Afghanistan – È troppo tardi

di Ahmed Rashid*

Libera traduzione da: The New York Review of Books, June 18, 2017, 9:00 am

Quando James Mattis, il Segretario alla Difesa di Donald Trump, è stato chiamato questa settimana davanti al Comitato delle Forze Armate del Senato per testimoniare sul conflitto in Afghanistan, è stato insolitamente schietto: “Non stiamo vincendo in Afghanistan in questo momento”, ha detto. I Talebani hanno lanciato una notevole offensiva, ha riconosciuto, la situazione della sicurezza continua a deteriorarsi e il governo afghano detiene molto meno territorio di quanto non fosse un anno fa. In altre parole, le prospettive per qualsiasi tipo di risultato positivo sono così lontane di quanto non lo siano state in questa guerra di sedici anni: la guerra più lunga della storia americana.

Tuttavia, la soluzione di Trump – e di Mattis – a questa guerra impossibile da vincere sembra essere ancora una volta di inviare più truppe. Martedì scorso Trump ha annunciato che avrebbe dato all’esercito stesso piena autorità di decidere su quante truppe siano necessarie. (Lasciando tutte le decisioni nelle mani dei militari, ha abbandonato le solite consultazioni inter-agenzia, in particolare con il Dipartimento di Stato). E Mattis sta parlando di una revisione da completare nel mese di luglio che potrebbe aggiungere più di 5.000 soldati. Potrebbe essere troppo tardi.

L’Afghanistan ora affronta una crisi molto più profonda di quanto molti sembrino capire. I signori della guerra e i politici – compresi membri del governo – chiedono le dimissioni del Presidente Ashrāf Ghani e dei suoi ministri della sicurezza, accusandoli d’incompetenza, arroganza e istigazione all’odio etnico. Ci sono fino a dieci manifestazioni pubbliche al giorno per le strade di Kabul, svolte da giovani e dai parenti delle persone uccise negli ultimi attentati.

All’inizio di giugno molti attentati suicidi a Kabul hanno ucciso oltre 170 persone e ne hanno ferite circa 500. Terroristi sono riusciti a portare un’enorme camion-bomba in un quartiere diplomatico molto sorvegliato, dove è esploso, uccidendo soprattutto civili – una chiara indicazione della collusione con funzionari della sicurezza. Né i Talebani né lo Stato Islamico hanno rivendicato la responsabilità. I Talebani hanno lanciato offensive di terra per conquistare più territorio e per catturare la città settentrionale di Kunduz, una città di quasi 300.000 abitanti che l’anno scorso hanno tentato di prendere due volte. Se cadesse ora in mano ai Talebani, sarebbe la prima grande città che avrebbero ripreso.

I vicini dell’Afghanistan, nel frattempo, stanno diventando sempre più irrequieti per la controinsorgenza condotta dagli Stati Uniti: il Pakistan continua a dare asilo alla leadership dei Talebani, incluso il gruppo Ḥaqqānī, il braccio più pericoloso dei Talebani, mentre l’Iran e la Russia stanno offrendo supporto ai Talebani (non si sa esattamente quanto). Queste potenze regionali ritengono che i Talebani potrebbero essere un baluardo contro la diffusione dello Stato Islamico nel loro territorio e non vogliono che il Pakistan monopolizzi l’influenza sui Talebani. Vogliono limitare il potere degli Stati Uniti nella regione. L’influenza dello Stato Islamico in Afghanistan, una volta relegata alla sola Provincia orientale di Nangarhār, si sta espandendo e il gruppo ha rivendicato la responsabilità di un orribile attacco all’inizio di marzo all’ospedale militare di Kabul, in cui sono stati uccisi cinquanta pazienti e medici e ne sono stati feriti 90.

Eppure, ancora più pericoloso del deterioramento della sicurezza è la crisi politica che si sta rivelando ora a Kabul. La mancanza di fiducia tra il Presidente Ashrāf Ghani e il suo Amministratore Delegato o Primo Ministro, ʿAbdullāh ʿAbdullāh [leader della formazione riformista islamica Etelaf-e Milli / Coalizione Nazionale, N.d.T.], ha portato ad una paralisi dell’azione di governo e dei servizi sociali. Gli alti funzionari dell’esercito e della burocrazia stanno scegliendo il versante [su cui schierarsi, N.d.T.]. Molti burocrati e insegnanti non sono stati pagati per mesi a causa della mancanza di fondi. Signori della guerra di primo piano ora diventati politici stanno sempre più schierandosi con l’opposizione e chiedono che Ghani si dimetta e si tengano nuove elezioni.

Ghani è profondamente impopolare. Molti Afghani ora considerano illegittimo il governo, un regime che proprio non sopravvivrebbe se non fosse sostenuto dagli Stati Uniti e dalla NATO, che insieme hanno circa 13.000 soldati nel Paese. Due anni fa gli Stati Uniti hanno mediato per un governo di coalizione tra Ghani e il suo rivale ʿAbdullāh ʿAbdullāh, al fine di appianare le divergenze per elezioni pesantemente truccate. (Sono state manipolate da entrambi i candidati e i due si sono scontrati per mesi su chi effettivamente avesse vinto, prima che gli Americani intervenissero).

Ma Ghani, un Pashtun, non ha mai pienamente condiviso il potere con ʿAbdullāh, un Tajiko, ed è stato accusato di riempire il governo di suoi compagni pashtun. Membri del governo, come il Ministro degli Esteri e un delegato speciale del Presidente, e signori della guerra come l’influente Ismāʿil Khan [già Ministro dell’Energia e delle Acque nel governo Karzai, N.d.T.] di Herat – tutti una volta fedeli alla coalizione – stanno ora chiedendo le dimissioni di Ghani e nuove elezioni, perché sono stufi della sua incompetenza apparente, la sua arroganza e la sua riluttanza a lavorare con la coalizione.

Fino ad ora le forze occidentali sono state in grado di mantenere in carica il governo finanziando il bilancio, pagando gli stipendi e mantenendo l’esercito afghano sul campo. Ma è diventato sempre più difficile, con i Talebani che avanzano in molte parti del Paese e che fanno apparire sempre più irrilevanti le forze degli Stati Uniti e della NATO. Gli oppositori politici sono stati disposti a contraddire gli Americani, ma questo può cambiare.

In considerazione della crescente impudenza degli attacchi talebani, ora ci sono profonde divisioni nel Consiglio per la Sicurezza Nazionale USA tra coloro, incluso Mattis, che vogliono inviare altre migliaia di truppe USA in un ultimo tentativo di salvare il regime dal collasso e quelli, come il consulente Steve Bannon [Capo Stratega del Presidente Trump, N.d.T.], che vogliono che gli Stati Uniti si allontanino da ciò che è chiaramente un tentativo militare fallito e uno Stato fallito. Ma la decisione di Trump di questa settimana di lasciare la decisione agli stessi militari suggerisce che coloro che sostengono un nuovo aumento di truppe avranno il sopravvento. È una strategia senza speranza.

Indipendentemente da quante truppe Mattis decida di inviare questa estate, non risolverà la crisi politica a Kabul. In assenza di un chiaro impegno con il governo afghano o di richieste che Ghani crei un governo di coalizione più coinvolgente e ceda alcuni dei suoi poteri, più truppe USA faranno solo peggiorare le cose.

Nessuno a Washington sembra interessato a esercitare maggiori pressioni politiche sul regime di Kabul, sul Pakistan e sui Talebani per avviare negoziati che potrebbero portare ad un cessate il fuoco e ad un accordo politico. Continuare, come fanno gli Stati Uniti, a vedere il conflitto solo attraverso il prisma della guerra e della quantità di truppe comporterà solo un’erosione continua della legittimità del governo. E perdita di territorio. Gli attacchi dei Talebani aumenteranno, ci sarà una continua perdita di territorio e il governo potrebbe crollare. Questa è una ricetta per il fallimento.

 

* Ahmed Rashid è l’autore di Pakistan di frontiera: il futuro di America, Pakistan e Afghanistan e di diversi libri su Afghanistan e Asia Centrale. Vive a Lahore, la capitale della regione pakistana del Punjab.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Categories

Hijri Calendar

    April 2021
    Sha'ban - Ramadhan 1442
    S M T W T F S
    1
    18
    2
    19
    3
    20
    4
    21
    5
    22
    6
    23
    7
    24
    8
    25
    9
    26
    10
    27
    11
    28
    12
    29
    13
    1
    14
    2
    15
    3
    16
    4
    17
    5
    18
    6
    19
    7
    20
    8
    21
    9
    22
    10
    23
    11
    24
    12
    25
    13
    26
    14
    27
    15
    28
    16
    29
    17
    30
    18