India – Si diffondono teorie di congiura islamica per il coronavirus

Si intensificano attacchi e boicottaggi tra false affermazioni secondo cui responsabile dell’epidemia sarebbe un gruppo musulmano

di Hannah Ellis-Petersen* and Shaikh Azizur Rahman*

Libera traduzione da: The Guardian, Mon 13 Apr 2020 

Gli uomini che hanno picchiato Mehboob Ali lo hanno fatto senza pietà. Trascinandolo in un campo del villaggio di Harewali, ai margini nord-occidentali di Delhī, il gruppo lo ha colpito con bastoni e scarpe fino a farlo sanguinare dal naso e dalle orecchie. Ali era un musulmano da poco tornato da un raduno religioso e la folla hindu era abbastanza certa che lui facesse parte di una cosiddetta congiura islamica per diffondere il coronavirus tra gli Hindu di tutta la nazione. I suoi aggressori credevano che il fedele 22enne dovesse essere punito prima che portasse a termine il “corona jihād”.

Le accuse erano del tutto false, ma secondo i filmati e la sua famiglia, gli uomini che hanno picchiato Ali il 5 aprile avevano pochi dubbi sulla sua colpevolezza, chiedendogli: “Dicci chi c’è dietro questa cospirazione”. Ali è stato quindi portato in un vicino tempio hindu e gli è stato detto di rinunciare all’Islam e convertirsi all’Induismo prima che gli permettessero di andare in ospedale.

Cinque giorni dopo l’attacco, la famiglia di Ali aveva ancora paura di essere accusata di diffondere il virus. “Se presentiamo una denuncia alla polizia, gli Hindu non ci lasceranno vivere nel villaggio”, ha detto un membro della famiglia che ha chiesto l’anonimato. La polizia ha confermato che, a causa della sua partecipazione a una convention musulmana a Bhopal qualche settimana fa, Ali è stato trattenuto nel reparto di isolamento dell’ospedale Lok Nayak Jai Prakash Narayan a Delhī come “sospetto di corona”, sebbene non avesse sintomi.

L’attacco ad Ali è sintomatico della crescente demonizzazione della comunità musulmana indiana, che viene accusata senza alcun fondamento di condurre una campagna malevola per diffondere il Covid-19 tra la maggioranza hindu.

Già minoranza sotto attacco – sono passate solo poche settimane da quando bande hindu hanno attaccato i Musulmani durante rivolte religiose a Delhī – i Musulmani hanno visto boicottare le loro attività in tutta l’India, con volontari che distribuiscono razioni chiamati “terroristi del coronavirus” e altri accusati di sputare nel cibo e infettare le forniture idriche con il virus. Sono apparsi manifesti che impediscono ai Musulmani di entrare in alcuni quartieri in Stati distanti come Delhī, Karnataka, Telangana e Madhya Pradesh.

I problemi sono iniziati quando la riunione dell’organizzazione missionaria islamica Tablighi Jamaat [Gruppo di Diffusione della Fede, movimento pacifista deobandi transnazionale nato in India nel 1926, N.d.T.], tenutasi a metà marzo nel quartiere di Nizamuddin, nel sud di Delhī, è stata individuata dalla polizia e dal governo come responsabile della diffusione del coronavirus in tutta l’India. Alla convention, che era stata autorizzata dalle autorità di Delhī, hanno partecipato circa 8 mila persone, tra cui centinaia di stranieri. Presto divenne chiaro che molti alla convention avevano inconsapevolmente contratto il Covid-19 e lo avevano portato in città e villaggi di tutta l’India.

In tutto il Paese è stato ordinato alla polizia di radunare chiunque fosse associato all’organizzazione. Finora, oltre 27 mila membri del Tablighi Jamaat e i loro contatti sono stati messi in quarantena in circa 15 Stati. Nell’Uttar Pradesh la polizia ha offerto fino a 10 mila rupie (circa 120 euro) per informazioni su chiunque avesse partecipato alla riunione.

In una dichiarazione di questa settimana, il gruppo degli Scienziati Indiani di Risposta al Covid-19 ha affermato che “i dati disponibili non supportano l’ipotesi” che la colpa dell’epidemia di coronavirus in India ricada principalmente sul Tablighi Jamaat. Gli scienziati hanno sottolineato che, mentre il numero dei test per il coronavirus è estremamente basso in tutta l’India, un numero sproporzionato per i membri del Tablighi Jamaat, secondo un ordine del governo, ha quindi fortemente distorto le cifre.

Tuttavia, i risultati del test sono stati rapidamente sfruttati da membri del partito nazionalista hindu al potere Bharatiya Janata (BJP), che ha affermato che i membri del Tablighi Jamaat avevano intenzione di infettare milioni di persone come parte di una cospirazione islamica e stavano portando avanti il “terrorismo del corona”.

Alti dirigenti del BJP hanno accusato Tablighi Jamaat di aver compiuto un “crimine talebano”, hanno descritto i loro membri come “bombe umane, ma nelle vesti di pazienti affetti da coronavirus” e hanno chiesto che i leader del Tablighi Jamaat fossero impiccati e fucilati. Kapil Mishra, un leader locale del BJP noto per i suoi discorsi di odio, ha twittato: “I Tablighi Jamaat hanno iniziato a sputare sui medici e altri operatori sanitari. È chiaro, il loro obiettivo è quello di infettare con il coronavirus quante più persone possibile e ucciderle”.

Anche se subito smentite, si diffondono rapidamente le voci che membri del Tablighi Jamaat si rifiutino di andare in quarantena, aggredendo il personale dell’ospedale e lanciando bottiglie di urina sugli Hindu.

Hashtag come “CoronaJihad”, “CoronaTerrorism” e “CoronaBombsTablighi” hanno iniziato a diffondersi su Twitter in India. I media dominanti indiani hanno ripetutamente affermato che i membri del Tablighi Jamaat sono “superdiffusori” del coronavirus.

Il dott. Zafarul-Islam Khan, Presidente della Commissione per le Minoranze di Delhī, ha affermato che mentre Tablighi Jamaat è stato miope nel tenere la convention, ci sono “dozzine di esempi di governo, partiti politici e altri gruppi religiosi che hanno anche infranto le restrizioni del coronavirus e si sono riuniti in grandi numeri”.

Ha aggiunto: “Ma l’intera attenzione è rivolta solo verso i Musulmani. Negli ultimi giorni abbiamo notato una nuova ondata di attacchi contro i Musulmani in tutto il Paese. Si parla di boicottaggio sociale dei Musulmani, molestie nei confronti dei Musulmani da parte di gruppi Hindutva [la condizione hindu, in pratica la sua identità etnica, culturale e politica separata rispetto alla Nazione musulmana, N.d.T.] e Musulmani che vengono persino molestati dalla polizia in varie aree”.

C’è stata una concentrazione di attacchi contro i Musulmani in Karnataka, dove il parlamentare del BJP Anant Kumar Hegde ha denunciato i Tablighi Jamaat come terroristi. Poco dopo, una clip audio ha iniziato a essere ampiamente condivisa su WhatsApp, esortando le persone a non consentire venditori musulmani di frutta e verdura nelle loro aree, affermando che stavano diffondendo il virus attraverso i loro prodotti.

Sayed Tabrez, 23 anni, e sua madre Zareen Taj, 39 anni, erano tra i sette volontari musulmani che il 4 e 6 aprile sono stati aggrediti da una banda di membri del locale BJP, perché cercavano di distribuire cibo alle persone povere nei distretti di Marathahalli e Dasarahalli [sobborghi di Bangalore, N.d.T.] del Karnataka.

“Circa 20 membri del locale BJP sono arrivati in moto e hanno iniziato a urlarci contro, dicendo: ‘Non vi è permesso distribuire razioni – siete Musulmani, quindi siete tutti terroristi che diffondono la malattia. Sappiamo che state sputando nelle razioni e siete venuti dal Tablighi Jamaat per diffondere il virus”, ha detto a Tabrez. Due giorni dopo circa 25 membri del locale BJP li hanno seguiti con veicoli, prima di attaccare con pipistrelli Tabrez, sua madre e gli altri volontari. Da allora la polizia ha arrestato due persone.

Non è un incidente isolato. Manohar Elavarthy, della ONG Swaraj Abhiyan che sta distribuendo razioni per l’isolamento, ha affermato che negli ultimi giorni sono stati effettuati dozzine di attacchi contro i loro volontari musulmani, compresi alcuni dalla polizia.

Poliziotti rimasti nel pubblico linciaggio in India esposti

Questa settimana a Mangalore [sempre in Karnataka, N.d.T.] sono apparsi dei manifesti in cui si diceva che i Musulmani non erano più ammessi in alcuni quartieri. “Nessun commerciante musulmano potrà accedere alla nostra città fino a quando il coronavirus non sarà completamente scomparso”, si legge in un cartello a Alape [un quartiere di Mangalore, N.d.T.]. Nel villaggio di Ankanahalli [nel Distretto di Mysore in Karnataka, N.d.T.], dominato dagli Hindu, un video trovato dal Guardian mostra Mahesh, il Presidente del panchayat [consiglio, N.d.T.] del villaggio, che avverte che se qualche Hindu nel villaggio venisse sorpreso a fraternizzare con un Musulmano “verrà multato da 500 a 1.000 rupie”.

Il sabotaggio da coronavirus come pretesto per la discriminazione arriva dopo una crescente campagna sponsorizzata dallo Stato per trasformare i Musulmani in cittadini di seconda classe in India, come parte del programma nazionalista hindu del BJP. Gli attacchi contro i Musulmani sono all’ordine del giorno e il recente atto di modifica della cittadinanza, approvato dal BJP a dicembre, ha spinto milioni di persone a scendere in piazza per protesta verso la discriminazione dei Musulmani.

Manifestanti durante un sit-in nel Distretto di Delhī Sud contro la nuova legge sulla cittadinanza che discrimina i Musulmani (DTM via Wikimedia Commons)

La situazione è diventata così grave la scorsa settimana che ha spinto Equality Labs, un’organizzazione per i diritti umani del Sud Asia con sede negli Stati Uniti che fa ricerche sui discorsi di odio islamofobico, a rilasciare una dichiarazione che esorta l’Organizzazione Mondiale della Sanità a “pubblicare ulteriori linee guida contro i discorsi di odio durante il Covid-19 e scollegarlo dalle comunità religiose”.

Donne dell’area di Chand Bagh, nel nord-est di Delhī, dopo gli incidenti scatenati il 23 febbraio scorso dalle parole incendiarie di Kapil Mishra

“Solo poche settimane dopo il pogrom di Delhī, dove centinaia di case e negozi musulmani sono stati vandalizzati, un aumento della disinformazione e un linguaggio comune dannoso stanno portando alla violenza”, ha detto Thenmozhi Soundararajan [una Dalit, cioè una fuori casta, N.d.T.], Direttore Esecutivo di Equality Labs. “La minaccia di un altro pogrom incombe ancora”.

 

* Hannah Ellis-Petersen è la corrispondente del Guardian per l’Asia meridionale con sede a Delhi.

* Shaikh Azizur Rahman è un giornalista freelance di Calcutta.

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    June 2020
    Shawwal - Zul Qida 1441
    S M T W T F S
    1
    10
    2
    11
    3
    12
    4
    13
    5
    14
    6
    15
    7
    16
    8
    17
    9
    18
    10
    19
    11
    20
    12
    21
    13
    22
    14
    23
    15
    24
    16
    25
    17
    26
    18
    27
    19
    28
    20
    29
    21
    30
    22
    1
    23
    2
    24
    3
    25
    4
    26
    5
    27
    6
    28
    7
    29
    8
    30
    9