Guyana – Il ritrovamento di vasti giacimenti petroliferi colloca il Paese tra ricchezza e fallimento

La maledizione dell’oro nero
La Guyana è sempre stata uno dei Paesi più poveri del Sud America. Ora che ExxonMobil ha scoperto un nuovo giacimento petrolifero al largo della costa, la piccola nazione potrebbe diventare una delle più ricche del mondo. Ma sarà una benedizione o una maledizione?

di Hauke Goos

Libera traduzione da: Spiegel International, 26.06.2020, 10.10 Uhr

Le immagini sono una scelta di Islamic World Analyzes

Forse tutto sarebbe più facile se la gente potesse realmente vedere il petrolio. Se le piattaforme di perforazione, le navi di rifornimento e le gigantesche navi specializzate utilizzate per pulire e immagazzinare il petrolio fossero ancorate al largo e non molto oltre l’orizzonte. Forse le persone capirebbero meglio le distanze che le compagnie petrolifere coprono per arrivare al petrolio. E capirebbero meglio quanto questo possa farle ricche.

Il giacimento petrolifero che ExxonMobil ha scoperto cinque anni fa si trova a circa 200 chilometri (125 miglia) al largo della costa della Guyana, che un tempo si chiamava Guyana britannica prima che qualcuno pensasse al petrolio. Il risultato è che i pescatori che siedono fumando e chiacchierando sul muro di cemento costruito per proteggere la terra dall’Oceano non possono vedere nulla dal loro punto di osservazione. Gli uccelli fregata si librano pigramente attraverso il calore, mentre gli ibis rosso vivo volano sopra le mangrovie. Tutto sembra come sempre, ma presto cambierà tutto. Questa è la speranza di molti e la paura di alcuni.

La perforatrice ExxonMobil Stena Carron che ha fatto la scoperta (foto ExxonMobil da Stabroek News)

Il petrolio al largo delle coste della Guyana è del tipo crudo leggero e dolce, che è molto ambito e facilmente accessibile. Alcuni sostengono che entro la metà di questo decennio la Guyana potrebbe già pompare più petrolio per territorio pro capite rispetto al Kuwait. Per l’anno in corso il governo di Georgetown ha fatto una previsione pre-coronavirus delle entrate petrolifere di circa 300 milioni di dollari. L’Ambasciatore degli Stati Uniti nel Paese ha affermato che la Guyana potrebbe diventare il “Paese più ricco dell’emisfero e potenzialmente il Paese più ricco del mondo”.

È difficile descrivere come il petrolio, il denaro, trasformino un Paese e una società. Un modo, ovviamente, è semplicemente affrontare i numeri. Un barile di greggio dolce leggero, che ammonta a 159 litri o 42 galloni, attualmente è venduto a circa 40 dollari. Come si fa a spiegare a uno dei pescatori sul molo, per esempio, che cosa significherebbe per il suo Paese se ogni giorno Exxon dovesse pompare dal mare 750.000 barili di petrolio? O un milione?

Un punto di vista diverso, però, è fornito dai fratelli Mangal, Lars e Jan, entrambi cresciuti in Guyana e con quattro anni di età di differenza. Il loro padre è un medico nato in Guyana e la loro madre in Danimarca. Il fatto che non si parlino più ha anche a che fare con il petrolio al largo della Guyana. Ha a che fare con tutto ciò che accade quando un intero Paese si trova improvvisamente di fronte alla prospettiva di diventare favolosamente ricco.

La domanda è: perché la ricchezza improvvisa travolge quasi ogni società che la vive? Perché inizialmente il petrolio sembra essere una benedizione, ma nella stragrande maggioranza dei casi si rivela una maledizione?

Il meglio del meglio

Negli anni ’60, quando nacquero Jan e Lars Mangal, il piccolo Paese aveva appena ottenuto l’indipendenza dai Britannici. Da bambini avrebbero giocato tra le canne sul fiume Demerara [foto sotto, N.d.T.], che divide la capitale Georgetown prima di sfociare pigramente nell’Atlantico. Ad un certo punto, sono espatriati per la loro carriera, così come fa la maggior parte dei giovani istruiti del Paese.

La Guyana si trova nell’angolo nord-orientale del Sud America, inserita tra l’Amazzonia e l’Orinoco, con il Venezuela a nord, il Brasile a sud-ovest e il Suriname a est. I turisti vengono qui principalmente perché non attira molti turisti. La Guyana, ha scritto la guida di viaggio Lonely Planet, con i suoi 780.000 residenti, sta per diventare “il segreto ecoturismo meglio conservato del continente”. Ha bauxite e oro, ma si basa maggiormente sulla canna da zucchero e sul legname – tutti certamente redditizi, ma anche un po’ noiosi.

Gli ormeggi a Parika, alla foce del Fiume Essequibo nell’Oceano Atlantico

Lars e Jan Mangal hanno entrambi optato per la carriera nel settore petrolifero. Lars è andato da Schlumberger, il più grande fornitore mondiale di servizi petroliferi, mentre Jan si è trasferito in Texas per lavorare per Chevron. Entrambi hanno viaggiato molto ed entrambi sono esperti del settore. Condividono il brivido dell’esplorazione e la fiducia in se stessi di ingegneri e tecnici che proviene da un’intima cognizione di essere tra i migliori al mondo.

Jan Mangal, il più vecchio dei due, in visita alla famiglia in Europa, per il nostro incontro ha scelto un ristorante di pesce sulla costa danese del Mare del Nord. Non torna in Guyana da più di un anno e suo fratello gli ha fatto sapere che potrebbe non essere più al sicuro nel Paese in cui è nato. Così, Jan Mangal è rimasto a guardare da lontano gli sviluppi in Guyana.

Nel 2017 il Presidente David Granger lo ha assunto come consulente energetico. All’epoca il contratto che il governo aveva stipulato con ExxonMobil era stato appena rinegoziato. Fondamentalmente, il focus dei negoziati era su quanto grande fosse la quota della Guyana sui profitti del petrolio. Il petrolio era già stato scoperto e tutti sapevano che era uno dei ritrovamenti più significativi degli ultimi anni. Era normale che le posizioni negoziali cambiassero e in tali situazioni i governi hanno un discreto potere.

Il governo della Guyana ha inviato il Ministro delle Risorse Naturali in Texas per negoziare per conto della Guyana. Ma è stato un accordo tra partner disuguali: il PIL della Guyana è di 4,1 miliardi di dollari, mentre il fatturato di ExxonMobil nel 2019 è stato di 256 miliardi di dollari.

Non si sa cosa abbia chiesto il Ministro o cosa abbia offerto Exxon. Ma il team di ExxonMobil l’ha ospitato a pranzo e cena e condotto attraverso la sede della società – e, quando è tornato a casa, il contratto era stato firmato.

Malattia olandese

Un accordo coloniale, ha detto Mangal con rabbia quella sera in Danimarca, estremamente vantaggioso per Exxon. Proprio come se non fosse ancora chiaro se il petrolio fosse stato scoperto o no al largo della Guyana, ha detto. Tutto sommato, ha detto Mangal, l’accordo significava che la Guyana perdeva miliardi di entrate.

All’epoca Jan Mangal consigliò al Presidente di rinegoziare l’accordo al fine di ottenere condizioni migliori per il popolo della Guyana. Inoltre, consigliò che tutti i contratti fossero resi pubblici. La trasparenza, affermò, era importante in una fase che avrebbe potuto essere decisiva per il futuro del Paese, mentre la segretezza serviva semplicemente a promuovere la corruzione.

“Dobbiamo dimostrare al mondo che il petrolio può essere usato per aiutare la gente”, afferma. “Che non solo i ricchi diventano più ricchi. Dobbiamo dimostrare che il petrolio può fare bene”.

Meglio, almeno, che in Sudan, Nigeria o Guinea Equatoriale. Alcuni anni fa in Svizzera furono confiscate 25 auto sportive, tra cui modelli rari di McLaren, Koenigsegg e Bugatti. Tutte appartenevano al figlio del Presidente della Guinea Equatoriale, la cui famiglia, a quanto pare, vedeva l’attività petrolifera principalmente come un modo per incanalare denaro verso parenti e amici.

O meglio che in Venezuela, che ha le più grandi riserve di petrolio del mondo, e tuttavia – o forse proprio per questo motivo – è caduto in crisi, afflitto da iperinflazione, fame e un tasso di povertà che ora è salito al 90 per cento. In tutti i casi, l’improvvisa prosperità è stata travolgente per tutti – le persone e, soprattutto, i governi.

Gli esperti chiamano questo fenomeno “malattia olandese”. Attraverso la vendita di risorse naturali, generalmente petrolio, aumentano i ricavi delle esportazioni. Ciò rende la valuta locale più costosa, il che rende più difficile l’esportazione. Poiché il denaro del petrolio porta la promessa di una rapida ricchezza, i Paesi colpiti dalla “malattia olandese” trascurano le industrie e l’agricoltura tradizionali. Quando ad un certo punto il denaro del petrolio si prosciuga o il prezzo del petrolio scende in modo significativo – come è attualmente il caso – le economie di tali Paesi mancano di alternative.

Il contratto di consulenza di Mangal non è stato rinnovato: nessuno voleva sentire i suoi suggerimenti e le sue critiche. Ad un certo punto, ha lasciato il suo Paese di nascita. Tuttavia, mentre continua a diramare avvertimenti dall’estero e mantenere una presenza attiva su Twitter, suo fratello Lars è tornato in Guyana. A Georgetown offre ora servizi a quelle società coinvolte nello sfruttamento delle riserve petrolifere offshore.

“Mio fratello è estremamente orientato verso gli affari”, afferma Jan Mangal. “Un uomo d’affari di tipo aggressivo. Si preoccupa solo di andare avanti. Non gli importa di nient’altro. Il buon senso e roba del genere non contano.” Dice che solo occasionalmente sente il fratello via WhatsApp. “Lars vuole scrivere a mia moglie, dicendole che non dovrei tornare in Guyana. Che la mia vita sarebbe in pericolo se dovessi tornare. Probabilmente vuole solo spaventarmi. Sta cercando di tenermi lontano”.

Suo fratello non è interessato alla democrazia o alla sostenibilità, dice Jan Mangal alla fine. “Parla con lui. Gli piacerebbe incontrarti. Gli piace mettersi un po’ in mostra”.

La capitale della confusione

La sala degli arrivi all’aeroporto di Georgetown è nuova e tutto sembra come se fosse stato appena lustrato. Davanti al controllo passaporti è appeso uno striscione con la scritta: “Guyana, terra di molte acque”. Una delle prime cose che noti mentre entri in città sono i numerosi lotti sgomberati sulle rive del Demerara. La proprietà immobiliare di Riverside è molto ricercata, perché l’industria petrolifera ha bisogno di spazio per porti e raffinerie. I cartelli “in vendita” sono visibili davanti alla maggior parte dei lotti.

Con un reddito pro capite di 5.252 dollari, la Guyana è il terzo Paese più povero del Sud America e la scoperta di Exxon è stata celebrata come un ambito premio della lotteria. La misura in cui il petrolio ha già cambiato il piccolo Paese può essere percepita nel chiasso ascoltato ovunque.

La Guyana, afferma un banchiere d’investimento, sta attualmente vivendo uno “tsunami di opportunità”. La Guyana, afferma il Primo Ministro in carica, è “il nuovo Oil Dorado”. L’industria petrolifera, dice l’attivista ambientale più nota del Paese, sta perseguendo una sorta di colonialismo.

“Il cielo è il limite”. Questa massima è sulla bocca di tutti coloro che si riversano in Guyana da ogni dove, attirati dalla possibilità di diventare estremamente ricchi in un brevissimo lasso di tempo.

Un avvocato specializzato in corruzione, tuttavia, ha un’altra descrizione per il Paese: “Una causa persa”.

I politici in Guyana stanno discutendo questioni cruciali con attivisti ambientali, dirigenti di società con procuratori di buon governo e quartieri con stranieri. Il focus di molte di queste discussioni è il clientelismo, la corruzione e l’avidità. Georgetown, afferma un esperto di pubbliche relazioni che gestisce il sito web OilNow nella capitale, è diventata “la capitale della confusione”.

Georgetown, Stabroek Market

Non ricco, ma meno povero

Il Paese aveva effettivamente stabilito obiettivi concreti per il suo futuro, impegnandosi a ottenere il 100% del proprio fabbisogno energetico da fonti rinnovabili entro il 2025. Quasi tutte le aree costiere densamente popolate del Paese si trovano al di sotto del livello del mare. Allontanarsi dai combustibili fossili sarebbe stato molto nell’interesse del Paese.

“E poi è arrivato il petrolio”, afferma Melinda Janki, attivista a Georgetown per la democrazia e l’ambiente. Crede che entrambi siano tanto vitali quanto in pericolo.

La Janki è una donna piccola e impaziente che vive nel centro storico di Georgetown in una casa coperta di vegetazione. I visitatori devono farsi strada attraverso diversi canili. Ha completato gli studi universitari a Londra e parla con un piacevole accento britannico. Per un certo periodo ha lavorato come avvocato per la BP [l’ex British Petroleum, N.d.T.].

La gente della Guyana è stata alimentata da una fiaba, dice la Janki, perché è proprio così che la gente ama le fiabe. Questa in particolare? Il petrolio porta alla felicità. La Guyana, secondo la storia che tutti raccontano, è come un giocatore d’azzardo che sognava il premio più alto da anni, e poi, all’improvviso, ha rastrellato il piatto.

La Janki ha esaminato i numeri: la quantità estratta dal mare, i costi di produzione, i canoni di concessione e la ripartizione degli utili. Secondo il contratto che il Ministro delle Risorse Naturali ha negoziato con Exxon, la Guyana riceverà il 52 percento degli utili. Lo standard globale è compreso tra il 65 e l’85 percento.

In ogni contratto, tuttavia, ci sono passaggi che definiscono ciò che si considera profitto – e ci sono molti modi per ridurre i numeri da quel 52 percento fino a quando non rimane quasi nulla. Più Melinda Janki parla, più diventa chiaro che in base all’attuale contratto la Guyana non finirà per essere straordinariamente ricca ma, nel migliore dei casi, un po’ meno povera.

Il modello norvegese

Indipendentemente da dove nel mondo venga scoperto il petrolio, l’attenzione non è mai rivolta a rendere i locali più ricchi, afferma la Janki. “Il petrolio rende ricche solo le compagnie petrolifere”.

Vi è, tuttavia, un’eccezione – e serve da esempio per quasi tutti i Paesi in cui viene scoperto il petrolio: la Norvegia.

Fino ai primi anni ’70 la Norvegia era uno dei Paesi più poveri d’Europa, con un’economia che dipendeva in gran parte da agricoltura, trasporti e pesca. Ma poi sono stati potenziati i depositi di petrolio e gas naturale e la maggior parte dei profitti ottenuti dalle compagnie petrolifere, in gran parte di proprietà statale, è confluita nel sistema pensionistico pubblico. È essenzialmente l’assicurazione norvegese per il futuro: ogni anno al governo è consentito spendere un massimo del 3 percento del volume del fondo su progetti utili alla società. Oggi i Norvegesi godono di uno dei più alti standard di vita nel mondo.

La Guyana può diventare la prossima Norvegia? La Janki sorride. I Norvegesi, dice, sono colti, hanno un’alta consapevolezza ambientale e un forte senso di comunità. E hanno una sola cultura. La Guyana, dice, è la patria di profonde fratture etniche e la cattiva gestione delle sue risorse naturali ha una lunga tradizione. La Norvegia è ben nota come negoziatore duro, dice la Janki, e i Norvegesi chiedono consigli e li ascoltano. “Il governo della Guyana non accetta i consigli degli esperti, a quanto pare non sa nemmeno di averne bisogno”.

Jan Mangal ha, ovviamente, familiarità con l’esempio della Norvegia. E sa anche che la Guyana non è nella posizione migliore per seguire quell’esempio, anche se fosse in grado di apportare miglioramenti al suo contratto.

La corruzione, per esempio, fa parte della vita quotidiana in Guyana. La gente è povera ed è abituata ad accettare piccoli regali, come un modo per migliorare i redditi bassi. Nell’Indice di Percezione della Corruzione pubblicato da Transparency International [una ONG tedesca, N.d.T.], la Guyana è all’85° posto.

Avidità o semplice incompetenza?

I governi corrotti sono deboli e le aziende forti, come ExxonMobil, sono in grado di trarne vantaggio. È abbastanza gradito negoziare con politici che sono principalmente interessati a incanalare più petrodollari possibile sui propri conti bancari personali.

Nel 2017 un informatore si è messo in contatto con Christopher Ram, uno dei più noti avvocati di Georgetown e un critico di spicco dell’affare petrolifero. Di conseguenza, è emerso che, nell’ambito delle trattative contrattuali, ExxonMobil aveva pagato un classico, per quanto basso, “compenso d’ingaggio” di 18 milioni di dollari. Poco tempo dopo è stato rivelato che il Ministero delle Finanze aveva messo i soldi in un conto in valuta forte invece di versarli nel fondo destinato allo scopo. Il governo ha insistito sul fatto che stava cercando di guadagnare interessi per servire il Paese.

Ram ha i capelli lunghi e grigi e non indossa scarpe nel suo ufficio, il che aiuta a rivolgere l’attenzione sui suoi calzini color turchese. Ha una rubrica sul giornale locale Stabroek News, un suo programma televisivo e abbastanza soldi per esprimere le sue opinioni ogni volta che lo ritiene opportuno.

Ancor più dell’avidità, dice, la scoperta del petrolio ha rivelato incompetenza. “Penso che il Ministro delle Risorse Naturali non abbia nemmeno letto il contratto prima di firmarlo”, afferma. È particolarmente problematico, secondo Ram, che la corruzione provenga dall’alto.

Intende dire che nel 2015 Exxon ha sostanzialmente acquistato il vantaggioso contratto per 18 milioni di dollari?

“In sostanza, sì.”

Il Ministro che ha negoziato questo accordo è corrotto?

“Forse. Credo di sì.”

Ram affonda sempre più nella sedia e sorride. “Il modo più rapido per fare soldi in Guyana è la politica. Il modo più veloce per diventare milionari è la politica”.

Il governo nega tutte le accuse di corruzione.

Una questione di prospettiva

Nel 2015, poco prima della scoperta del petrolio, il governo ha assegnato i diritti minerari per due aree a diretto contatto. La possibilità che quelle aree ospitassero anche depositi di petrolio era significativa.

Una delle aree è stata assegnata a Mid-Atlantic Oil & Gas assieme a JHI Associates Inc. Poco tempo dopo, Exxon si è associata a loro come “operatore”. L’altra area è stata assegnata alle due società Ratio Energy e Ratio Guyana. Anche in questo caso Exxon si associata a loro per svolgere l’esplorazione.

Ci sono ragioni per sospettare che queste società siano state soltanto fittizie. Una di queste era stata fondata solo di recente, con sede nel paradiso fiscale delle Isole Vergini.

L’organismo investigativo della Guyana State Assets Recovery Agency (SARA), incaricato dal Presidente di controllare le società, ha parlato di “irregolarità significative”. Il Capo dell’agenzia ha affermato che le Isole Vergini “sono un chiaro segnale di pericolo”.

“È come una commedia umana sotto una lente d’ingrandimento”, afferma Christopher Rahm. “Tutto diventa abbastanza chiaro per le persone dall’esterno: avidità, stupidità, incompetenza, ambizione e desiderio di uno stile di vita piacevole”.

Alla fine la Guyana ne trarrà profitto? O perderà?

Bene, dice Rahm mentre allunga i suoi piedi color turchese: “Se hai un diritto al 100 percento e alla fine ottieni solo il 60 percento, hai guadagnato 60 o perso 40?”.

Tempi entusiasmanti

Un recente venerdì pomeriggio, un uomo piuttosto piccolo cammina attraverso un terreno sabbioso e su per le scale in una struttura d’acciaio, dove è prevista una conferenza stampa. La struttura era il ponte di una nave, ma Lars Mangal, il fratello dell’ex consigliere energetico Jan Mangal, ha fatto rimuovere tutto l’equipaggiamento tecnico e collocato due tavoli all’interno.

Dopo aver lavorato per la società di servizi petroliferi Schlumberger, è entrato a far parte di una piccola azienda danese. È in costante movimento e quasi sempre raggiungibile. In risposta ad una domanda WhatsApp sul fatto se avesse voluto parlare, ha risposto entro otto minuti: “Sì, posso chattare”.

Quando Exxon ha trovato il petrolio nel 2015, Lars Mangal ha deciso di approfittare dell’opportunità. Exxon avrebbe avuto bisogno di competenze locali in aggiunta ai lavoratori della Guyana e Lars Mangal decise che sarebbe stato lui a fornire entrambi. Si è trasferito di nuovo a Georgetown, ha affittato una parte di proprietà non lontana dal fiume e ha offerto i suoi servizi a Exxon.

Allo stesso tempo ha fondato un’Accademia per formare i giovani ai lavori nell’industria petrolifera. Proprio quel venerdì pomeriggio si diplomano 50 allievi. Giovani uomini e un paio di donne in pantaloni neri e magliette bianche, che aspettano fuori al sole. Alcuni lavoravano nell’industria dello zucchero. Sono la terza classe di allievi istruiti dall’Accademia. E ognuno dei 50 laureati, afferma orgoglioso Jan Mangal, ha già un lavoro.

Sull’ex ponte del capitano, accoglie il Primo Ministro della Guyana, l’Alto Commissario Britannico e il Ministro delle Risorse Naturali, un uomo corpulento e sonnolento. È lui che ha negoziato il contratto con Exxon.

Il Ministro parla di “tempi entusiasmanti” e della promessa che il futuro riserva. Il Primo Ministro afferma che la Guyana è in procinto di diventare “il Paese petrolifero più ricco della Terra, se misurato in termini di reddito pro capite”.

Lars Mangal annuisce ad ogni parola. Non ha avuto problemi a trovare partner e finanziatori per il suo progetto e ora sta pensando di aprire una filiale a Londra. Quando è finalmente il suo turno, parla in modo brillante di “una nuova frontiera per l’industria petrolifera e del gas”.

Ha chiamato i suoi uffici come le missioni di esplorazione dello spazio, cioè Apollo, Enterprise e Pioneer. Solo quelle di successo, dice con una risata. Ed è pieno di superlativi, dicendo che il progetto di sfruttare un tale giacimento petrolifero è simile allo sforzo di Kennedy di “piazzare un uomo sulla luna”. L’iperbole non scarseggia a Georgetown.

“Questo è unico”, dice Mangal. La dimensione, la scala, la velocità, la quantità di petrolio finora scoperto. La quantità di petrolio che la Norvegia ha trovato in 10 o 15 anni, dice, in Guyana è stata scoperta nel giro di due o tre anni. “Questa qui è enorme”.

“Gestiscilo come una società”

Cosa pensa Lars Mangal delle critiche di suo fratello e della sua richiesta che il contratto con Exxon debba essere rinegoziato e le licenze di perforazione ritirate? E che dire degli sforzi per distribuire i miliardi del petrolio nel modo più equo possibile a beneficio di tutti in Guyana? “Jan è più un teorico. Io vedo opportunità e le afferro. O siamo coinvolti o non lo siamo. Se vogliamo influenzare qualcosa, dobbiamo partecipare. È possibile modificare le cose solo se ne facciamo parte”.

Alla fine, una volta che tutti i laureati hanno ricevuto i diplomi e tutti i discorsi sono stati pronunciati, Mangal invita i suoi ospiti per un po’ di latte di cocco con uno spuntino. Fluttuano palloncini, si scattano foto e ci si scambia biglietti da visita. Gli altoparlanti diffondono “Heal the World” di Michael Jackson.

È forse uno dei partner commerciali di Lars Mangal – un omino di Singapore venuto per l’occasione – a descrivere meglio la situazione in Guyana. Alla domanda su cosa dovrebbe essere fatto nel Paese, dice: “Gestiscilo come una società”.

In Guyana le elezioni si sono svolte il 2 marzo. Si sono tenute su disposizione dei tribunali perché al Presidente era mancata la fiducia [in Parlamento, N.d.T.]. Questi ha sfidato legalmente il mandato costituzionale secondo cui un nuovo Parlamento dovesse essere eletto entro 90 giorni, ma il tentativo si è rivelato infruttuoso.

L’edificio del Parlamento

La Commissione Elettorale inizialmente ha dichiarato vittorioso il partito al governo, nonostante i dubbi sollevati fin dall’inizio sullo scrutinio dei voti. È stato quindi deciso il riconteggio dei voti.

Da allora sono passati quasi quattro mesi senza che sia stato dichiarato un vincitore. “Stiamo vedendo i ben noti segni di fallimento”, afferma Jan Mangal al telefono. “Ci sono tutti i tipi di segnali di avvertimento sulla strada, ma continuiamo a guidare, imperterriti. È triste per la Guyana”.

“Estremamente inquietante”, afferma Lars Mangal, che vuole che i risultati delle elezioni vengano finalmente annunciati, indipendentemente da chi vince. Già, dice, è stato sprecato troppo tempo. “Le nostre opzioni stanno diventando sempre più limitate”.

Per un fratello, tutto procede troppo velocemente, per l’altro troppo lentamente. Ed è possibile che entrambi abbiano ragione, il che non rende le cose più facili per la Guyana.

Ecco un’idea folle

Tuttavia, con quale auto-stima un governo intende entrare in affari con un’azienda come ExxonMobil se non riesce nemmeno a contare correttamente i voti?

Prima delle pasticciate elezioni, si è svolta una serata di discussione a Georgetown, capitale del nuovo “Oil Dorado”. Si è tenuta a Moray House [già casa di David de Caires, fondatore del citato Stabroek News, N.d.T.], una bellissima struttura in legno di epoca coloniale all’angolo tra Camp e Quamina Street, con soffitti alti e il piacevole ronzio dei colibrì fuori dalla veranda.

L’avvocato Melinda Janki era seduta davanti. Aveva scritto in una e-mail che avrebbe parlato di petrolio e avrebbe cercato di collegare le idee di “dignità” con “patrimonio naturale”: acqua pulita, aria pulita, diversità delle specie. “Terra di molte acque”.

La Janki ha ricordato ai suoi ascoltatori l’obbligo che la generazione di oggi ha verso le generazioni future e ha parlato del diritto costituzionale a un ambiente sano.

Tra il pubblico, su un divano in prima fila, sedeva Annette Arjoon, la più nota attivista ambientale della Guyana [e vincitrice nel 2008 dell’Anthony N Sabga Caribbean Awards for Excellence nella sezione Contributi pubblici e civili, N.d.T.]. Vive in un quartiere di grandi case su estesi lotti chiamati Oleander Gardens, a pochi metri dall’Atlantico. La gente ha recentemente iniziato a riferirsi al quartiere come “Giardini di Oileander” a causa dei molti nuovi residenti dell’industria petrolifera a cui non importa pagare 4.000 dollari al mese di affitto.

Ad un certo punto, la Arjoon prende la parola. Ha solo una domanda, dice, sedendosi un po ‘più dritta. È ben consapevole che la sua domanda sia inusuale – e piuttosto impertinente. È anche una domanda che né Jan né Lars Mangal avevano mai preso in considerazione.

Non sarebbe una possibilità, dice la Arjoon, lasciare semplicemente il petrolio nel sottosuolo?

Print Friendly, PDF & Email

Categories

Hijri Calendar

    October 2020
    Safar - Rabi'ul Awal 1442
    S M T W T F S
    1
    13
    2
    14
    3
    15
    4
    16
    5
    17
    6
    18
    7
    19
    8
    20
    9
    21
    10
    22
    11
    23
    12
    24
    13
    25
    14
    26
    15
    27
    16
    28
    17
    29
    18
    1
    19
    2
    20
    3
    21
    4
    22
    5
    23
    6
    24
    7
    25
    8
    26
    9
    27
    10
    28
    11
    29
    12
    30
    13
    31
    14