha dichiarato di aver ricevuto assicurazioni che Ḥarīrī è libero.

Ḥarīrī [nella foto a lato, N.d.T.] si è dimesso una settimana fa, mentre si trovava nella capitale saudita Riyāḍ.

“Non c’è legittimo posto o ruolo in Libano per alcuna forza straniera, milizia o elemento armato diverso dalle legittime forze di sicurezza dello Stato libanese”, ha detto Tillerson in un comunicato.

“Gli Stati Uniti sostengono con forza la sovranità e l’indipendenza della Repubblica del Libano e delle sue istituzioni politiche”, ha aggiunto.

Tillerson ha incoraggiato il Primo Ministro a tornare in Libano e chiarire la situazione in modo che il governo possa funzionare, esprimendo preoccupazione su come la crisi possa incidere sulla stabilità della fragile coalizione.

Qual è la politica USA sulla crisi saudita-libanese?

Il ritardo nella risposta da parte del massimo diplomatico americano – ci sono voluti sei giorni perché rispondesse alla crisi – ha rinnovato le critiche che gli Stati Uniti manchino di una strategia per questa regione cruciale.

Sotto la direzione di Muḥammad bin Salmān, Principe ereditario al trono dell’Arabia Saudita, la scorsa settimana un nuovo organismo anticorruzione ha arrestato 11 Principi del Regno, quattro ministri in carica e decine di ex-ministri.

Martedì il Presidente Donald Trump aveva usato tweetter dicendo di avere “grande fiducia nel Re Salmān e nel Principe ereditario dell’Arabia Saudita, sanno esattamente che cosa stanno facendo”.

Mostrandosi in contraddizione con il Presidente, e non per la prima volta, Tillerson ha detto venerdì: “Crescono le preoccupazioni fino a quando non vedremo più chiaramente come questi particolari individui sono trattati”.

Come stanno reagendo alla crisi i personaggi-chiave libanesi?

Rispondendo alle dimissioni di Ḥarīrī, venerdì il leader di Ḥizb Allāh ha accusato l’Arabia Saudita di dichiarare guerra al suo Paese.

Ḥasan Naṣrallāh [nella foto sopra tratta da algeriepatriotique.com, N.d.T.] ha detto che l’Arabia Saudita stava detenendo Ḥarīrī contro la sua volontà. Ha anche accusato i Sauditi di incitare Israele contro il Libano.

“In breve, è chiaro che l’Arabia Saudita e i responsabili sauditi hanno dichiarato guerra al Libano e a Ḥizb Allāh in Libano, ma devo dire che è una guerra al Libano”, ha detto Naṣrallāh.

In una trasmissione televisiva da Riyāḍ, Ḥarīrī ha detto sabato scorso che si stava dimettendo a causa di una non specificata minaccia per la sua vita. Ha anche attaccato Ḥizb Allāh e l’Iran.

Tuttavia, il Presidente libanese Michel Aoun [Cristiano-maronita e fondatore del Movimento Patriottico Libero, N.d.T.] ed altri politici di alto livello hanno richiesto il suo ritorno, tra sospetti che sia detenuto dai Sauditi agli arresti domiciliari e sia costretto a sottostare alle loro richieste.

Il Presidente libanese Michel Naim Aoun (a sinistra) con l’incaricato d’affari saudita nel Paese

Aoun non ha accettato le dimissioni di Ḥarīrī e Ḥarīrī non ha parlato pubblicamente dall’annuncio delle sue dimissioni.

Naṣrallāh ha anche accusato l’Arabia Saudita di essere disposta a pagare “miliardi” a Israele per un attacco militare contro il Libano, descrivendolo come “la cosa più pericolosa”.

Come ha reagito la comunità internazionale?

Il Segretario Generale dell’ONU Antonio Guterres ha avvertito che un nuovo conflitto nella regione avrebbe “conseguenze devastanti”.

Giovedì il Presidente francese Emmanuel Macron ha compiuto una visita non  programmata in Arabia Saudita [foto sopra, N.d.T.], per sottolineare ai leader sauditi l’importanza della stabilità in Libano.

La Francia ha legami storici con il Libano, come suo precedente potere coloniale prima che [il Libano, N.d.T.] ottenesse l’indipendenza durante la seconda guerra mondiale.

Giovedì l’Arabia Saudita e i suoi alleati del Golfo hanno detto ai loro cittadini in Libano di lasciare immediatamente il Paese.

La mossa è arrivata dopo che Riyāḍ aveva accusato l’Iran di “aggressione militare diretta”, affermando che [l’Iran, N.d.T.] aveva fornito un missile che [l’Arabia Saudita, N.d.T.] dice sia stato lanciato sabato da Ḥizb Allāh verso Riyāḍ dallo Yemen.

L’Iran ha respinto le accuse saudite come “false e pericolose”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Categories

Hijri Calendar

    December 2017
    Rabi'ul Awal - Rabi'ul Akhir 1439
    S M T W T F S
    1
    12
    2
    13
    3
    14
    4
    15
    5
    16
    6
    17
    7
    18
    8
    19
    9
    20
    10
    21
    11
    22
    12
    23
    13
    24
    14
    25
    15
    26
    16
    27
    17
    28
    18
    29
    19
    30
    20
    1
    21
    2
    22
    3
    23
    4
    24
    5
    25
    6
    26
    7
    27
    8
    28
    9
    29
    10
    30
    11
    31
    12