Filippine-MILF – Firmato l’accordo con i ribelli Musulmani

110213_RL5.jpg-

Elaborazione da fonte: Ted Regencia per Al Jazeera, 27 Mar 2014 12:06

Le Filippine e il più grande gruppo ribelle musulmano del Paese hanno sottoscritto uno storico accordo di pace, dopo 17 anni di negoziati e decenni di combattimenti che hanno provocato almeno 120 mila vittime nell’isola meridionale di Mindanao. L’accordo tra il governo del Presidente Benigno Aquino III (a destra nella foto) e il Fronte Moro di Liberazione Islamica (MILF) è stato firmato giovedì nel Palazzo Presidenziale della capitale Manila.

L’accordo creerà il Governo autonomo del Bangsamoro, con propri poteri di bilancio e di polizia. Un organismo di transizione sarà posto in essere con le elezioni locali previste nel 2016. Inoltre, il nuovo governo del Bangsamoro riceverà il 75 % delle imposte riscosse nella regione, il 75 % dei ricavi da minerali metalliferi e un qualche controllo dei territori di pesca.

Il MILF ha combattuto per l’autodeterminazione nella regione meridionale di Mindanao, che i Musulmani filippini considerano la loro patria ancestrale. Con questo accordo, il gruppo rinuncia alla lotta armata per l’indipendenza. Come parte dell’accordo, il MILF ha inoltre promesso di consegnare le armi dei 10-15.000 combattenti ribelli, che formano il più grande gruppo armato del sud est asiatico. Sono esclusi dall’accordo il gruppo ribelle originario Fronte Moro di Liberazione Nazionale (MNLF), che ha firmato un accordo separato nel 1996, e i Combattenti Islamici per la Libertà del Bangsamoro (BIFF), che si battono per uno Stato indipendente.

Prima della firma, il Presidente Aquino ha detto: “Mettiamo da parte i pregiudizi del passato e contribuiamo al clima di ottimismo che per la prima volta è diventato prevalente a Mindanao musulmana dopo tanto tempo”.

Alla cerimonia, cui erano stati invitati anche oltre 500 ribelli del MILF assieme a funzionari e diplomatici filippini, erano presenti il Presidente del MILF al-Ḥājj Murad Ebrahim (a sinistra nella foto) ed il Primo Ministro malese Najib Razak. La Malaysia, che è il vicino più prossimo al sud delle Filippine, è stata il principale mediatore dei negoziati. “L’accordo globale sul Bangsamoro rappresenta il coronamento della nostra lotta” ha detto Murad riferendosi alla madrepatria musulmana. “Dopo tanti anni di conflitto e tante vite perdute, è un atto epocale di coraggio” ha detto il malese Najib.

“Speriamo che saremo in grado di abbattere tutte queste differenze e unire tutti verso la causa comune, con l’unico obiettivo di raggiungere la pace e lo sviluppo nella regione” ha dichiarato ad Al Jazeera Miriam Coronel-Ferrer, Capo negoziatore per conto del governo.

Abhoud Syed M. Lingga, Presidente dell’Assemblea Consultiva del Popolo del Bangsamoro e uno dei firmatari dell’accordo, ha detto ad Al Jazeera che, mentre ci sono alcuni piccoli gruppi che sono “non soddisfatti” dell’accordo, la maggior parte dei residenti lo sono. “La gente della Patria Bangsamoro è molto felice che questo conflitto abbia una conclusione” ha detto. “Non ci aspettiamo che tutti aderiscano ora, perché non sono nemmeno sicuri se l’accordo sarà attuato”, ha aggiunto Lingga. Ma ha detto di confidare che i gruppi scissionisti “abbraccino la strada della pace”, una volta che l’accordo sarà attuato e la gente vedrà i “dividendi della pace”.

Von al-Haq, alto Comandante e portavoce delle Forze Armate Islamiche del Bangsamoro, che ha combattuto il governo fin dal 1972, ha dichiarato ad Al Jazeera che i combattenti più giovani sul campo, i quali hanno visto solo la guerra nella loro vita, sono desiderosi di tornare alle loro famiglie e condurre una vita normale. “Il gruppo armato del MILF è molto favorevole a questo processo di pace” ha detto.

Sam Zarifi, Direttore Regionale per l’Asia-Oceania della Commissione Internazionale dei Giuristi, ha dichiarato ad Al Jazeera che l’accordo è “un passo molto significativo” per porre fine a uno dei peggiori conflitti interni dell’Asia. “È un conflitto che la gente dimentica, ma quelli di noi che sono stati a Mindanao sanno che era un luogo selvaggio, senza legge, insicuro” ha detto Zarifi. “Sarà difficile da attuare, ma si deve cominciare da qualche parte. E oggi potrebbe essere una giornata storica” ha concluso.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Categories

Hijri Calendar

    January 2022
    Jamadil Awal - Jamadil Akhir 1443
    S M T W T F S
    1
    27
    2
    28
    3
    29
    4
    1
    5
    2
    6
    3
    7
    4
    8
    5
    9
    6
    10
    7
    11
    8
    12
    9
    13
    10
    14
    11
    15
    12
    16
    13
    17
    14
    18
    15
    19
    16
    20
    17
    21
    18
    22
    19
    23
    20
    24
    21
    25
    22
    26
    23
    27
    24
    28
    25
    29
    26
    30
    27
    31
    28